A Barletta in piazza contro le chiusure
A Barletta in piazza contro le chiusure
La città

A Barletta in piazza contro le chiusure: «Siamo tutti essenziali»

La mobilitazione pacifica di questa mattina

Il 13 aprile 2021 alle ore 10 la comunità imprenditoriale di Barletta e Confcommercio si sono riuniti in Piazza Aldo Moro per protestare pacificamente e denunciare le ingiustizie che stanno subendo a seguito del decreto firmato il 2 marzo 2021, anche se la situazione va avanti da oltre un anno.

In piazza arieggiava la disperazione e la rabbia di tutti i lavoratori stremati da questa tiritera di apri e chiudi. E poi il blocco delle attività per mesi e i ristori che non sono sufficienti a sostenere tutto il carico economico che c'è dietro le attività. Anche gli ambulanti erano in piazza. Affermano che quella che stanno subendo è "una concorrenza sleale" che non tutela equamente tutti i venditori perché anche tra di loro c'è chi, per esempio, vende articoli per neonati e bambini e allora perché non tutelare anche loro?Era presente il mondo dello spettacolo e degli eventi che porta la speranza di poter riaprire in sicurezza in vista dell'estate imminente, perché il lavoro nobilita la persona e pur essendo un'attività che produce divertimento e svago, è stato dimenticato il diritto a lavorare. Gli insegnanti di danza, di teatro, gli attori e tutto il mondo della cultura che si presentano come formatori che educano allo sviluppo di sé stessi, delle passioni, senza dimenticarci che anche una passione può diventare lavoro e questo non toglie la serietà della mansione. Il mondo della cultura è stato affranto sin dall'inizio della pandemia nel 2020 perché ritenuto in principio non essenziale, i primi a dover chiudere, dei lavoratori di serie B.

A turno, rispettando le misure anti-Covid, la comunità imprenditoriale è stata chiamata a dare voce alle proprie storie. Presenti anche i referenti di Confcommercio Barletta. Si sfiorano attimi di tensioni tra chi ha opinioni diverse e contrastanti: chi sostiene si stia facendo troppo poco e chi propone di fare di più anche con conseguenze estreme. L'equilibrio viene ristabilito perché c'è la necessità di essere uniti in questa lotta, nonostante le diversità. C'è l'indignazione all'inizio, la rabbia a seguito delle misure locali che vedono la città di Barletta costretta a sottostare a fasce orari in cui poter somministrare da bere o luoghi in cui non è proprio possibile farlo in determinati giorni.
5 fotoA Barletta in piazza contro le chiusure
A Barletta in piazza contro le chiusureA Barletta in piazza contro le chiusureA Barletta in piazza contro le chiusureA Barletta in piazza contro le chiusureA Barletta in piazza contro le chiusure
Anche Carmine Doronzo, consigliere comunale di Barletta, sostiene tutti gli operatori economici pur non essendo imprenditore. È consapevole di quanta sofferenza ci sia dietro queste storie e di come le misure del governo e locali, abbiano messo in ginocchio l'intero reparto economico. «Sono stati commessi una marea di errori, abbiamo rispettato tutto quello che ci imponevano» si sente dire in pizza da Francesco Petruzzelli, tra i rappresentanti dei ristoratori. Ricordando che anche con le saracinesche abbassate i contagi sono alti e dunque, i ristori, le palestre, i bar, gli hotel, i negozi, i parrucchieri, i centri estetici non sono i principali vettori di contagio.

«Il virus c'è, esiste, ma esistiamo anche noi» dice qualcuno, proponendo una soluzione di convivenza con il virus perché la ritengono possibile, dopo aver investito su i macchinari di sanificazione, essendo uno tra i modi per lavorare in sicurezza. «Vogliamo solo lavorare» dicono in tanti, sottolineando come non esiste una graduatoria o una classifica tra le attività. «Siamo tutti essenziali».

Con l'arrivo e la somministrazione dei vaccini, l'informazione, l'educazione e la conoscenza che abbiamo e stiamo avendo sul virus che da oltre un anno ha contaminato le nostre vite, è un dovere ed un bisogno combatterlo con i mezzi che abbiamo, senza castigare nessuno.
  • Lavoro
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1716 contenuti
Altri contenuti a tema
Vaccini, cambio di calendario per le somministrazioni a Barletta Vaccini, cambio di calendario per le somministrazioni a Barletta Prime dosi riprogrammate fino al 3 giugno
In Puglia 567 nuovi casi di Covid su quasi 10mila tamponi In Puglia 567 nuovi casi di Covid su quasi 10mila tamponi Sono undici i decessi registrati nelle ultime 24 ore
Vaccino anti-Covid, Lopalco: «La Puglia è sopra la media nazionale per somministrazioni» Vaccino anti-Covid, Lopalco: «La Puglia è sopra la media nazionale per somministrazioni» L'aggiornamento dell'andamento della campagna vaccinale
Covid, 109 nuovi contagi nella Bat e un decesso Covid, 109 nuovi contagi nella Bat e un decesso Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati registrati 591 casi
1 Sale il numero dei casi Covid a Barletta, sono più di 900 Sale il numero dei casi Covid a Barletta, sono più di 900 Attualmente è il dato più alto tra i comuni della Bat
Campagna vaccinale, in Puglia somministrate il 91% delle dosi ricevute Campagna vaccinale, in Puglia somministrate il 91% delle dosi ricevute Da lunedì si apriranno le prenotazioni anche per gli over 40
Covid: 554 contagi in Puglia, ma si contano altri 31 decessi Covid: 554 contagi in Puglia, ma si contano altri 31 decessi Sono 74 i nuovi casi registrati nella provincia Bat
2 Vaccini in Puglia per gli over 40: ecco il calendario per le prenotazioni Vaccini in Puglia per gli over 40: ecco il calendario per le prenotazioni Le procedure partiranno lunedì prossimo per la fascia 40-49 anni
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.