Victor Rivera Magos
Victor Rivera Magos
La città

Barletta, ma quali 100 chiese

Lo storico barlettano Victor Rivera Magos smentisce una teoria storica

Victor Rivera Magos ha 32 anni. Si è laureato in storia presso l' Università di Siena, attualmente dottorando di ricerca in storia medievale a Siena, è membro dell'associazione del Centro di studi Normanno – Svevi dell'Università di Bari. Fondatore dell'associazione La Democrazia delle Parole.

Ha all' attivo un saggio sulla storia di Ceglie Messapica e un articolo nell'archivio storico pugliese dal titolo: Rapporti di potere a Barletta tra età sveva e primo angioina (1232 – 1282), lo incontro nel suo studio e gli pongo qualche domanda.

La teoria delle 100 chiese barlettane è storicamente fondata?
La teoria sarebbe valida se la considerassimo una leggenda, infatti bisogna considerare che una stessa chiesa, può essere soggetta a cambi di titolatura, ad abbattimenti, ricostruzioni o a cambi di ubicazione nel corso del tempo, ciò significa che a Barletta non esistevano contemporaneamente 100 chiese, magari 100 e più titolazioni nel corso dei secoli. Tuttavia localizzandole precisamente nel tempo, le chiese potevano essere anche meno.

Quindi, chi ha scritto questi volumi sulle 100 chiese barlettane, ha male interpretato i documenti storici?
Ci sono casi in cui i documenti storici sono stati male interpretati, e ciò è causato da sbagliata metodologia storica.

Ma questi libri di storia barlettana, su cosa si fondano?
Su vecchi e antiquati studi, e quindi su vecchi errori, causati dal fatto che anticamente non esisteva una metodologia scientifica, spesso chi scrive questi libri non sono storici, bensì persone con l'hobby della storia.

L'ambiente intellettuale barlettano è vivo?
Si, ci sono dei seri studiosi barlettani nel campo storico come Luisa de Rosa ( docente di storia dell' arte medievale presso l'Università di Bari), Antonio Diviccaro, Danila Fiorella, Luigi Di Benedetto. Tutti questi studiosi utilizzano una metodologia, ma non sono considerati come intellettuali, poiché nell' ambiente intellettuale barlettano domina il conservatorismo e il provincialismo, non si vuole valorizzare le novità.

Ringraziamo il dottor Rivera Magos, è una persona preziosa ed interessante portatore di novità in senso storico su Barletta. Saremo lieti di averlo nuovamente sui nostri spazi.
  • Storia
  • Victor Rivera Magos
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Benedetto Croce, nessuna commemorazione a Barletta Benedetto Croce, nessuna commemorazione a Barletta Nel 1944 fu ospite del prof. Cassandro: la nota del giornalista Nino Vinella
La riproduzione della “Formidabile” donata alla città di Barletta La riproduzione della “Formidabile” donata alla città di Barletta Iniziativa in ricordo di Francesco Conteduca, prima Medaglia d’oro al Valor Militare
È scomparso Giuseppe Doronzo, attento studioso della storia È scomparso Giuseppe Doronzo, attento studioso della storia Il cordoglio del Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia ODV
12 settembre, Barletta ricorda l'eccidio: il programma delle celebrazioni 12 settembre, Barletta ricorda l'eccidio: il programma delle celebrazioni Ricorre il 79° anniversario della resistenza civile e militare all’occupazione nazista del ’43
A Barletta la conferenza "Gli uomini delle Crociate: tra fede, eroismo e spirito d’avventura" A Barletta la conferenza "Gli uomini delle Crociate: tra fede, eroismo e spirito d’avventura" Ospite il prof. Raffaele Pinto
Ricordando la strage degli evangelisti a Barletta del 1869 Ricordando la strage degli evangelisti a Barletta del 1869 La ricostruzione storica del direttore dell'Archivio di Stato Bari-Barletta-Trani Michele Grimaldi
1 Un aereo militare sulla rotatoria di via Foggia Un aereo militare sulla rotatoria di via Foggia La ricostruzione di quella parentesi storica poco conosciuta da parte del giornalista Nino Vinella
L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa L'ultimo saluto Maria Luigia Gorgoglione e Cosmo Damiano Imbriola, testimoni del crollo di via Canosa Scomparsi nelle scorse settimane, a loro è legato il tragico episodio del 1959
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.