Voglio Te
Voglio Te
Politica

A Barletta c'è politica e creatività

Ruggiero Dibenedetto torna sulla scena politica barlettana

Incontriamo nuovamente il buon Ruggiero Dibenedetto, già protagonista di una recente intervista, perchè curiosi. vediamo un pò cosa ha da dirci.

Ultimamente ho visto sui muri della città un suo nuovo manifesto...cosa bolle in pentola?
Il manifesto preannuncia il mio ritorno sulla scena politica barlettana. Parteciperò alle prossime elezioni amministrative, voglio dimostrare di poter fare di più politicamente. Il mio è anche un invito a chi è ai margini della politica, a farsi avanti.

Quali sono i suoi trascorsi politici?
Sono stato consigliere comunale sia nei DS che in Forza Italia. Ma adesso mi rimetto in gioco politicamente, anche perché noto che non c'è nessuno che si impegni per il bene comune. Con la mia creatività ed il buon senso credo si possa fare più di quanto sia stato fatto per questa città.

Ha già creato una sua lista civica?
Questo è top secret, ma per il resto posso assicurare il mio impegno politico. Stiamo aggregando personalità che hanno vissuto ai margini della politica, pur seguendola con interesse, e a loro io voglio dar spazio.

Come ha reagito l'ambiente politico barlettano?
Ha reagito bene. Basti dire che quando sono stato fuori dalla politica per cinque anni, c'è stato chi rimpiangeva il mio modo di fare politica, improntato sulla chiarezza e sul perseguimento di un obiettivo.

Di cosa ha bisogno la città?
La città ha bisogno di una svolta, bisogna fare di più in ogni campo: cultura, ambiente, edilizia, eccetera. Abbiamo risorse umane che hanno un'urgenza espressiva,ma che devono essere supportate dalle istituzioni. Barletta non ha nulla da invidiare ad altre città: beni culturali, agricoltura, mare, storia, ma è necessario riuscire a valorizzare tutto ciò, meglio di come si stia facendo adesso. Inoltre dobbiamo aiutare le nuove generazioni, bisogna far convergere scuola, famiglia, Chiesa sugli stessi comuni denominatori, creando un linguaggio comune educando i giovani al rispetto.
  • Ruggiero Dibenedetto
  • Tommaso Francavilla
Altri contenuti a tema
Orto Botanico, la strana storia del fosso dei rifiuti Orto Botanico, la strana storia del fosso dei rifiuti BarlettaViva aveva già fotografato e posto tante domande
Il Bla Bla è tornato, Barletta scende in pista Il Bla Bla è tornato, Barletta scende in pista Serata-evento con dj Paky Mele, Gaetano Spera e Angelino
«Uno di quei 50 milioni di morti avrei potuto essere io» «Uno di quei 50 milioni di morti avrei potuto essere io» Domenico Morra, scampato ai lager, rievocato dall'Anmig di Barletta
«Barletta non ha il culto del fumetto» «Barletta non ha il culto del fumetto» Il disegnatore barlettano Pietrantonio Bruno e l’arte del fumetto
Compagni barlettani, lunga vita all’Aborto Botanico Compagni barlettani, lunga vita all’Aborto Botanico Nascita e morte di una struttura mai inaugurata
«Voglio continuare con la mia arte, restando a Barletta» «Voglio continuare con la mia arte, restando a Barletta» Il pittore barlettano Michele Riefolo e gli invincibili colori della Puglia
«Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista» «Non ho potuto evitare l’uccisione del soldato nazista» Francesco Corvasce, testimone della occupazione nazista di Barletta e della strage di Marcinelle
Caparezza ama l'Expovinile di Barletta Caparezza ama l'Expovinile di Barletta Visitatori da tutta la Puglia per la grande fiera del vinile
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.