Scompare il Campo ROM in zona 167 alla presenza del Sindaco
Scompare il Campo ROM in zona 167 alla presenza del Sindaco
La città

Scompare il campo rom in zona 167 alla presenza del Sindaco

Si apre una nuova pagina nella storia di Barletta, inclusiva e civile

Da stamattina i residenti del quartiere conosciuto come "zona 167" possono osservare un orizzonte diverso dalle finestre delle loro case. Ruspe, camion ed escavatori ancora adesso circondano il suolo che fino a poco tempo fa ospitava una nota comunità ROM di Barletta, famosa tristemente per una acuita stigmatizzazione e lontananza dal resto del tessuto sociale. Baracche, lamiere e rifiuti spariscono grazie al lavoro puntuale degli operatori urbani, che pian piano recuperano un piccolo "pezzo" della nostra città.

Si attua così un progetto nato già da diversi mesi, che oggi ha visto muovere i passi più significativi non solo per il recupero di un territorio comunale, ma anche per un necessario processo di integrazione e inclusione delle comunità ROM e Sinti. In merito si è così espresso l'assessore alle politiche sociali Marcello Lanotte: "E' una pagina nuova che viene riscritta dopo venti anni di degrado sotto gli occhi di tutti. Con l'amministrazione abbiamo cercato di coniugare il principio della legalità a quello dell'inclusione sociale, contenendo le spese previste, per il ripristino del decoro urbano".



Presente allo sgombero del campo anche il Sindaco Pasquale Cascella, soddisfatto nell'aver intercettato le esigenze della comunità della zona 167, sempre più perplessa sulle condizioni di un'area ai limiti del decoro e dell'igiene. Lo stesso sindaco ha chiarito poi la destinazione che interesserà alcune famiglie ROM trasferite presso un immobile sito in Via Andria.

In seguito all'approvazione della giunta comunale infatti, una palazzina sequestrata alla criminalità organizzata sarà adibita all'accoglienza di questa comunità, agevolando un processo di integrazione atteso da diverso tempo. Un processo che risulta fondamentale per il riconoscimento di diritti e doveri ad una realtà cittadina spesso troppo distante dal resto della società. Questa realtà ora potrà avere una "casa" dignitosa e in regola con i criteri di civiltà e legalità, e che dovrà rappresentare un punto di partenza per l'inserimento e l'integrazione. A chiarire questa volontà di collaborazione è stata la puntualizzazione dell'assessore Lanotte che ha sottolineato la volontà di queste famiglie nell'adempiere ai propri doveri versando alla città 1 euro al mese per ciascun container. Un risultato che fa crescere la speranza di poter vivere in una città inclusiva e attenta ai bisogni di tutti.
  • Decoro cittadino
  • Rom
  • Pasquale Cascella
  • Amministrazione Cascella
Altri contenuti a tema
1 Via Mercadante, rimosse le erbacce dopo la segnalazione di un residente Via Mercadante, rimosse le erbacce dopo la segnalazione di un residente L'intervento ha consentito di ripristinare il decoro urbano della zona
27 Una app per i disagi in città, il progetto di quattro giovani studenti della Bat Una app per i disagi in città, il progetto di quattro giovani studenti della Bat Presenti diverse categorie di riferimento: acque e fontane, ambiente, rifiuti, animali, decoro urbano e segnaletica
«Vogliamo una città decorosa», ancora un appello al sindaco «Vogliamo una città decorosa», ancora un appello al sindaco Nuovo intervento da parte dell'associazione Strade dello Shopping
«Barletta merita un assessore al decoro e all'immagine» «Barletta merita un assessore al decoro e all'immagine» L'appello dell'Associazione Strade dello Shopping
L’ex sindaco di Barletta: «I ritardi del Pug non possono essere un alibi» L’ex sindaco di Barletta: «I ritardi del Pug non possono essere un alibi» La vicenda Lidl e l'urbanistica della città. La parola a Pasquale Cascella
1 Ci lascia Franco Filannino, «Compito sociale affrontato con determinazione fino all’ultimo» Ci lascia Franco Filannino, «Compito sociale affrontato con determinazione fino all’ultimo» Il ricordo in un post dell’ex sindaco Pasquale Cascella
3 Piazza Plebiscito e stabilimenti balneari, una lettera per il sindaco Cannito Piazza Plebiscito e stabilimenti balneari, una lettera per il sindaco Cannito Alcuni cittadini propongono migliorie per incentivare la fruibilità e la bellezza di questi spazi
Lavori in Piazza Plebiscito, Rosa Cascella: «I semi gettati in passato portano i loro frutti» Lavori in Piazza Plebiscito, Rosa Cascella: «I semi gettati in passato portano i loro frutti» Nel Programma delle Opere Pubbliche, approvato a dicembre, mancherebbe una visione unitaria del contesto urbano
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.