Straniero
Straniero
Servizi sociali

Sportello per l’ausilio alle persone straniere nella Bat

Per proteggere potenziali vittime di tratta e sfruttamento lavorativo. In collaborazione con la comunità Oasi2

La Provincia Barletta-Andria-Trani ha di recente sottoscritto un accordo con la Regione Puglia, che prevede l'attivazione di un apposito sportello che miri ad intercettare persone straniere potenziali vittime di tratta e/o di sfruttamento lavorativo, avvalendosi della collaborazione della Cooperativa Sociale Comunità Oasi 2.

Il Progetto – come ci comunica l'Assessore Provinciale alle Politiche del Lavoro e alla Formazione Professionale, Pompeo Camero - parte dalla constatazione che il fenomeno della tratta e riduzione in schiavitù/servitù, per quanto sommerso, è sempre più capillarmente diffuso nei contesti locali del territorio nelle sue diverse forme e chiama in causa la responsabilità delle istituzioni, della società civile e delle comunità locali, dalle quali stanno provenendo risposte concrete attraverso progetti di fattibilità rivolti specificamente ad assicurare percorsi individualizzati di assistenza in grado di garantire, in via transitoria, adeguate condizioni di alloggio, di vitto e di assistenza sanitaria alle vittime di questi reati.

Dal canto proprio l'Assessore Provinciale alle Politiche Sociali – Camelinda Lombardi, auspica di sviluppare un modello d'intervento sociale che faciliti l'emersione delle situazioni di tratta e/o di grave sfruttamento sessuale delle straniere presenti sul territorio provinciale, con l'individuazione delle vittime stesse e il loro accesso alle tutele previste. L'obiettivo è definire e sperimentare un modello d'intervento integrato quale percorso d'inclusione sociale e lavorativa. In particolare, come emerge dall'accordo, la Provincia si è impegnata, attraverso i Settori Politiche Sociali e Politiche attive del Lavoro ed il Centro per l'Impiego di Bisceglie, Sportello Polifunzionale di Trani presso il quale coordina l'attività la dott.ssa Marianna Di Clemente: a facilitare l'emersione della condizione di sfruttamento/riduzione in schiavitù e della domanda di aiuto; a segnalare alla Regione Puglia, ovvero agli Enti attuatori del Progetto "Le Città in-Visibili 5", le vittime, anche potenziali, di tratta e di riduzione in schiavitù/servitù; a facilitare l'accesso allo sportello presso il CTI, volto all'individuazione ed al supporto sociale di persone straniere potenziali vittime di tratta, in raccordo con gli operatori del progetto ROSA, strutturato a favore delle badanti.

Dal canto proprio, la Regione Puglia, mediante l'Ente attuatore, ovverosia la Cooperativa Sociale Oasi 2, si è impegnata: ad attivare presso lo Sportello Polifunzionale di Trani, ogni giovedì pomeriggio dalle 15 alle 17, uno sportello volto ad intercettare persone straniere potenziali vittime di tratta e/o di sfruttamento lavorativo che si rivolgono al CTI da tutta la Provincia; a svolgere, mediante l'attivazione del suddetto sportello un servizio di counselling e di orientamento socio-lavorativo rivolto alle persone straniere, a svolgere attività di concertazione con gli Assessorati provinciali competenti e l'Assessorato al Welfare della Regione Puglia sulle problematiche connesse allo sfruttamento.

Dall'azione sinergica degli Enti sottoscrittori del Progetto e dalla strategica attività della Cooperativa Sociale Oasi 2, certamente scaturiranno significativi risultati nella lotta alla tratta degli esseri umani, favorendo l'emersione del fenomeno ed il pieno recupero e l'integrazione delle vittime dello sfruttamento e della riduzione in schiavitù/servitù.

  • Lavoro
  • Immigrazione
  • Sportello per il cittadino
Altri contenuti a tema
Una donne al vertice dell'Ordine degli Ingegneri Bat: è la barlettana Antonella Cascella Una donne al vertice dell'Ordine degli Ingegneri Bat: è la barlettana Antonella Cascella Insediato il nuovo Consiglio, tutti i nomi e le cariche
22 “Patto per Conciliare Competere Innovare”, domani la presentazione a Barletta “Patto per Conciliare Competere Innovare”, domani la presentazione a Barletta Percorso per la promozione del welfare aziendale attraverso il lavoro "family friendly"
Nuova chiusura del casello autostradale di Canosa di Puglia: possibili disagi per chi guida Nuova chiusura del casello autostradale di Canosa di Puglia: possibili disagi per chi guida Programmati alcuni lavori di pavimentazione, prevista viabilità alternativa
Lavoro, 314 posizioni aperte nel territorio della Bat Lavoro, 314 posizioni aperte nel territorio della Bat Tutti i dettagli diramati dai Centri per l’impiego Arpal
L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici Le domande per i progetti scadranno il 5 settembre 2022
Oltre 100 persone al recruiting day del Centro per l'Impiego di Barletta Oltre 100 persone al recruiting day del Centro per l'Impiego di Barletta Le offerte di lavoro saranno condivise su un apposito canale Telegram
Lavoro, giornata di recruiting al Centro per l’impiego di Barletta Lavoro, giornata di recruiting al Centro per l’impiego di Barletta Saranno illustrati i nuovi servizi digitali della Regione Puglia
Sostegno alle imprese femminili, come e quando presentare la domanda Sostegno alle imprese femminili, come e quando presentare la domanda Il bando fondo impresa femminile prevede agevolazioni a fondo perduto fino all'80%
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.