Cratere Anfora
Cratere Anfora
Cronaca

La Guardia di Finanza di Barletta mette a segno un altro colpo contro i tombaroli

Sgominata una banda di tombaroli a Canosa, sequestrati reperti archeologici per un valore di 200.000 euro. Ennesima azione per la tutela del patrimonio archeologico

La Guardia di Finanza di Barletta ha sgominato un'altra banda di sei tombaroli canosini, colti in flagrante ieri pomeriggio mentre stavano estraendo molti reperti da una tomba in un terreno agricolo nei pressi del cimitero di Canosa, prospiciente la strada. I finanzieri sono intervenuti dopo un lungo appostamento nella zona, utilizzando anche visori e riprese notturne. La banda di tombaroli era così suddivisa: due uomini fungevano da palio controllando la zona, un addetto alla scavatrice,un addetto al trasporto dei reperti in un tendone nelle vicinanze, e i tombaroli stessi che estraevano i reperti in superficie.

La tomba, situata ad una profondità di tre metri, risale IV sec. avanti Cristo,in una zona ad alta densità di antichi sepolcreti. La dottoressa Daniela Tansella della Sovraintendenza ai Beni archeologici di Bari, ha descritto i vari reperti archeologici, all'incirca 50, tutti databili tra il IV e il VI sec. avanti Cristo, consistevano in un prezioso cratere a campana a sfondo nero con figure rosse, vari vasi e testine votive, un poppatoio usato nelle sepolture infantili, altri vasi e contenitori per unguenti ,tutti di epoca dauna. Se venduti sul mercato nero avrebbero fruttato almeno 200.000 euro. Tutti i componenti della banda di tombaroli sono stati denunciati a piede libero. Questa è stata l'ennesima azione messa a segno per la tutela del territorio di Canosa, prestigiosa e importante zona archeologica.

Inoltre è stata forte la gratitudine del Sindaco di Canosa, Francesco Ventola, per il recupero dei reperti archeologici operato dalla Guardia di Finanza in zona Piano San Giovanni a Canosa di Puglia: «Sono fortemente compiaciuto e grato per l'operazione portata a compimento dalla Compagnia della guardia di finanza di Barletta, diretta dal Capitano Giulio Di Leo, che ha consentito di recuperare e consegnare al patrimonio pubblico reperti di un corredo funerario importante, questo il primo commento del sindaco Francesco Ventola, a seguito alle notizie ricevute di prima mano al sequestro dei beni ed alla cattura in flagranza di reato dei responsabili. In tal senso, per, non posso non esprimere il rammarico per il continuo stillicidio che il nostro patrimonio continua a subire. All'incalcolabile danno, si aggiunge quello arrecato al lavoro degli studiosi nella composizione dei tanti tasselli della nostra storia ultramillenaria e stratificata. Ma la consapevolezza e l'atteggiamento della gente per questa grande risorsa - ha concluso il primo cittadino -, sono cambiati e la prospettiva di un idoneo contenitore museale in cui raccogliere e raccontare la storia del nostro territorio, anche per queste ragioni deve essere quanto più breve possibile».




32 fotoFurto a Canosa, presi tombaroli
Furto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroliFurto a Canosa, presi i tombaroli
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Orto Botanico, la strana storia del fosso dei rifiuti Orto Botanico, la strana storia del fosso dei rifiuti BarlettaViva aveva già fotografato e posto tante domande
Il Bla Bla è tornato, Barletta scende in pista Il Bla Bla è tornato, Barletta scende in pista Serata-evento con dj Paky Mele, Gaetano Spera e Angelino
«Uno di quei 50 milioni di morti avrei potuto essere io» «Uno di quei 50 milioni di morti avrei potuto essere io» Domenico Morra, scampato ai lager, rievocato dall'Anmig di Barletta
«Barletta non ha il culto del fumetto» «Barletta non ha il culto del fumetto» Il disegnatore barlettano Pietrantonio Bruno e l’arte del fumetto
Compagni barlettani, lunga vita all’Aborto Botanico Compagni barlettani, lunga vita all’Aborto Botanico Nascita e morte di una struttura mai inaugurata
«Voglio continuare con la mia arte, restando a Barletta» «Voglio continuare con la mia arte, restando a Barletta» Il pittore barlettano Michele Riefolo e gli invincibili colori della Puglia
«Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista» «Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista» Francesco Corvasce, testimone della occupazione nazista di Barletta e della strage di Marcinelle
Caparezza ama l'Expovinile di Barletta Caparezza ama l'Expovinile di Barletta Visitatori da tutta la Puglia per la grande fiera del vinile
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.