Champagne
Champagne
Scuola e Lavoro

Niente veglione e discoteche chiuse a Capodanno, settore in forte crisi

Coldiretti: "Uno scenario che grava soprattutto sulla ristorazione che porterà a fine anno ad una perdita di fatturato di oltre 180 milioni di euro"

Niente veglioni e discoteche chiuse. Il Capodanno dei baresi non sarà come ci si aspettava, la situazione dei contagi è in continuo aumento e le nuove norme del Governo sono sempre più restrittive.

L'addio al tradizionale veglione di fine anno colpisce quasi 130mila pugliesi che fino a qualche giorno fa avevano programmato di cenare fuori in ristoranti, alberghi e agriturismi, colpiti ora da un crack di circa 10 milioni di euro in un solo giorno. Per le discoteche è un duro colpo, considerando anche che si parla di un settore in crisi da tempo, che solo nell'area metropolitana di Bari ha visto chiudere in pochi anni il 50% dei locali.

«Uno scenario di crisi che grava soprattutto sulla ristorazione che porterà a fine anno ad una perdita di fatturato per la filiera agroalimentare di oltre 180 milioni di euro solo per i mancati acquisti in cibi e bevande da parte della ristorazione», afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Le difficoltà della ristorazione non è compensato dai maggiori consumi alimentari casalinghi con la spesa media degli italiani per il cenone di fine anno che sale a 99 euro in media a famiglia, con un balzo del 52% rispetto allo scorso anno, segnato da uno stretto lockdown. Le famiglie costrette a casa dal lockdown riscoprono il piacere della cucina anche con una maggiore attenzione a giornali, tv e ai tutorial sulle ricette che spopolano sul web per l'importante appuntamento.

A tavola si prevede una presenza media di 6,3 persone, quasi il doppio rispetto allo scorso anno (3,7 persone), condizionato dal limite di massimo due ospiti non conviventi, ma sono molto lontane le tavolate da quasi 9 persone del periodo pre pandemia. Esclusa invece nel 78% delle case la presenza di persone non vaccinate tra gli invitati, nonostante i rapporti di amicizia o parentela.

Proprio la coincidenza con i pranzi e cenoni di fine anno la food delivery è dunque una opportunità per non rinunciare, nonostante le difficoltà, ai menu della tradizione. Numerose e diversificate le iniziative adottate per mantenere il legame con i propri clienti durante le feste, dal menu a sorpresa a quello scontato, dall'agribag fino al kit fai da te con gli ingredienti base per la preparazione di ricette contadine per quanti hanno deciso di cimentarsi personalmente in cucina.

Con la preoccupazione per la risalita dei contagi e la diffusione della variante Omicron, solo il 14% dei cittadini ha deciso di festeggiare al ristorante, dividendosi tra locali di fascia alta, trattorie e osterie, agriturismi, pizzerie o altri tipi di attività, mentre un 3% deciderà all'ultimo momento. Un numero ridotto rispetto alle aspettative iniziali per il 30% di disdette "last minute" che hanno fatto scendere le prenotazioni al di sotto dei periodo pre-pandemia.
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Guerra Russia-Ucraina, in Puglia sono pronti 100mila ettari per coltivare grano Guerra Russia-Ucraina, in Puglia sono pronti 100mila ettari per coltivare grano Sono anche stati destinati 1,5 miliardi di euro per fotovoltaico per i tetti delle imprese agricole
I rincari colpiscono il Carnevale, tornano le ricette fai da te I rincari colpiscono il Carnevale, tornano le ricette fai da te Coldiretti stima un aumento del 20% dei prezzi delle chiacchiere in forni e pasticcerie
Puglia in zona gialla, Coldiretti stima perdite per ristoranti e agriturismi Puglia in zona gialla, Coldiretti stima perdite per ristoranti e agriturismi Da domani torna il limite di 4 persone a tavola
Pranzi e cenoni di Natale, maggiore attenzione alla riduzione degli sprechi Pranzi e cenoni di Natale, maggiore attenzione alla riduzione degli sprechi Un approfondimento sull'indagine Coldiretti/Ixè
Meteo inclemente nell'autunno pugliese: a pagare è l'agricoltura Meteo inclemente nell'autunno pugliese: a pagare è l'agricoltura L'analisi della Coldiretti: «In Puglia l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma»
Puglia: la sua vocazione agricola minacciata dalla criminalità Puglia: la sua vocazione agricola minacciata dalla criminalità Interviene Coldiretti Puglia sulla questione e ascolta l'allarme degli agricoltori
Verde pubblico, Barletta ultima in Puglia Verde pubblico, Barletta ultima in Puglia È l'allarme lanciato da Coldiretti: scarsa la dotazione di verde pro capite nella nostra regione
Tornano i matrimoni, in Puglia salvi 100mila posti di lavoro Tornano i matrimoni, in Puglia salvi 100mila posti di lavoro Nel 2020 è stato registrato un crack di 50 milioni di euro per l'agriwedding
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.