Presentazione allestimento De Nittis
Presentazione allestimento De Nittis
Associazioni

Il prestito dei De Nittis a Washington: «Un’occasione mancata»

Italia Nostra: «Un prestito così ampio e consistente è eccessivo e controproducente»

I più famosi quadri di De Nittis stanno per spiccare il volo, direzione Washington. Con una nota la sezione di Barletta di Italia Nostra ha espresso nuovamente perplessità sull'iniziativa.

«A seguito dell'articolo pubblicato il 2 settembre scorso, scritto su segnalazione dei soci della sezione di Barletta di Italia Nostra, in cui si esprimevano forti perplessità sul cospicuo prestito delle 32 opere della Pinacoteca De Nittis alla Philips Collection di Washington, l'assessore alla cultura Oronzo Cilli rispondeva prontamente sottolineando che il prestito è marginale rispetto alle 140 opere di De Nittis in possesso della Pinacoteca, aggiungendo che il progetto era stato avviato già nel 2019».
«Dopo un attento esame degli atti ufficiali del Comune di Barletta dal 2019 ad oggi, non abbiamo trovato alcun progetto chiaro e organico relativo alle opere prestate del nostro De Nittis, ma solo riferimenti al nuovo allestimento della Pinacoteca De Nittis ad opera del Prof. Miracco ed alla collaborazione con la Philips Collection di Washington, dove saranno esposte le 32 opere in prestito.

Crediamo invece che sarebbe stato più corretto informare preventivamente la cittadinanza sulle reali finalità di questo progetto.

Nella presentazione a Roma della mostra alla Philips Collection di Washington, il Prof. Miracco ha dichiarato che le opere in partenza saranno sostituite, nella Pinacoteca di Palazzo della Marra, da opere in deposito. Egli non spiega però con chiarezza e trasparenza che le opere che partiranno in questi giorni costituiscono il nucleo più cospicuo e prezioso di tutta la Collezione De Nittis: Colazione in Giardino, prima fra tutte, ma anche Figura di Donna, Il salotto della Principessa Matilde, Perla e Conchiglia, Alle corse di Auteuil e molti degli studi conservati nella stessa sala dedicata a Auteuil svuotandola quasi del tutto, Passa il treno, Westminster Bridge, Effetto di neve, solo per citarne alcune.

Nel Regolamento della Pinacoteca De Nittis, approvato con Delibera di Giunta comunale n. 166 del 2008, nell'ultimo capoverso dell'art. 12 si dichiara che "Il prestito delle opere è di norma consentito, fatti salvi i motivi di conservazione e di sicurezza, tenendo conto della qualità del contesto ospitante ed è effettuato su autorizzazione del Dirigente".

Nulla si dice però sulle opere principali ed identitarie della Pinacoteca, né se e come valutare gli effetti dell'assenza temporanea delle opere sull'equilibrio del museo e della rispondenza alla politica di prestito del museo e nulla sulla reciprocità.

Per quanto riguarda il nostro caso, ovvero il prestito temporaneo, il comma 2 dell'art. 66 del Codice dei beni culturali e del paesaggio della legge del 6/7/2002, n. 137 recita: "Non possono comunque uscire dal territorio nazionale i beni che costituiscono il fondo principale di una determinata ed organica sezione di un museo, pinacoteca, galleria, archivio o biblioteca o di una collezione artistica o bibliografica".

Il Sindaco Cannito, in una recente intervista faceva notare che le opere di De Nittis sono già state prestate e più volte. In effetti molte opere furono prestate nel 2010 al Petit Palais a Parigi per la mostra "La modernitè èlégante" ma in circostanze ben diverse, cioè nel quadro di un accordo di reciprocità fra la nostra Pinacoteca e il Petit Palais. Nel 2008 infatti la nostra Pinacoteca ospitò la mostra "Paris 1900. La collezione del Petit Palais di Parigi" che ebbe un ritorno economico e di pubblico non indifferente (oltre 20.000 presenze). Ugualmente è stato fatto nello "scambio" De Nittis / Boldini (dicembre 2019-2020), mostra che registrò un'alta affluenza di pubblico, fermata poi dalla pandemia.

Ribadiamo che nessuno è contrario in linea di principio al prestito delle opere: però privare la Pinacoteca di tutte le opere principali è contro i principi stabiliti dal Codice dei Beni culturali e non è detto che tale scelta possa garantire effettive ricadute sul nostro territorio. Sarebbe stato giusto, a fronte di un prestito così impegnativo, ricevere dalla Philips Collection di Washington un prestito di eguale portata, come è stato nel caso citato di Parigi nel 2008 o più di recente con Ferrara con lo scambio Boldini/De Nittis.

Crediamo fermamente che un prestito così ampio e consistente sia eccessivo e controproducente per la politica che un Museo deve avere nei confronti del proprio patrimonio e del proprio assetto espositivo, considerando che un riallestimento con le opere in deposito, non potrà mai sopperire all'impoverimento che per almeno cinque mesi la nostra Pinacoteca subirà.

Per evitare che si continui con questo modus operandi, Italia Nostra facendosi portavoce dei barlettani di buon senso auspica che si aggiorni il Regolamento della Pinacoteca rifacendosi in maniera più stringente alle norme stabilite dalla Legge e che si attuino tutte le procedure affinché si possa nominare finalmente la figura del Direttore del Museo che tuteli e promuova adeguatamente e nel rispetto delle norme, la collezione De Nittis».
  • Giuseppe De Nittis
  • Arte
Altri contenuti a tema
1 Puglia, sempre più internazionale con De Nittis protagonista a Washington Puglia, sempre più internazionale con De Nittis protagonista a Washington «Siamo a Washington dove si incontrano i De Nittis di tutto il mondo»
1 Cannito a Washington per accompagnare De Nittis Cannito a Washington per accompagnare De Nittis Si è svolta negli Stati Uniti la presentazione della mostra dedicata al pittore barlettano
La Gioconda nata dai rifiuti, l'idea artistica made in Barletta La Gioconda nata dai rifiuti, l'idea artistica made in Barletta L'opera del maestro barlettano Borgiac sarà esposta per la mostra voluta dall'ambientalista Antonio Binetti
Riapre la pinacoteca De Nittis nel suo nuovo allestimento Riapre la pinacoteca De Nittis nel suo nuovo allestimento Le opere concesse in prestito alla Phillips Collection sono state sostituite con altri quadri della Collezione De Nittis
Nuovi incontri artistici con la pittrice barlettana Maria Picardi Coliac Nuovi incontri artistici con la pittrice barlettana Maria Picardi Coliac Sarà possibile intrattenersi nell'atelier dell'artista e ammirare la sua vasta produzione
De Nittis vola in America: la Pinacoteca resterà chiusa dal 26 al 30 ottobre De Nittis vola in America: la Pinacoteca resterà chiusa dal 26 al 30 ottobre Le opere sono state selezionate per l'esposizione "An italian impressionist in Paris: Giuseppe De Nittis",
L'artista barlettana Maria Picardi Coliac apre il suo salotto L'artista barlettana Maria Picardi Coliac apre il suo salotto Due conversazioni sul tema "Paesaggi di Puglia" e "Tenerezza di maternità"
«Ma quanto vale la collezione De Nittis a Palazzo della Marra?» «Ma quanto vale la collezione De Nittis a Palazzo della Marra?» Una nota del giornalista barlettano Nino Vinella
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.