Ex Palazzo delle Poste
Ex Palazzo delle Poste
Attualità

Ex Palazzo Poste di Barletta adibito ad Archivio di Stato? Il comitato tranese non ci sta

Il presidente Alessandro Moscatelli scrive alla Corte dei Conti

Apprendiamo con incredulità la notizia che il Ministero della Cultura intenderebbe acquistare l'ex Palazzo delle Poste di Barletta per adibirlo a sede dell'Archivio di Stato. Non riusciamo a comprendere le logiche alla base di questo annuncio trionfalistico se non fosse per la campagna elettorale in corso nel Comune di Barletta. Se così fosse, dovremmo prendere atto che l'ostinazione di un burocrate con spirito prepotentemente campanilistico, assecondata dai politici di turno, prevarica sugli assetti consolidati del territorio della sesta provincia pugliese in violazione delle norme legislative e regolamentari ed in dispregio delle vocazioni territoriali delle città aderenti.

Ci piace pensare che il senatore Damiani abbia errato in buona fede ad indicare la destinazione del palazzo in questione a "sede" piuttosto che a "sezione" dell'Archivio di Stato perché, diversamente, oltre a violare norme e principi, contrasterebbe con quanto già da tempo deciso, in data 11.03.2008, dal Direttore Generale degli Archivi di Stato, Arch. Antonia P. Recchia, secondo il quale: "si può perciò istituire un Archivio di Stato che, per ragioni scientifiche legate alla consistenza del patrimonio e alla storia istituzionale della Regione, deve avere sede in Trani, dove fino al 1923 ha avuto sede la Corte d'Appello della Puglia, mentre la sezione di Barletta continuerà a operare alle sue dipendenze".

Evidenziamo che al Comune di Barletta, come dichiarato dal sottosegretario di Stato per l'interno, Molteni, in risposta ad una interrogazione del senatore, R. Quarto, erano stati assegnati, nel 2016, 974.500,00 euro per l'adeguamento strutturale e funzionale della ex Caserma Stennio da adibire a sezione dell'Archivio di Stato, giammai completata essendo necessarie altre risorse.

La sezione di Barletta dell'Archivio di Stato, quindi, era ed è ubicata in un seminterrato di un edificio condominiale mentre la sezione di Trani è ubicata nella prestigiosa sede di Palazzo Valenzano. Per il Ministero, la istituzione della sede provinciale a Trani comporterebbe una operazione a costo zero.

Lo stesso sottosegretario Molteni evidenziava le difficoltà finanziarie per predisporre ulteriori fondi a completamento della caserma Stennio e, in tutti questi anni, nelle Sezioni di Trani e di Barletta, a seguito del pensionamento di molti dipendenti, scarseggiavano le risorse per nuove assunzioni.

Ora, improvvisamente, il Ministero della Cultura sembra disporre di risorse finanziarie per oltre quattro milioni di euro per acquistare l'ex palazzo delle Poste di Barletta, per non parlare dei costi necessari per l'adeguamento strutturale e funzionale e dei tempi.

Istituire la sede provinciale dell'Archivio di Stato a Barletta sarebbe un vero e proprio scippo per Trani ed un'operazione anomala ed antieconomica per il Ministero, cui invieremo le nostre segnalazioni, sottoponendole anche alla Corte dei Conti, sperando nel supporto del sindaco di Trani cui il Consiglio Comunale ha attribuito un preciso e chiaro indirizzo politico.

Comitato pro Archivio di Stato a Trani, Avv. Alessandro Moscatelli
  • Archivio di Stato
Altri contenuti a tema
1 Domenica di Carta, un tour tra storia e archivi a Barletta Domenica di Carta, un tour tra storia e archivi a Barletta Si è tenuto domenica 9 ottobre in Via F. D'Aragona 132
"Domenica di Carta", porte aperte all'Archivio di Stato "Domenica di Carta", porte aperte all'Archivio di Stato L'iniziativa coinvolge gli archivi di Bari, Barletta e Trani
Per le Giornate Europee del Patrimonio sarà possibile visitare l'Archivio di Stato Per le Giornate Europee del Patrimonio sarà possibile visitare l'Archivio di Stato Potranno essere visitati, dietro prenotazione obbligatoria a Bari nei giorni del 24 e 25 settembre, a Barletta il 24 settembre e a Trani il 25 settembre
Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Prefetto Riflesso Al centro dell'incontro anche il punto sull’ex Palazzo delle Poste
«Lo sport preferito da noi barlettani è sminuire o distruggere» «Lo sport preferito da noi barlettani è sminuire o distruggere» Il direttore dell'Archivio di Stato in una riflessione nel giorno dell'anniversario della battaglia di Canne
Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi Il Direttore dell'Archivio di Stato Grimaldi incontra il Cardinale Monterisi Ad accoglierlo c’erano il dott. Cosimo Damiano Cannito, il Senatore di Forza Italia Dario Damiani, l’Avv.Pier Paolo Grimaldi ed il Comm. Vito Dibitonto
Stato civile e atti di nascita, excursus a cura di Michele Grimaldi Stato civile e atti di nascita, excursus a cura di Michele Grimaldi «Gli archivi sono lì. Saremo sempre lieti di accogliere tutti coloro che vorranno sapere come “effettivamente” sono andate le cose»
33 Il sindaco Cannito incontra il direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi Il sindaco Cannito incontra il direttore dell'Archivio di Stato Michele Grimaldi Il direttore Grimaldi ha sottolineato che la fine dei lavori della nuova sede della Sezione di Archivio di Stato di Barletta avverrà al termine dell'estate
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.