Turismo
Turismo
Attualità

Pro Loco della Puglia pronte a ripartire nel 2021

Le Pro Loco pugliesi si sono già mobilitate per proporre eventi artistici e folkloristici

Ripartire dalla bellezza della nostra Terra, dal patrimonio artistico e storico, dalle tradizioni culinarie e dalla forza di volontà dei volontari: questo lo spirito con cui le Pro Loco Unpli pugliesi si apprestano ad affrontare il 2021. Una ripartenza, sì graduale, ma convinta, ponderata e che tiene conto di tutte le misure necessarie per arginare i contagi.

Passare dai veri e propri bollettini di guerra quotidiani, con numeri che per oltre un anno ci hanno rabbrividito e scoraggiato, a bollettini che raccontano paesaggi, peculiarità, bellezza. "Nella ricostruzione post-pandemica ci attendono sfide importanti, novità come la riforma del terzo settore", sottolinea il presidente Unpli Puglia, Rocco Lauciello, "Noi ci faremo trovare pronti: ci siamo già rimboccati le maniche per ricostruire. Non la stessa realtà, ma una diversa, migliore, lanciata verso il futuro".

Esempio della ripartenza attiva, seppur ancora a distanza, è stato il workshop ideato dalla Pro Loco "Rodolfo Valentino" di Castellaneta, nel tarantino: circa trenta giovani partecipanti per apprendere nozioni basilari sulla comunicazione applicata al turismo, alla cultura e allo sport.

Poi ancora gemellaggi, come quella tra le Pro Loco di Terlizzi (Ba) e Rivello (Pz), le iniziative telematiche e innovative della Pro Loco di Sammichele di Bari, rievocate attraverso il canale Youtube, e poi la creatività e ambiente sono stati protagonisti di alcuni eventi messi in campo dalla Delegazione Unpli Messapia. Senza dimenticare il Servizio Civile che partirà a breve e che vedrà impegnati i volontari nell'arco di dodici mesi di esperienze di crescita personale e professionale.

«Il 21 giugno ci attende la 'Festa della Musica' - aggiunge il presidente Lauciello - e anche per questo appuntamento nazionale le Pro Loco pugliesi si sono già mobilitate per proporre eventi artistici e folkloristici. Insomma abbiamo accolto pienamente l'invito dell'assessore regionale all'Industria Turistica e Culturale Massimo Bray al dinamismo, alla partecipazione attiva, ad essere propositivi e incisivi all'interno delle nostre comunità. Incontrare un'autorevole personalità come il dott. Bray è stato per tutti uno sprone a fare di più e a fare meglio, a costruire le Pro Loco del futuro con una visione più globale e meno locale».
  • turismo
Altri contenuti a tema
Emiliano al Forum in masseria: importante lavorare sul turismo in Puglia Emiliano al Forum in masseria: importante lavorare sul turismo in Puglia "Il turismo è molto più importante di quanto non si possa immaginare"
“Stop&Enjoi”, in arrivo circa 4 milioni di euro per l'accessibilità turistica “Stop&Enjoi”, in arrivo circa 4 milioni di euro per l'accessibilità turistica Approvato dal Ministero il progetto presentato dal Patto Territoriale Nord Barese Ofantino
Il turismo sta per ripartire in Puglia: pronta l'ordinanza balneare Il turismo sta per ripartire in Puglia: pronta l'ordinanza balneare La Regione stanzia 300 mila euro per l'accessibilità delle spiagge libere alle persone diversamente abili
Idee per una vacanza alternativa in Toscana Idee per una vacanza alternativa in Toscana Anche la prossima estate sarà consigliabile esplorare l'Italia per favorire il turismo nostrano
Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» L'arrivo per l'estate del passaporto vaccinale potrà salvare il turismo straniero
«Noi lavoratori del comparto turistico siamo allo stremo» «Noi lavoratori del comparto turistico siamo allo stremo» La lettera aperta di un Maitre d'hotel di Barletta
«C’era una volta l’Azienda Autonoma soggiorno e turismo di Barletta» «C’era una volta l’Azienda Autonoma soggiorno e turismo di Barletta» Oggi in vendita dalla regione l’ultimo suo immobile dov’era l’archivio storico
Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Dei 50 milioni stanziati, 40  sono al comparto  del Turismo e 10 a quello  della Cultura
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.