Lungomare di Ponente
Lungomare di Ponente
Turismo

Il turismo sta per ripartire in Puglia: pronta l'ordinanza balneare

La Regione stanzia 300 mila euro per l'accessibilità delle spiagge libere alle persone diversamente abili

L'Ordinanza Balneare 2021 è pronta e, da oggi, è consultabile e scaricabile dal portale regione.puglia.it. Il poster, che deve essere affisso negli stabilimenti balneari e nelle sedi municipali dei Comuni costieri, reca quest'anno un QR Code inquadrando il quale con uno smartphone è possibile accedere e leggere direttamente il testo con le varie prescrizioni.

Ieri, intanto, è partita la lettera della dirigente della Sezione Demanio e Patrimonio della Regione Puglia, Costanza Moreo, indirizzata ai sindaci dei 67 Comuni costieri che comunica il termine di venerdì 28 maggio prossimo per presentare un'istanza di accesso ai 300 mila euro stanziati per il 2021 con cui la Regione Puglia finanzia interventi che assicurino la totale accessibilità e fruibilità alle persone diversamente abili delle spiagge libere previste nel Piano Regionale delle Coste.

È un'opportunità la cui riapertura era stata preannunciata lo scorso 29 aprile dal vicepresidente della Regione Puglia e assessore al Demanio, Raffaele Piemontese, in occasione dell'incontro con Direzione marittima della Puglia e della Basilicata jonica, ANCI Puglia, organizzazioni di categoria degli imprenditori balneari, associazioni dei disabili e associazioni ambientaliste. Un'azione che, negli ultimi tre anni, ha mobilitato oltre un milione di euro a sostegno di 51 interventi proposti da 37 Comuni.

Ovviamente, per questa nuova tornata, sarà data precedenza ai Comuni che non hanno ricevuto finanziamenti nelle precedenti edizioni e a quelli che hanno approvato o, quantomeno, adottato il proprio Piano Comunale delle Coste. Una particolare attenzione sarà osservata anche verso le proposte costruite con l'apporto di associazioni sensibili.

Il contributo massimo concedibile per il Comune costiero, singolo o in associazione con altri Comuni, resta pari a 20 mila euro. In base alle risorse residue disponibili, si potranno valutare, anche dopo la scadenza del 28 maggio, le istanze presentate da Comuni che hanno già beneficiato di un contributo e hanno regolarmente realizzato e rendicontato i precedenti interventi, dandone adeguata pubblicità. Sempre in caso di ulteriore disponibilità di risorse, potranno essere finanziati anche progetti di manutenzione straordinaria o di adeguamento di interventi già esistenti, purché finalizzati a implementare e migliorare l'accessibilità da parte dei diversamente abili, nonché la durabilità e la gestione delle attrezzature.

«Questa della piena accessibilità alle spiagge e al mare – commenta il vicepresidente Piemontese – è una sfida che ha bisogno di continuità e sappiamo che anche piccoli budget sono in grado di assicurare un grande risultato in termini di libertà e gioia di vivere il lungo litorale pugliese».
  • turismo
Altri contenuti a tema
Emiliano al Forum in masseria: importante lavorare sul turismo in Puglia Emiliano al Forum in masseria: importante lavorare sul turismo in Puglia "Il turismo è molto più importante di quanto non si possa immaginare"
“Stop&Enjoi”, in arrivo circa 4 milioni di euro per l'accessibilità turistica “Stop&Enjoi”, in arrivo circa 4 milioni di euro per l'accessibilità turistica Approvato dal Ministero il progetto presentato dal Patto Territoriale Nord Barese Ofantino
Idee per una vacanza alternativa in Toscana Idee per una vacanza alternativa in Toscana Anche la prossima estate sarà consigliabile esplorare l'Italia per favorire il turismo nostrano
Pro Loco della Puglia pronte a ripartire nel 2021 Pro Loco della Puglia pronte a ripartire nel 2021 Le Pro Loco pugliesi si sono già mobilitate per proporre eventi artistici e folkloristici
Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» Turismo, Coldiretti Puglia: «A Pasqua azzerati viaggi e gite fuori porta» L'arrivo per l'estate del passaporto vaccinale potrà salvare il turismo straniero
«Noi lavoratori del comparto turistico siamo allo stremo» «Noi lavoratori del comparto turistico siamo allo stremo» La lettera aperta di un Maitre d'hotel di Barletta
«C’era una volta l’Azienda Autonoma soggiorno e turismo di Barletta» «C’era una volta l’Azienda Autonoma soggiorno e turismo di Barletta» Oggi in vendita dalla regione l’ultimo suo immobile dov’era l’archivio storico
Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Turismo e cultura in crisi: dalla Regione 50 milioni a fondo perduto Dei 50 milioni stanziati, 40  sono al comparto  del Turismo e 10 a quello  della Cultura
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.