Barletta 1922
Barletta 1922
Calcio

Quel controverso e inspiegabile (?) stop al campionato di Eccellenza

Il Covid (o forse qualcun altro) non gradisce il “calcio minore”

Ok, adesso è ufficiale. Con lo stop ai campionati di calcio dilettantistici che vanno dall'Eccellenza in giù, sappiano gli sportivi e i calciatori di città come Barletta, Trani, Corato, Manfredonia, Ortanova, Ostuni, Vieste, Martina Franca, Gallipoli, Mola ecc. che da domenica pomeriggio sono ufficialmente figli di un Dio minore. Figli reietti di un calcio che non concepisce nulla di diverso da contratti mega milionari, diritti tv, discussioni sul VAR ecc.

Non si spiega diversamente, infatti, quanto contenuto a proposito delle attività sportive nell'ennesimo DPCM concepito per arginare (?) il colpo di coda della pandemia da Covid.

Forse sarà che in quanto umili e limitati cronisti da "Manzi - Chiapulin" o da "San Sabino" siamo direttamente coinvolti nella cosa, ma davvero fatichiamo a comprendere quale sia la differenza tra la positività al Covid dei Cristiano Ronaldo e degli Ibrahimovic, e quella eventuale dei D'Onofrio o dei Di Rito (ai quali in questa sede è concesso fare i dovuti scongiuri, oltre che mandare metaforicamente a quel paese chi scrive).

Più concretamente facciamo fatica a immaginare in merito alle ennesime restrizioni anti-Covid una ratio diversa da quella che pensosi giornalisti ed opinionisti chiamano "interesse nazionale", ma che, stringi stringi, altro non è che l'irrinunciabile gettito fiscale che Serie A e Pay TV garantiscono mensilmente all'Erario.

Ma si, in fondo cosa volete che contino quei "quattro straccioni" che giocano in Eccellenza, in Promozione o Prima Categoria? E poi chi se ne frega di quei quattro sfigati della stampa locale – quelli, tanto per capirci, su cui maggiormente si è abbattuta la scure del tanto sospirato (sic) taglio dei finanziamenti all'editoria - che questi campionati li commentano? Vuoi mettere con il mondo dorato delle "sciabolate morbide", o degli "incredibile, proprio lui"?

Più volte da queste metaforiche colonne abbiamo narrato dello stato già comatoso nel quale versa il calcio dilettantistico. Un calcio dove, al netto di poche realtà, si fa fatica a pagare fitti e utenze, figuriamoci gli stipendi. E poco importa se a tante di queste squadre di provincia (quanto non addirittura di quartiere) magari è delegato il compito di togliere tanti ragazzi dalla strada. Quei ragazzi, tanto per intenderci, le cui famiglie non possono permettersi di pagare le scuole calcio.

Naturalmente siamo ben consapevoli che leggendo queste righe non mancherà il solito diversamente colto che disquisirà sull'inutilità del calcio (soprattutto quello cosiddetto "minore") ponendo l'attenzione su cose ben più importanti quali la salute pubblica e l'economia.

Potremmo anche essere d'accordo con questo modo di concepire il mondo, a maggior ragione con la situazione attuale. Ma in questi anni tra salari colati a picco grazie alle famose "riforme", l'insofferenza verso chi - nel calcio come nella vita - ha avuto meno fortuna rispetto ad altri, quella tendenza (col pretesto di non essere virologi, immunologi ecc.) ad autoimporci di non disturbare via social il "manovratore", e ultimamente quest'insofferenza (sempre da parte dei alcuni diversamente colti) verso lo sport e il divertimento in generale decisamente aumentata a causa del Covid, manca davvero poco per tornare ai tempi di Rosso Malpelo e delle ferriere inglesi con la sola eccezione di Marx ed Engels brillantemente sostituiti dal due Fedez-Ferragni.

P.S. Precisiamo per i più duri di comprendonio che qui non si sta sottovalutando, né tanto meno negando il Covid e le sue tragiche conseguenze. Qui si sta ponendo l'accento su un provvedimento insensato che, calcisticamente parlando, tanto per cambiare toglie ai poveri e conserva i ricchi. Un provvedimento che salvaguardia il mondo di chi può scegliere se operarsi di menisco a St. Moritz o negli Stati Uniti, e penalizza ulteriormente chi è costretto a fare una colletta per operarsi di tumore ( a proposito, ciao Rocco). Almeno in questo senso il Covid, come la famosa "livella" di Totò, rischia di apparire molto più umano e giusto di chi lo combatte … o dovrebbe combatterlo.
  • Eccellenza Pugliese
Altri contenuti a tema
Un mestiere antico che si rinnova, i 130 anni di Frantoio Paparella Un mestiere antico che si rinnova, i 130 anni di Frantoio Paparella Intervista a Francesco e Michele Paparella, alla scoperta della tradizione frantoiana e delle innovazioni produttive nel segno della sostenibilità
Campionato Eccellenza, ambizioni ed entusiasmo del Barletta Campionato Eccellenza, ambizioni ed entusiasmo del Barletta Con la ripresa del campionato di Eccellenza tornano ad aumentare le speranze
Campionato Eccellenza Puglia: si riparte l’11 aprile con format ridotto e play off Campionato Eccellenza Puglia: si riparte l’11 aprile con format ridotto e play off Il campionato manterrà la suddivisione in due gironi da 12 squadre ciascuno
Campionato Eccellenza: si decide il destino della stagione 2020/2021 Campionato Eccellenza: si decide il destino della stagione 2020/2021 Tante ipotesi ma nessuna certezza
Calcio e Covid: Tisci si appella a Emiliano per salvare il campionato di Eccellenza Calcio e Covid: Tisci si appella a Emiliano per salvare il campionato di Eccellenza Quando un tampone settimanale pregiudica il calcio dilettantistico
2 Eccellenza pugliese: scatta la protesta dei calciatori Eccellenza pugliese: scatta la protesta dei calciatori Stanchi dell’ennesimo rinvio i capitani affidano a una lettera di protesta il loro disagio
Eccellenza pugliese 2020/2021: che campionato vedremo alla ripresa? Eccellenza pugliese 2020/2021: che campionato vedremo alla ripresa? Quale futuro per il calcio dilettantistico dopo l’ennesimo stop per Covid
Eccellenza pugliese: nonostante i due gironi resta solo una la promozione diretta in Serie D Eccellenza pugliese: nonostante i due gironi resta solo una la promozione diretta in Serie D Ennesimo schiaffo al calcio dilettantistico pugliese, già sotto la spada di Damocle del Covid
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.