Lavoro
Lavoro
Scuola e Lavoro

Luigi Riefolo è solo l'ultima persona morta sul lavoro: i numeri in Puglia e in Italia

Ai dati ufficiali, vanno sommati quelli sommersi che riguardano molti lavoratori come quelli a nero o le partite Iva

Sul lavoro si muore ancora. Luigi Riefolo, l'operaio che ha perso la vita a Barletta sotto una pala meccanica il 15 ottobre mentre si occupava della manutenzione dell'azienda Timac, è solo l'ultima vittima che si aggiunge al computo delle morti bianche. Da gennaio a settembre 2021, in Italia sono morte 910 persone sul lavoro. E a leggere i dati dell'Inail, il bollettino è destinato a salire entro la fine dell'anno. Nel suo aggiornamento mensile, l'istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro rivela che in Puglia sono 75 i lavoratori che hanno perso la vita nei primi nove mesi dell'anno. La provincia di Bari è la più colpita, con 23 decessi, seguita da quella di Lecce (19 morti sul lavoro), di Foggia (14 vittime), di Taranto (10), di Brindisi (7) e di Barletta-Andria-Trani dove si contano 2 morti sul lavoro da gennaio a settembre.


In Puglia, la maggior parte delle morti (65) si è consumata nel settore industria e servizi, mentre sono 9 i lavoratori che hanno perso la vita nel settore dell'agricoltura. Le donne decedute sul lavoro sono 4, mentre i restanti 71 sono uomini. Inoltre, nonostante la maggior parte degli incidenti mortali riguardi persone in età adulta, da gennaio a settembre si contano anche giovani vite spezzate: una vittima tra i 15 e i 19 anni, 3 tra i 20 e i 24 anni, 6 tra i 25 e i 29 anni e 10 tra i 30 e 39 anni.

Le morti bianche dal 2016 al 2020

Nell'attesa di conoscere i dati definitivi del 2021, l'Inail offre una comparazione dei numeri del 2020 con quelli degli anni precedenti, fino al 2016. La prima cosa che si nota è l'aumento di morti nell'anno della pandemia in quanto sono stati considerati infortuni sul lavoro anche i contagi da Covid-19 e i relativi decessi. In totale, nel 2020, i morti sul lavoro in Italia sono stati 1.538, con un incremento del 27,6% rispetto al 2019. Un terzo di questi sono stati causati proprio dal Covid. Le morti sul lavoro accertate dall'Inail, invece, sono state 799, il 13,3% in più rispetto alle 705 del 2019. La Puglia è la settimana regione sia per numero complessivo di lavoratori che hanno perso la vita nel 2020 sia, in totale, guardando ai decessi verificati dal 2016. A detenere il primato negativo, invece è la Lombardia. Mentre in fondo alla classifica c'è la Valle d'Aosta con soli 7 decessi negli ultimi 5 anni.

«Il pesante bilancio infortunistico ci fa comprendere che non si fa ancora abbastanza», aveva detto il presidente dell'Inail Franco Bettoni in occasione della presentazione dei dati annuali. E pensare che nelle stime ufficiali rientrano solo i lavoratori coperti da assicurazione oltre a quelli della pubblica amministrazione. Restano invece sommerse le morti dei lavoratori che svolgevano attività a nero o semplicemente le partite Iva o i liberi professionisti: nei dati rappresentati, loro non ci sono. Bettoni ha auspicato la creazione di «un vero e proprio patto per la sicurezza tra istituzioni e parti sociali» per aumentare la prevenzione nei luoghi di lavoro e rafforzare i controlli che dovrebbero essere effettuati dall'Ispettorato del lavoro. In Puglia, la provincia di Barletta-Andria-Trani ne è sprovvista perché l'ufficio competente è ancora quello di Bari. A chiederne l'istituzione, dopo la morte di Luigi Riefolo, è stata la sede provinciale della Cgil.
  • Lavoro
  • Morti bianche
Altri contenuti a tema
Il benessere del lavoratore nell’era post-Covid19. I vantaggi nel welfare aziendale Il benessere del lavoratore nell’era post-Covid19. I vantaggi nel welfare aziendale Un convegno a Trani per analizzarne il cambiamento dopo la pandemia
I lavoratori dei servizi ambientali scioperano per il mancato rinnovo dei contratti I lavoratori dei servizi ambientali scioperano per il mancato rinnovo dei contratti Lunedì si svolgerà un sit-in a Barletta davanti la sede della Prefettura
JEBA, la prima junior enterprise in Puglia nasce al Politecnico di Bari JEBA, la prima junior enterprise in Puglia nasce al Politecnico di Bari L'iniziativa nata per favorire l'inserimento dei giovani pugliesi nel mondo del lavoro
Anche il Senatore Damiani si stringe al dolore dei familiari dell'operaio Anche il Senatore Damiani si stringe al dolore dei familiari dell'operaio «Morire sul posto di lavoro è inaccettabile»
Rinnovato il Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri della Bat Rinnovato il Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri della Bat Eletti due professionisti barlettani
PUC: 33 progetti per l'inclusione e la crescita PUC: 33 progetti per l'inclusione e la crescita A Barletta le nuove attività dei Progetti Utili alla Collettività
Piccole e medie imprese, dalla Puglia nuove misure di sostegno Piccole e medie imprese, dalla Puglia nuove misure di sostegno Lo comunica il consigliere regionale Pd Filippo Caracciolo
Rinnovato il contratto collettivo per i dipendenti dei consorzi di vigilanza campestre di Bari e Bat Rinnovato il contratto collettivo per i dipendenti dei consorzi di vigilanza campestre di Bari e Bat FAI FLAI UILA: «Importante rinnovo per le guardie campestri»
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.