Coppia Mani
Coppia Mani

La triste storia di Carmela, ingannata e senza lavoro

«Stiamo cercando tutti di dare una mano, dove sono le istituzioni?»

Carissima redazione di Barlettaviva, sono un cittadino italiano e barlettano, e voglio raccontarvi la triste realtà che, come altri concittadini, vive questa ragazza. Carmela Rizzi nasce 41 anni fa da una famiglia umile. Purtroppo, all'età di 6 anni ha perso la madre e quindi la sua vita è stata devastata da questa grave perdita. Ben presto (aveva solo 18 anni), ha dovuto rimboccarsi le maniche per mantenersi. Comincia a lavorare nell'ambito del calzaturiero per circa 10 anni, negli anni 90 purtroppo la crisi del settore ha contribuito a far perdere il posto di lavoro alla sig.na che, trovandosi in difficoltà economiche e non perdendosi d'animo, trovò lavoro come collaboratrice domestica ad ore, poi in seguito fu assunta part-time in un impresa di pulizie. Fin qui tutto bene, anche se i guadagni erano minimi, gli stessi le permettevano di vivere una vita dignitosa. Da circa 2 anni, l'azienda dove lei lavorava purtroppo, per mancanza di commesse, ha preso la drastica decisione di licenziarla.

Oggi la stessa non può accedere agli ammortizzatori sociali poiché, scelleratamente, il suo ex datore di lavoro le fece firmare, con l'inganno, il licenziamento. Sono ormai 2 anni che la sig.na svolge lavori a domicilio per pochi euro e, non potendo più pagare l'affitto, il 4 Novembre rimarrà per strada poiché c'è un esecuzione di sfratto da parte del proprietario della casa. Noi stiamo cercando, ma invano, un aiuto per questa ragazza, affinché possa continuare a vivere dignitosamente. Abbiamo coinvolto le istituzioni, i servizi sociali, la Chiesa, ma non abbiamo mai ricevuto risposte concrete. Ci chiediamo come è possibile che oggi si aiutano giustamente extracomunitari che fuggono dai paesi in guerra e non si riesce a trovare una soluzione per una nostra concittadina che, per la disperazione, varie volte ha pensato di farla finita?

Dove sono le istituzioni, in primis il sindaco Cascella e tutta la Giunta Comunale?
Dove sono i Consiglieri Regionali e Provinciali, nostri concittadini?
Dov'è la Chiesa?
Dov'è finito lo spirito di solidarietà?


Spero e ringrazio Barlettaviva. Spero anche che, con questa mia testimonianza, si possa trovare soluzioni urgenti per questo dramma prima che sia troppo tardi.

[Un lettore]
  • Lavoro
  • Proposta di lavoro
  • Aiuti sociali
  • disagio sociale
Altri contenuti a tema
Caro carburante, il governo proroga al 20 settembre il taglio sulle accise Caro carburante, il governo proroga al 20 settembre il taglio sulle accise Il provvedimento è contenuto nel decreto Aiuti-Bis
Opportunità di lavoro, 381 posti nella Bat Opportunità di lavoro, 381 posti nella Bat Tutte le offerte di lavoro presenti nel report Arpal Bat
Stai cercando di guadagnare un reddito extra? Prova Taskrabbit Stai cercando di guadagnare un reddito extra? Prova Taskrabbit Guadagna aiutando le persone attorno a te con lavori di montaggio mobili IKEA, piccole riparazioni domestiche e tanto altro ancora
Una donne al vertice dell'Ordine degli Ingegneri Bat: è la barlettana Antonella Cascella Una donne al vertice dell'Ordine degli Ingegneri Bat: è la barlettana Antonella Cascella Insediato il nuovo Consiglio, tutti i nomi e le cariche
22 “Patto per Conciliare Competere Innovare”, domani la presentazione a Barletta “Patto per Conciliare Competere Innovare”, domani la presentazione a Barletta Percorso per la promozione del welfare aziendale attraverso il lavoro "family friendly"
Nuova chiusura del casello autostradale di Canosa di Puglia: possibili disagi per chi guida Nuova chiusura del casello autostradale di Canosa di Puglia: possibili disagi per chi guida Programmati alcuni lavori di pavimentazione, prevista viabilità alternativa
Lavoro, 314 posizioni aperte nel territorio della Bat Lavoro, 314 posizioni aperte nel territorio della Bat Tutti i dettagli diramati dai Centri per l’impiego Arpal
L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici L'avviso pubblico della Regione Puglia a sostegno delle madri lavoratrici Le domande per i progetti scadranno il 5 settembre 2022
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.