Amarcord cartello
Amarcord cartello
Cronaca

Amarcord, un cartello e il dissequestro

Compare un invito firmato "quelli dell'Amarcord". Chi saranno gli ignoti grafomani?

Dopo la denuncia del commercialista tranese finito nelle reti dei cravattari, rimane ai domicilari il Mangino, l'imprenditore barlettano di origini andriesi considerato l'erogatore di denaro e dunque a capo dell'articolata organizzazione. Secondo gli inquirenti non è stato solo il suddetto commercialista il destinatario dei "prestiti" a tasso di usura bensì tantissimi altri, complice anche la crisi economica che non ha risparmiato duri colpi al locale sistema impresa. Si ipotizzava dell'interessamento di un noto farmacista barlettano, come emerso da un'intercettazione telefonica; potrebbe tuttavia essere uno stratagemma del Mangino per "appesantire" maggiormente le minacce alle vittime, a tutt'oggi infatti gli inquirenti non hanno prove in tal senso.

Ieri è apparso sui vetri del noto bar, un cartellone, scritto a pennarello e probabilmente a mano dei tanti sostenitori/avventori dell'Amarcord. Il sequestro, seppur doveroso, è stato percepito come eccessivo. Dello stesso avviso anche uno dei soci, non indagato, che tramite legali ha presentato istanza di dissequestro del locale. Istanza accettata, per la gioia degli ignoti grafomani che hanno dimostrato un insolito attaccamento al "tempio" di tanti pomeriggi tranquilli. Lo strappo che si nota sul cartello è invece un ulteriore inno alla civiltà, molti infatti ci hanno comunicato la presenza di questa scritto intimandoci di far presto «prima che venga strappato». Siamo tutti barlettani.
  • Sequestro
  • Indagini
  • Usura
Altri contenuti a tema
Omicidio Cilli, interrogatori nel carcere di Trani Omicidio Cilli, interrogatori nel carcere di Trani Secondo l'ipotesi degli inquirenti, il corpo di Cilli sarebbe stato distrutto
Fotografie pedopornografiche in chat, nei guai 22enne di Barletta Fotografie pedopornografiche in chat, nei guai 22enne di Barletta Le indagini erano partite dalla denuncia dei genitori di un bambino di quinta elementare
Attivato l’Osservatorio antiusura nel territorio della Bat Attivato l’Osservatorio antiusura nel territorio della Bat Soldani: «Ora bisogna superare i formalismi e dare risposte concrete con azioni immediate»
Sequestrati 100 kg di fuochi illegali a Barletta, scatta l'arresto Sequestrati 100 kg di fuochi illegali a Barletta, scatta l'arresto Nei guai un pregiudicato barlettano: intervengono gli artificieri della Polizia di Stato
Inviavano in chat materiale pornografico a minorenni: identificato un 20enne barlettano Inviavano in chat materiale pornografico a minorenni: identificato un 20enne barlettano Identificati altri quattro ragazzi, tutti minorenni, tra cui uno di Andria
L'Antiracket è tornato ad incontrarsi a Barletta: numerose novità L'Antiracket è tornato ad incontrarsi a Barletta: numerose novità Una tavola rotonda per discutere delle iniziative da intraprendere dopo l'emergenza Covid
L'usura al tempo del Covid, un incontro dell'Azione Cattolica a Barletta L'usura al tempo del Covid, un incontro dell'Azione Cattolica a Barletta Appuntamento martedì 30 giugno alle ore 20
Usura ed estorsione, un protocollo per prevenire i fenomeni nella Bat Usura ed estorsione, un protocollo per prevenire i fenomeni nella Bat Il protocollo è stato sottoscritto questa mattina nella sede della Prefettura
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.