Mobilitazione per l'Ucraina
Mobilitazione per l'Ucraina
Scuola e Lavoro

In Puglia, borse di studio per studenti ucraini

«Si tratta di un intervento straordinario che prova a restituire ai tantissimi giovani una speranza di futuro»

Approvato oggi dalla Giunta della Puglia, su indicazione dell'Assessore regionale Sebastiano Leo, lo schema di convenzione tra l'Assessorato regionale all'Istruzione e le università presenti in Puglia per l'attivazione di misure di sostegno volte a garantire il diritto allo studio e l'accoglienza alle studentesse e studenti ucraini (o anche di altre nazionalità, ai quali, in conseguenza di crisi politiche e militari in atto, sia stata concessa la protezione internazionale, anche temporanea, ivi compresi quelli giunti in Italia con i corridoi universitari attivati dalle Università Pugliesi). L'Accordo prevede la frequenza di corsi offerti dalle università, statali e non, dagli ITS e dalle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica presenti sul territorio.

«Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza umanitaria, tutta la comunità internazionale ha il dovere di contribuire ad arginare questa terribile crisi politica ed economica che sta sconvolgendo un Paese nel cuore dell'Europa come l'Ucraina. Per questo abbiamo deciso di intervenire subito, siglando prontamente con le università della Puglia un accordo di collaborazione che consentirà agli studenti e studentesse ucraini di ricevere una borsa di studio di un importo pari a 1000 euro al mese per la frequenza di corsi presenti nell' offerta didattica degli atenei pugliesi» ha dichiarato l'assessore regionale Sebastiano Leo.

Ha aggiunto: «Con uno stanziamento di fondi che sarà ripartito non solo tra le università ma anche tra gli Its, i Conservatori musicali e le Accademie di Belle Arti della Puglia, stiamo provando a contrastare gli effetti umanitari di questa crisi che sta sconvolgendo la vita di migliaia di persone. Si tratta di un intervento straordinario che prova a restituire ai tantissimi giovani, devastati dalle atrocità della guerra, una speranza di futuro, una parvenza di vita, di normalità,partendo dalla tutela di uno dei loro diritti fondamentali, quello allo studio. Ringrazio il sistema universitario della Puglia per la tempestività e disponibilità con cui ha prontamente aderito all'iniziativa dell'amministrazione regionale».

L'iniziativa prevede che siano assegnate borse di studio a titolo di rimborso forfettario per le spese di vitto e alloggio ma anche per tutte le spese collegate al diritto allo studio: voucher acquisto libri, spese di trasporto, spese di trasferimento dal luogo di residenza temporanea alle sedi universitarie. Un intervento che l'amministrazione regionale ha fortemente voluto per rispondere alla fase emergenziale connessa alla grave crisi internazionale in atto.

Con la stipula dell'Accordo le università pugliesi si impegnano a permettere alle studentesse e agli studenti ucraini di iscriversi e frequentare gratuitamente anche singoli corsi presenti nella propria offerta didattica e a rilasciare i relativi crediti formativi. Le borse saranno assegnate anche agli studenti che decidano di frequentare corsi offerti dalle università pubbliche e private, dalle istituzioni di Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM) e dagli Istituti Tecnici Superori (ITS) presenti in Regione, laddove gli stessi li offrano gratuitamente e rilascino i relativi crediti formativi.
Le Università, inoltre, si impegnano ad erogare gratuitamente, anche in modalità a distanza, corsi di lingua italiana per gli studenti e i cittadini ucraini, (o anche di altre nazionalità, ai quali, in conseguenza di crisi politiche e militari in atto, sia stata concessa la protezione internazionale, anche temporanea, ivi compresi quelli giunti in Italia con i corridoi universitari attivati dalle Università Pugliesi) ospitati in Puglia.
  • Guerra
Altri contenuti a tema
1 Domenica 17 luglio, una bandiera ucraina sulla facciata del Municipio Domenica 17 luglio, una bandiera ucraina sulla facciata del Municipio Il Sindaco Cosimo Cannito incontrerà una delegazione di profughi ucraini
Guerra in Ucraina: partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione Guerra in Ucraina: partito dalla Puglia il primo team sanitario di valutazione Il loro compito è quello di stabilire le priorità d’imbarco di pazienti
A Barletta la manifestazione Pro-Ucraina, presso la Chiesa di Sant’Antonio A Barletta la manifestazione Pro-Ucraina, presso la Chiesa di Sant’Antonio Continua la raccolta di alimentari a Barletta, Molfetta, Terlizzi
Anpi Barletta e Bat: un tavolo di confronto sulla guerra Anpi Barletta e Bat: un tavolo di confronto sulla guerra «Perché è una guerra “complessa” quella attuale» dice il professor Villani e Pappalardo, vicepresidente dell’Anpi nazionale
Partito da Barletta un nuovo carico di beni di prima necessità per l'Ucraina Partito da Barletta un nuovo carico di beni di prima necessità per l'Ucraina Riprende dunque la raccolta organizzata dall'Ambulatorio popolare di Barletta
Polina Sasko, la pianista ucraina che vinse al Teatro Curci, racconta la guerra Polina Sasko, la pianista ucraina che vinse al Teatro Curci, racconta la guerra Oggi gran parte del ricavato dei suoi concerti lo devolve in beneficienza al popolo ucraino
Ossario dei Caduti Slavi di Barletta: il ricordo della guerra e l'enigma Ossario dei Caduti Slavi di Barletta: il ricordo della guerra e l'enigma Una riflessione sull'opera progettata dallo scultore croato Dušan Džamonja
Accoglienza Ucraina, presto un centro di registrazione a Barletta Accoglienza Ucraina, presto un centro di registrazione a Barletta Monitoraggio da parte della Prefettura: previsti centri presso l'Ufficio Anagrafe in tutti i Comuni della provincia
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.