Vaccini
Vaccini
Politica

Fratelli d'Italia: «Proposta per abrogazione legge regionale sui vaccini»

«È ora di finirla con gli equivoci e inappropriate propagande»

«Avevamo ragione, ma lo sapevano anche Emiliano-Lopalco e Montanaro (i quali colpevolmente sono rimasti in silenzio mentre in Consiglio regionale veniva approvata una Legge Farlocca) che serviva una legge nazionale per obbligare gli operatori sanitari a fare il vaccino anti-covid. Oggi è stato pubblicato ed è in vigore il DECRETO-LEGGE 1° aprile 2021 (n. 44 Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da Covid-19) che all'art. 4 prevede disposizioni urgenti in materia di prevenzione del contagio da SARS-CoV-2 mediante previsione di obblighi vaccinali per gli esercenti le professioni sanitarie e per gli operatori di interesse sanitario». Inizia così la nota firmata da Fratelli d'Italia.

«L'emanazione di un decreto legge, in applicazione dell'art. 32, secondo comma della Costituzione della Repubblica, deve aver fugato per sempre tutti i dubbi sulla competenza dello Stato ad imporre l'obbligatorietà della vaccinazione anti-covid degli operatori sanitari, confermando di fatto quanto detto da Fratelli d'Italia in occasione del Consiglio regionale il 23 febbraio scorso, quando la maggioranza rosso-gialla approvava una NORMA FARLOCCA che tanto danno ha creato nella nostra Regione».
«Sfuggiva alla maggioranza, ad un magistrato come Emiliano, a un assessore alla Sanità e allo stesso proponente di quella legge, tutti animati da volontà punitiva, il dettato del secondo comma dell'art. 32 della Costituzione: 'Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non pu? in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana'».
«Si è voluto equivocare sull'imposizione di un obbligo vaccinale che spetta allo Stato e non alle Regioni, blandendo punizioni e minacciando sanzioni in spregio al rispetto della persona umana, consci di farlo o comunque non ascoltando le nostre osservazioni, il che è stato ancor più grave considerato che non si può essere sordi riguardo a confronti inerenti i diritti fondamentali delle persone tutelati dalla nostra Costituzione».

«È ora - concludono - di finirla con gli equivoci e inappropriate propagande. E' invece ora di agire con la corretta informazione osservando in Puglia come in tutto il Paese la norma recata dal D.L. sopra citato, e ci fa piacere prendere atto che in data odierna il Direttore del Dipartimento Salute, Vito Montanaro, ha emanato apposita direttiva per darne attuazione. Al dott. Montanaro esprimiamo il nostro rammarico per essere stato in silenzio sulle pressioni indebite e contrarie ai precetti costituzionali esercitate nelle Aziende Sanitarie in applicazione di una legge farlocca e lesiva dei diritti costituzionali delle persone, macchiandosi di complicità con un fare politica di abuso della potestà legislativa. Per queste ragioni, per ridare dignità alla nostra potestà legislativa, per rispetto dei diritti fondamentali delle persone garantite dalla Costituzione, per rispetto della Costituzione stessa, del Presidente Draghi e del Ministro Cartabia ed in ultimo dell'intelligenza dei pugliesi, riteniamo indispensabile procedere all'abrogazione dell'art. 1 della L.R. n° 2 del 10 marzo 2021 che per noi era e resta una norma farlocca, ed in quanto tale non può essere vigente nella nostra Regione. A tal fine abbiamo presentato una proposta di legge volta ad abrogare la legge».
  • Vaccinazioni
Altri contenuti a tema
Asl BT, sabato la seconda dose ai caregiver vaccinati il 4 e il 5 aprile Asl BT, sabato la seconda dose ai caregiver vaccinati il 4 e il 5 aprile Le vaccinazioni avverrano al Pala Assi di Trani
Mancano i vaccini, hub di Barletta chiuso per due giorni Mancano i vaccini, hub di Barletta chiuso per due giorni In attesa della comunicazione ufficiale, molti cittadini sono stati informati telefonicamente
Vaccini anticovid under 40, qual è il calendario in Puglia Vaccini anticovid under 40, qual è il calendario in Puglia Nel giro di 10 giorni tutta la popolazione pugliese vaccinabile potrà prenotarsi
Vaccini ai maturandi, a Barletta ieri 155 studenti chiamati all'appello Vaccini ai maturandi, a Barletta ieri 155 studenti chiamati all'appello Il punto della prima giornata di vaccinazioni anti Covid per gli studenti della Ba
Vaccini anticovid, 2.133.835 dosi somministrate in Puglia Vaccini anticovid, 2.133.835 dosi somministrate in Puglia Continuano le somministrazioni anche nella Asl Bt
Vaccini, Puglia rimane al primo posto Vaccini, Puglia rimane al primo posto Quasi 2milioni di dosi somministrate. Lopalco: «Sopra la media nazionale su tutte le fasce prioritarie di età e fragilità»
1 Vaccini anti Covid, a Barletta dosi ai cittadini di età compresa tra i 59 e i 50 anni Vaccini anti Covid, a Barletta dosi ai cittadini di età compresa tra i 59 e i 50 anni Sono 1.695.127 le dosi di vaccino anticovid somministrate sino ad oggi in Puglia
Vaccini, domani al via le prenotazioni per i nati dal 1964 al 1965 Vaccini, domani al via le prenotazioni per i nati dal 1964 al 1965 Prosegue l'iter di prenotazione in base alle fasce d'età
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.