Carmela Peschechera
Carmela Peschechera
Politica

Collisione tra Partito Democratico e Carmela Peschechera, questione di «privilegi»

Botta e risposta tra gli esponenti barlettani del partito e il presidente del consiglio comunale

«A proposito della sua recente comunicazione di non voler aderire più al gruppo del Partito Democratico, né al Partito stesso e delle ingenerose dichiarazioni relative al nostro Partito, pubblicate sulla stampa in un momento politico di grande delicatezza, il gruppo consiliare del Partito Democratico, in accordo con la sua Segreteria politica e il suo Direttivo, ritiene di dover esprimere qualche considerazione, non già nel merito della Sua personale, legittima e libera scelta, quanto per l'attacco sferzato attraverso la carta stampata e senza un leale e diretto confronto, al partito che rappresentiamo».

È la risposta del PD di Barletta alla lettera inviata dal presidente del consiglio comunale Carmela Peschechera, in cui comunicava il suo allontanamento dal partito: «Siamo 8 consiglieri comunali - anzi 9, contando il nostro Sindaco, nostro compagno di Partito - uomini e donne di età, professioni e impegni sociali differenti. Tutti quanti abbiamo aderito al Partito con la medesima spinta ideale che Lei richiama e con lo stesso impegno abbiamo chiesto ai cittadini, quasi cinque anni fa, di esprimere la loro fiducia e il loro voto per rappresentarli ponendo una croce su un simbolo che per noi ha ancora un grande valore. E' grazie a quel simbolo – e al fatto di essere in quella lista, a rappresentare quei valori – che noi tutti, 9, siamo riusciti ad essere eletti per amministrare la città e ad avere il privilegio di rappresentare i cittadini in questa assemblea elettiva, la più alta istituzione comunale.

Il privilegio, già. Un privilegio di cui siamo tutti grati al Partito Democratico. Tutti tranne Lei, a quanto pare. Lei che tra tutti ha avuto il privilegio più grande, Presidente. E per quanto il ruolo di Presidente si configuri come strettamente "istituzionale", non si può non riconoscere che averlo attribuito a Lei e non ad altri sia stata una scelta puramente politica: Lei non già in quanto Carmela Peschechera, persona degna quanto tutti coloro che qui siedono, ma Lei in rappresentanza di quel partito, il nostro partito, il primo della coalizione. Lei, che siede sullo scranno più alto, dovrebbe riconoscere che il privilegio di esercitare questa funzione Le deriva dalla fiducia accordataLe in quanto componente del Partito Democratico. E invece ingenerosamente e senza cercare un confronto leale e diretto all'interno della nostra casa – che peraltro da qualche mese ha rinnovato e riorganizzato i suoi organismi dirigenziali e che sta compiendo lo sforzo di lavorare e riunirsi quotidianamente per costruire una nuova visione collettiva - ha scelto di abbandonarla sbattendo la porta e lasciandoci "un bigliettino". È questa probabilmente la "lealtà, la correttezza, l'educazione" cui faceva riferimento nella Sua nota. Sono questi, evidentemente, i metodi politici nuovi, alternativi alle "vecchie logiche politiche" che Lei contesta. Dev'essere questa la politica che dovrebbe operare per la "res publica e non per sé stessa". A noi questa sembra politica da fast food: si entra, si consuma e si esce. Ma ne prendiamo atto e andiamo avanti.

In che modo ciascuno di noi, Lei inclusa, ha contribuito alla vita e alla vitalità del Partito Democratico? Quali contributi di senso abbiamo fornito al Partito che ci ha eletti in questi cinque anni – al netto del nostro operato istituzionale? In che modo lo abbiamo sostenuto – in tutti i modi previsti dal nostro Statuto? Su questo sarebbe stato opportuno interrogarci a viso aperto e tutti assieme. Non lesinando una sana autocritica rispetto a tutto quanto tra noi non ha funzionato. Ma Lei ha preferito sottrarsi a questo confronto: al "metterci la faccia" – prerogativa essenziale per chi si impegna in politica – ha preferito la più comoda penna. Ha scelto una via più comoda, meno impegnativa: criticare il Partito e non mostrare la minima intenzione di voler compiere un'analisi del Suo personale operato.

Sarà pure abusata come citazione, ma in questo caso quel famoso pensiero di Kennedy, parafrasato, calza a pennello: "Non chiedetevi cosa il vostro Partito può fare per voi, chiedetevi cosa voi potete fare per il vostro Partito!". Non intendiamo noi, ora, in questa sede, compiere questa pure necessaria analisi. Né intendiamo domandarLe ciò che il buon senso richiederebbe, ovvero di rimettere il ruolo di Presidente a cui l'abbiamo eletta. Il Partito Democratico intende preservare l'Istituzione sempre e comunque, saranno altre le sedi in cui articolare le riflessioni sull'accaduto. Mutare opinione è legittimo e non stupisce né preoccupa. Viviamo d'altronde in un'epoca di grandi mutamenti e questo piccolo smottamento non ci distoglierà certo dal nostro ben più importante lavoro di questi mesi. Certo impressionano la gratuità, la pesantezza e il tempismo con cui si manifestano certi attacchi, ma andremo avanti, fiduciosi, nonostante tutto, augurando a i nostri detrattori di ieri e di oggi di trovare pace e serenità. Il Partito Democratico continuerà ad esistere e a lavorare con il contributo di chi vorrà esserci» chiosa la nota.

E nella serata di ieri è giunta la controreplica dell'avvocato Peschechera, che così scrive: «In merito alla nota letta, in apertura della seduta del Consiglio comunale del 23 gennaio 2018, dalla Consigliera Damato a nome dell'intero Gruppo consiliare del Partito Democratico e pubblicata sugli Organi di stampa, confermo quanto già detto in replica alla stessa in quella seduta. Il ruolo di Presidente del Consiglio che a tutt'oggi ricopro non per "privilegio" ma a seguito di un'elezione democratica a Consigliere comunale prima e poi a seguito di una votazione, altresì democratica, avvenuta il 19 luglio 2013 in sede consiliare, mi impone di mantenere una neutralità politica necessaria a garantire il corretto funzionamento dell'Organo Istituzionale che presiedo, anche in questi ultimi mesi mancanti alla fine del mandato elettorale. Il comunicato stampa riportante la mia decisione di non voler più appartenere al Gruppo del PD, seguiva le mie comunicazioni orali, telefoniche e scritte dei mesi precedenti con gli Organi di partito competenti ai quali ho inviato una mia nota prima dell'invio della lettera ai giornali. Quando cesserà per me l'obbligo dell'astensione da giudizi critici prettamente politici, potrò rendere pubblico ogni dettaglio della mia esperienza sia di partito che di Presidente del Consiglio Comunale. Ad ogni forza politica oggi in campo va il mio sincero e sereno augurio di ben operare perché ne ha troppo bisogno la nostra Italia, la nostra Barletta e quindi noi tutti se vogliamo continuare a vivere in questa terra bellissima ma un po' sfortunata».
  • Partito Democratico
  • Carmela Peschechera
Altri contenuti a tema
1 Primi 100 giorni del Cannito bis? Per il PD «bocciato» Primi 100 giorni del Cannito bis? Per il PD «bocciato» Per l'opposizione «una lunga lista di sogni, pura propaganda»
1 PD contro Cannito: «Invece di allargare fronti di conflitto, dovrebbe cercare la collaborazione» PD contro Cannito: «Invece di allargare fronti di conflitto, dovrebbe cercare la collaborazione» Il partito replica alle recenti dichiarazioni del sindaco
4 Nomine CDA casa di riposo, fuochi incrociati tra maggioranza e opposizione Nomine CDA casa di riposo, fuochi incrociati tra maggioranza e opposizione Le dichiarazioni di Stella Mele, Antonio Comitangelo e Rosa Cascella
3 Capre al cimitero, il PD non ci sta: «Immagine indecorosa, si proceda alla manutenzione» Capre al cimitero, il PD non ci sta: «Immagine indecorosa, si proceda alla manutenzione» La nota del gruppo consiliare dem
11 «Il rispetto istituzionale si dimostra innanzitutto nei confronti delle opposizioni» «Il rispetto istituzionale si dimostra innanzitutto nei confronti delle opposizioni» Non si arresta lo scontro tra Cannito e PD
Calcinacci nell’atrio del plesso Rodari dell'istituto "Mennea" Calcinacci nell’atrio del plesso Rodari dell'istituto "Mennea" La denuncia dei consiglieri comunali del PD
17 «Scuole a pezzi, emergenza assoluta», l'appello del PD Barletta «Scuole a pezzi, emergenza assoluta», l'appello del PD Barletta Intervengono i consiglieri Cascella, Caracciolo, Dipaola e Paolillo
TARI, continua l'attacco del PD: «Molti elementi sollevano perplessità» TARI, continua l'attacco del PD: «Molti elementi sollevano perplessità» La nota dei consiglieri Cascella, Caracciolo, Dipaola e Paolillo: «Non scaricare su soggetti terzi come AGER le inefficienze e le contraddizioni di questa amministrazione»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.