Incendio Buzzi Unicem
Incendio Buzzi Unicem
Attualità

Incendio alla Buzzi Unicem, Cianci: «Salute di Barletta questione pubblica»

La lettera al direttore della Buzzi Unicem

Il presidente dell'Operazione Aria Pulita di Barletta, l'avvocato Michele Cianci, ha scritto una lettera al direttore della Buzzi Unicem in merito all'incendio degli scorsi giorni.
Questo il suo contenuto:

«Egregio Direttore,
prendo atto della "Nota stampa", del 2 maggio, a firma di nessuno, per rilevare quanto segue: quale significato si può dare a questo scritto se non quello di offendere grandemente l'intelligenza di qualunque cittadino. Quale valore, tecnico giuridico e/o legale, ha una nota scritta su di un foglio bianco con un semplice logo e senza alcun indirizzo, ragione sociale e soprattutto senza un responsabile che si assuma la paternità di quanto scritto? Nulla più del nulla. Chi scrive che non "vi sono state conseguenze per la sicurezza dei lavoratori e per l'ambiente circostante"? Un tecnico? Un medico? Uno scientifico? Ebbene devo risponde a questo signor nessuno che basta una semplice ricerca su un motore internet per verificare che non è affatto vero che l'olio bruciato non produce conseguenze alla salute, basti pensare che l'olio da frittura è dannoso per la salute del nostro organismo e che se riutilizzato più volte può scatenare molte patologie alle vie respiratorie e far aumentare il rischio di tumore al seno e ai polmoni.
Pertanto, è bene che su questo "principio di incendio" spento grazie ai Vigili del fuoco e non con due estintori, intervengano l'Arpa e le autorità preposte al fine di procedere ad un'attenta verifica dell'incidente, che a dire del sig. nessuno, è stato causato dalla fuoriuscita di olio chimico e non di frittura, al fine di dare serenità alla cittadinanza e non comunicati anonimi. La salute barlettana è una questione pubblica e non privata».
  • Cementeria
Altri contenuti a tema
Lavori in via Andria, nuovi percorso per i mezzi pesanti della cementeria Lavori in via Andria, nuovi percorso per i mezzi pesanti della cementeria I mezzi pesanti diretti dal porto alla Buzzi Unicem utilizzeranno l’ex cunicolo ferroviario di viale Regina Elena
1 Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti Cementeria di Barletta, il disastro ambientale non sussiste. Imputati assolti Il Tribunale di Trani ha assolto anche i nove imputati che non optarono per il rito abbreviato
4 Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Disastro ambientale, assolti otto imputati nel caso Buzzi Unicem di Barletta Gli altri nove imputati attendono la sentenza del prossimo 8 ottobre
3 Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta Non solo sport, la Barletta Sportiva in visita alla cementeria di Barletta «Speriamo che in questo enorme spazio possano sorgere percorsi e viali alberati»
Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati Cementeria di Barletta, chiesta l'assoluzione per tutti gli imputati La sentenza sarà pronunciata il 18 settembre
La Buzzi Unicem dona una grande serra all'istituto Garrone di Barletta La Buzzi Unicem dona una grande serra all'istituto Garrone di Barletta Oggi la cerimonia di presentazione del laboratorio scolastico “VivaIO Insieme”
1 Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Presunto disastro ambientale, il Comitato Aria Pulita Bat rinuncia Non si costituirà parte civile, verosimile la richiesta di assoluzione il 4 aprile
3 Processo per disastro ambientale a Barletta, la difesa parlerà il 14 maggio Processo per disastro ambientale a Barletta, la difesa parlerà il 14 maggio Oggetto delle indagini "emissioni inquinanti rivenienti dalla combustione di rifiuti"
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.