Pesca
Pesca
Scuola e Lavoro

Diritti in marineria, la Flai Cgil torna a incontrare i pescatori

«Serve un ammortizzatore sociale strutturato, altrimenti settore sempre più alla deriva»

Dopo il lungo lockdown, l'allentamento delle restrizioni ha portato allo sblocco di tanti settori, tra cui anche quello della ristorazione. Anche il comparto pesca deve riprendere la sua piena attività, seppure per poco perché la prossima pubblicazione del decreto ministeriale per il fermo pesca 2021 (manca ancora la firma da parte del Ministro) segnerà un nuovo stop obbligatorio che per le marinerie di questa provincia dovrebbe partire tra poco più di un mese. Ma in questo lasso di tempo è necessario non perdere tempo e rimettersi al lavoro. Ed è ciò che accade nella Bat, dove i rappresentanti della Flai, andranno ad incontrare i pescatori nelle marinerie del territorio per discutere con loro alcuni temi molto importanti come le malattie professionali, i fondi integrativi sanitari previsti per il settore, la salute e sicurezza.

"Nonostante le difficoltà, anche quest'anno – spiega Dora Lacerenza, segreteria della Flai Cgil Bat – ci recheremo in tutte le marinerie per incontrare i lavoratori vicino al loro luogo di lavoro e cioè il mare, ascoltare i loro problemi e spiegare le nostre proposte in tema di diritti, tutele e sicurezza. Cercheremo di sensibilizzare tutti i pescatori sul tema dell'utilizzo di tutti i dispositivi di protezione per tenere alta l'attenzione su un argomento importante per il settore come quello della sicurezza in mare".

"Il nostro obiettivo è quello di tenere costantemente i riflettori accesi su un settore che non a caso definiamo 'alla deriva' perché necessita al pari di tutti gli altri di attenzione a partire, per esempio, da un ammortizzatore sociale strutturato. A questi lavoratori vanno garantite prospettive future affinché il settore non sia abbandonato da tutti. Così come anche le imprese di pesca hanno bisogno di certezze altrimenti il settore rischia di essere sempre meno attrattivo agli occhi delle nuove generazioni", conclude Gaetano Riglietti, segretario generale Flai Cgil Bat.
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Asp Regina Margherita di Barletta, la Cgil: «Ora si predisponga un piano di risanamento finanziario» Asp Regina Margherita di Barletta, la Cgil: «Ora si predisponga un piano di risanamento finanziario» «Necessaria una cooperazione leale e virtuosa tra Comune di Barletta e Regione Puglia»
Risorse Pnrr, Cgil Bat: «La carenza di organico rende difficile gestire progetti» Risorse Pnrr, Cgil Bat: «La carenza di organico rende difficile gestire progetti» Ileana Remini e Biagio D’Alberto chiedono deroghe sulle assunzioni soprattutto per i Comuni in dissesto e pre-dissesto
Cgil Bat, organizzata un'assemblea pubblica per giovedì 22 luglio a Barletta Cgil Bat, organizzata un'assemblea pubblica per giovedì 22 luglio a Barletta Si discuterà anche sul futuro di casa Regina Margherita
Presidio provinciale in Prefettura a Barletta per lo sciopero del 30 giugno Presidio provinciale in Prefettura a Barletta per lo sciopero del 30 giugno Allo sciopero si aggiungono anche il settore elettrico e quello del gas e dell'acqua, oltre quello del ciclo dei rifiuti
Aggressione dipendente Bar.S.A. a Barletta: «Rispetto per questi addetti» Aggressione dipendente Bar.S.A. a Barletta: «Rispetto per questi addetti» L'intervento del sindacato Cgil della provincia Bat
Una piattaforma per l'antifascismo, l'iniziativa parte da Barletta Una piattaforma per l'antifascismo, l'iniziativa parte da Barletta Domani si svolgerà la presentazione di questa iniziativa che riunisce diverse organizzazioni
Assistenza domiciliare integrata, assemblea davanti al Comune di Barletta Assistenza domiciliare integrata, assemblea davanti al Comune di Barletta FP Cgil Bat: «La Martina 2000 rispetti la regolarità nel pagamento degli stipendi, il Comune intervenga»
Contagi dimezzati nella Bat, Fp Cgil: «Ecco come migliorare la qualità dell’assistenza offerta» Contagi dimezzati nella Bat, Fp Cgil: «Ecco come migliorare la qualità dell’assistenza offerta» Ileana Remini, Rosa Matera, Luigi Marzano e Michele Gorgoglione intervengono dopo i dati diffusi dalla Asl Bat
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.