Depositive
Depositive
La città

Depositive: il deposito barlettano che cerca di resistere attraverso l’arte

Un contenitore d'arte che trasforma il grigio in colorata creatività

Era il 1° dicembre 2020 quando sulle home di alcuni social è spuntato questo profilo dal nome Depositive. La prima foto su Instagram: un piccolo deposito quasi interamente vuoto ed una foto scatta in bianco e nero con la didascalia: "Deposite diverrà un box in cui toccare i pensieri e vedere le emozioni dell'ultimo anno, guardando con doverosa fiducia al futuro".

Angelo Mastropierro, in arte anche Angelo Nass, che nella vita si occupa di organizzazione di eventi e di musica, inaugura così la sua idea.

Non si capisce bene quale sia la mission di Depositive, ma incuriosisce tutti e tutti ne sono attratti.

Angelo racconta che vivendo d'arte, di musica e d'eventi, ha dovuto temporaneamente fermare il suo lavoro. Ed è proprio nello sconforto che vengono le idee. In questo periodo di stallo, il dj barlettano ha deciso di ripulire un box di famiglia ed una volta svuotato, difronte a tutto quel vuoto, chiacchierandone con gli amici, ha deciso di farne qualcosa.

"Tutto è nato per gioco" dice Angelo. "Perché non dipingiamo i muri" ha proposto ai suoi amici più cari. Presto è stato fatto. I ragazzi pian piano hanno incominciato a postare i disegni fatti sui muri ed attirare la curiosità dei più creativi.

Arrivano tante richieste: chi voleva dipingere, chi scrivere delle frasi e qualcuno solo guardare un po' d'arte. Arrivando a contare una cerchia di circa 50 persone, Angelo ha deciso di creare una lista prenotazioni, per rispettare tutte le limitazioni dovute al Covid, senza rinunciare a fare arte.

Depositive ha coinvolto moltissimi giovani della nostra cittadina. Pian piano il bianco e nero della prima foto è sparito e tutto il deposito si è colorato della positività di cui c'era bisogno.

Quando lo spazio finirà?
«Dopo aver disegnato e dipinto anche sul soffitto, il progetto è quello di esportare Depositive. Questo significa abbellire angoli della città, il lungomare, valorizzarli attraverso la filosofia del colore. Difatti è anche iniziata una collaborazione con il lido Maadhoo».

Angelo guarda questo deposito come una testimonianza artistica, una traccia storica nella nostra città, il simbolo di una generazione che sta cercando di resistere dando sfogo alla creatività, canalizzando le emozioni negative di questo periodo in energia positiva.

Alla domanda cos'è Depositive potremmo rispondere: è un contenitore d'arte che potrebbe trasformarsi in un laboratorio per bambini, set per video e/o fotografie. Poi, tra qualche anno potremo ricordarlo anche come la traccia di chi tra una pennellata e l'altra, ha cercato di vivere durante la pandemia.
  • Arte
Altri contenuti a tema
DNA Wall, a Barletta una nuova opera in onore della comunità LGBT DNA Wall, a Barletta una nuova opera in onore della comunità LGBT Il gruppo artistico barlettano ha realizzato una nuova poster art in occasione della presentazione del libro “La Bambina Invisibile”
Pittura e devozione, il ricordo del pittore Biagio Vinella Pittura e devozione, il ricordo del pittore Biagio Vinella Dipinse una copia del quadro della Madonna dello Sterpeto
"È tempo di cambiare" l'opera di Gennaro Corcella a Barletta "È tempo di cambiare" l'opera di Gennaro Corcella a Barletta L'istallazione era presente oggi sul sagrato della chiesa di San Gaetano in Piazza Plebiscito
16 La sedia che annuncia la primavera a Barletta La sedia che annuncia la primavera a Barletta L'idea dell'artista Gennaro Corcella
4 "Sarò pittore", a Barletta la prima edizione dell'evento dedicato a De Nittis "Sarò pittore", a Barletta la prima edizione dell'evento dedicato a De Nittis Il ricavato delle opere sarà devoluto ai profughi in fuga dalla guerra
La Disfida di Barletta diventa giovane, moderna e inclusiva nell'opera del maestro Borgiac La Disfida di Barletta diventa giovane, moderna e inclusiva nell'opera del maestro Borgiac Un mix di passato e futuro nel murale della scuola "Giovanni Paolo II"
Intensa, vitale, impetuosa: alla scoperta dell'arte di Nunzio Quarto Intensa, vitale, impetuosa: alla scoperta dell'arte di Nunzio Quarto L'artista legato a Barletta al centro di un'analisi critica di Giuseppe Lagrasta
Garibaldi a Barletta: l'opera per il 150mo anniversario Enpa Garibaldi a Barletta: l'opera per il 150mo anniversario Enpa L'opera è stata realizzata dall'artista Antonella Palmitessa
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.