Covid-19
Covid-19
Servizi sociali

Ricerca pugliese: arriva un importante contributo alla lotta ai tumori

Uno studio svela i meccanismi tra il metabolismo del colesterolo e tumori

Vi è una forte correlazione fra il metabolismo del colesterolo e la funzione dei macrofagi, le cellule "spazzino" che eliminano e distruggono le cellule tumorali. È il risultato di un lavoro di ricerca condotto dal team del laboratorio di ricerca di diagnostica ematologica e caratterizzazione cellulare dell'Istituto Tumori Giovanni Paolo II di Bari pubblicato dalla rivista internazionale Hematological Oncology. La ricerca è stata condotta sul linfoma diffuso a grandi cellule, una forma aggressiva di tumore del sangue, oggi non ancora guaribile per 40 pazienti su 100.

«Si tratta di un filone di ricerca molto interessante e molto promettente», commenta a riguardo il direttore generale dell'oncologico barese Alessandro Delle Donne. «Lo studio, condotto in collaborazione con l'unità di emolinfopatologia dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano e l'Hospital Clinic di Barcellona, sviluppa e approfondisce alcune intuizioni su cui i nostri ricercatori lavorano da anni, già pubblicate sulle più importanti riviste internazionali». Il lavoro porta la firma di Maria Carmela Vegliante ed è stato coordinato dal Sabino Ciavarella, responsabile del laboratorio barese che opera all'interno dell'unità di Ematologia dell'Istituto oncologico, diretta da Attilio Guarini.

Secondo lo studio il colesterolo inciderebbe sull'azione infiammatoria e antitumorale dei macrofagi, determinando il successo o meno di un farmaco o di una terapia. Ogni paziente, infatti, ha una risposta diversa ai farmaci e alle terapie, anche in funzione della reazione delle cellule spazzino al colesterolo.

I prossimi passi della ricerca si concentreranno sul tipo di risposta ai farmaci, con l'obiettivo di identificare terapie più personalizzate. Il paziente non dovrà sottoporsi a esami o indagini invasive. I medici potranno studiare il comportamento delle cellule spazzino già durante la biopsia, grazie a una nuova tecnologia, chiamato Nanostring, che riesce a misurare i parametri biologici legati alla funzione dei macrofagi e che è già in uso nell'oncologico barese.
  • Ricerca sui tumori
Altri contenuti a tema
Il presidente Mattarella riceve la ricercatrice di Barletta Cinzia Conteduca Il presidente Mattarella riceve la ricercatrice di Barletta Cinzia Conteduca Udienza privata al Quirinale con una delegazione della LILT
1 Ancora un premio per Vincenza Conteduca, ricercatrice di Barletta: «Mai arrendersi» Ancora un premio per Vincenza Conteduca, ricercatrice di Barletta: «Mai arrendersi» «Occorre creare una società basata sulla meritocrazia», per lei un nuovo riconoscimento prestigioso
14 Ricerca sul tumore alla prostata, premiata la barlettana Vincenza Conteduca Ricerca sul tumore alla prostata, premiata la barlettana Vincenza Conteduca Intervista alla promettente ricercatrice dopo il riconoscimento della European Society for Medical Oncology
Quattro grandi sfide per combattere al fianco dell’AIRC Quattro grandi sfide per combattere al fianco dell’AIRC In oltre 900 piazze italiane e anche a Barletta si potranno acquistare ‘I Cioccolatini della Ricerca’
Pink Christmas, Barletta ospita un concerto promosso dalla LILT Pink Christmas, Barletta ospita un concerto promosso dalla LILT Prevenzione sul tema dei tumori femminili
Antonio Mazzocca: «La scienza e la tecnologia sono davvero la forza del Paese» Antonio Mazzocca: «La scienza e la tecnologia sono davvero la forza del Paese» Intervista allo scopritore del meccanismo di proliferazione del tumore al fegato
Tumore al fegato: un team guidato dal barlettano Mazzocca ne scopre la causa di proliferazione Tumore al fegato: un team guidato dal barlettano Mazzocca ne scopre la causa di proliferazione E' il recettore 6 dell'acido isofosfatidico il fattore di crescita dell'epatocarcinoma
Per la festa della mamma torna l'Azalea della Ricerca Per la festa della mamma torna l'Azalea della Ricerca Oggi a Barletta lo stand dell'Airc è in Corso Vittorio Emanuele
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.