Filippo Caracciolo
Filippo Caracciolo
Politica

Lavoratori in piazza a Barletta, Caracciolo: «Cannito gioca allo scarica barile»

«Non è possibile chiedere al Presidente Emiliano di rivedere la zona rossa»

«Le informazioni inesatte fanno più danno del Coronavirus e accendono focolai di incertezze e disorientamento tra i cittadini. Responsabilità e concretezza in primis, pur comprendendo le motivazioni personali di ogni cittadino. Altrimenti si fomenta "la rabbia" sociale e la logica improduttiva dello scarica barile. Il concetto di comunicazione è molto importante, per parlare davanti ad una situazione di disagio sociale espressa in una protesta di piazza come quella degli operatori del terziario a Barletta questa mattina, servono qualità come la chiarezza e il senso di responsabilità. Al Sindaco Cannito sono evidentemente mancate». A rivolgersi al primo cittadino di Barletta è il consigliere regionale e presidente del gruppo PD Filippo Caracciolo.

«Una comunicazione non corretta - afferma il consigliere regionale - trasforma il disagio sociale in odio sociale e questo accade soprattutto quando il sindaco scarica le proprie responsabilità su altri livelli istituzionali: è quello che è accaduto in questo caso. È doveroso ricordare al primo cittadino - prosegue Caracciolo - che il colore delle zone viene definito dal Governo in base all'indice RT che, per quanto ci riguarda in Puglia, resta ancora molto alto. Quindi non è possibile rivolgere questa richiesta al Presidente Emiliano.
Ricordo inoltre al sindaco che essendo lui stesso il primo organo di sicurezza, nonché responsabile sanitario della città può e deve attuare tutte le prerogative riconosciute dalla legge circa i controlli da effettuare. In questo periodo pandemico il Sindaco deve garantire alla propria comunità, che rappresenta e che deve tutelare, il rispetto di un clima di dialogo trasparente, civile e costruttivo. Non è corretto far passare "opinioni" per "dati".

Alle esigenze comprensibili di ogni cittadino - aggiunge Caracciolo - sia lavorative sia psicologiche, non si può eludere con risposte fuorvianti, non si possono fare passi in avanti con la logica improduttiva dello scarica barile. L'attuazione di strategie sociali, economiche e politiche condivise in base alle normative nazionali e regionali è l'unico binario di percorrenza che abbiamo a nostra disposizione. Non andrà tutto bene, se non faremo tutto meglio. Se ci soffermiamo su polemiche astratte (zona rossa o zona arancione, disinformazione su ristori e indice di contagio, potere del Governatore e dei Sindaci) continueremo a ottenere fumo.

La protesta sociale deve essere ascoltata da orecchie che hanno esecutivo potere di rappresentanza e reali competenze. Altrimenti si innesca semplicemente una speculazione mediatica e questo è un gioco al ribasso sociale e umano. Contano i fatti, non le parole. E francamente certe parole ce le saremmo volentieri risparmiate. Non è momento di far perdere tempo a nessuno e neanche di fare evidenti passi falsi.

Le persone - conclude Caracciolo- chiaramente e condivisibilmente sotto pressione, devono manifestare nelle sedi di competenza, con proteste civili, altrimenti saranno oggetto di strumentalizzazione. Parlare di tutto e male, facendo anche confronti con realtà regionali differenti da quella pugliese. Comunicare, non fomentare, la prima regola di una politica costruttiva».
  • Filippo Caracciolo
  • Coronavirus
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti sull'emergenza che ha cambiato il mondo

1716 contenuti
Altri contenuti a tema
Vaccini, cambio di calendario per le somministrazioni a Barletta Vaccini, cambio di calendario per le somministrazioni a Barletta Prime dosi riprogrammate fino al 3 giugno
In Puglia 567 nuovi casi di Covid su quasi 10mila tamponi In Puglia 567 nuovi casi di Covid su quasi 10mila tamponi Sono undici i decessi registrati nelle ultime 24 ore
Vaccino anti-Covid, Lopalco: «La Puglia è sopra la media nazionale per somministrazioni» Vaccino anti-Covid, Lopalco: «La Puglia è sopra la media nazionale per somministrazioni» L'aggiornamento dell'andamento della campagna vaccinale
Covid, 109 nuovi contagi nella Bat e un decesso Covid, 109 nuovi contagi nella Bat e un decesso Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati registrati 591 casi
1 Sale il numero dei casi Covid a Barletta, sono più di 900 Sale il numero dei casi Covid a Barletta, sono più di 900 Attualmente è il dato più alto tra i comuni della Bat
Campagna vaccinale, in Puglia somministrate il 91% delle dosi ricevute Campagna vaccinale, in Puglia somministrate il 91% delle dosi ricevute Da lunedì si apriranno le prenotazioni anche per gli over 40
Covid: 554 contagi in Puglia, ma si contano altri 31 decessi Covid: 554 contagi in Puglia, ma si contano altri 31 decessi Sono 74 i nuovi casi registrati nella provincia Bat
2 Vaccini in Puglia per gli over 40: ecco il calendario per le prenotazioni Vaccini in Puglia per gli over 40: ecco il calendario per le prenotazioni Le procedure partiranno lunedì prossimo per la fascia 40-49 anni
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.