En plein air - Menhir di Canne
En plein air - Menhir di Canne
Territorio

"En plein air - Menhir di Canne", l'installazione nel sito archeologico

Laboratorio di Immaginazione Urbana: «L'urgente necessità di una riqualificazione territoriale»

En plein air è un'istallazione luminosa che avvolge il menhir di Canne, un'azione spontanea di protezione e valorizzazione, un esercizio di affinamento della sensibilità a leggere e ad interpretare le forme del territorio in cui viviamo: un allenamento dello sguardo, ma anche una pratica di frequentazione.
7 fotoEn plein air - Menhir di Canne
En plein air Menhir di CanneEn plein air Menhir di CanneEn plein air Menhir di CanneEn plein air Menhir di CanneEn plein air Menhir di CanneEn plein air Menhir di CanneEn plein air Menhir di Canne
Fase 1 L'incontro
Queste immagini ritraggono il primo esito dei nostri colloqui notturni con le campagne di Canne, e in questo caso, con una strana pietra scortecciata dai millenni.

Il Menhir di Canne, risalente all'età del bronzo, alto circa tre metri e interrato per circa un metro e mezzo, rappresenta una testimonianza tra le più significative della zona archeologica della Bassa Valle dell'Ofanto. Si tratta di un monumento megalitico costituito da una pietra allungata: un ruvido tronco lapideo eretto su un fianco, in una snella e slanciata posa verticale, nella quale riscopriamo il primitivo ingegno umano, ma al contempo la sua potente e ancestrale spiritualità.

L' innaturale artificialità della posizione eretta è mitigata dalla naturalità della pietra la cui superficie appare inesorabilmente corrosa dal tempo. Un'arcaica ed elementare potenza simbolica giace nascosta in questa semplice pietra. Il nostro desiderio è quello di liberarla quanto più possibile.

Fase 2 L'atmosfera
Di giorno la luce rende lo scenario naturale delle campagne cannesi protagonista e l'intervento dell'uomo, così antico e radicalizzato, si fa organico, si dissolve e si armonizza con il contesto. La nostra coscienza visiva però si attiva quando siamo più sensibili a percepire un ambiente concentrandoci su pochi elementi, cogliendone i dettagli.

Nella notte, l'oscurità ci mostra il Menhir in un rapporto spaziale diverso, quasi decontestualizzato, ma alcuni appigli visivi dati dal fogliame circostante ci mantengono in un equilibrio fragilissimo. Nella notte, grazie a una calibrata luce artificiale, la figura del menhir emerge dal suo melanconico abisso nero. Se lo sfondo è un'ombra fitta, vuoto assoluto, buio che tutto circonda, la luce diventa "unico avvertimento della forma, segno della realtà nel suo rivelarsi"[1]. Essa mette a fuoco il menhir, rivelando la sua corporeità, accentrando in alcuni punti la densità delle sue rughe, ritagliando la sua sagoma e mostrando in sembianze sempre diverse i suoi sfaccettati profili. La luce stessa diventa quasi corpo, ma un corpo etereo capace di ridare anima a brandelli di materia che ora appartengono ad una realtà dimenticata.

Fase 3 Lo sguardo
La fotografia è un mezzo per rapportarsi con i luoghi ed è fatta di equilibri minimi, leggerissimi. Essa seleziona gli sguardi più intensi e perspicaci. Cerchiamo con la fotografia un preciso rapporto tra noi e il fantasma, usando solo delle bianche luci al led, in una scenografia che testimoni il nostro passaggio e la nostra relazione con i luoghi.

L'occhio della camera danza intorno al menhir, cercando i punti migliori in cui collocarsi per penetrare i segreti delle sue forme, della storia e della materia, nei punti in cui la luce sembra più disposta a rivelarglieli. Tutto intorno vi è l'angosciante densità del nero.

In questo contrasto vive la tragicità strutturale di queste immagini dal sapore caravaggesco, in cui lo spazio appare drammaticamente spaccato, diviso, frazionato tra luci e ombre, tra presenza e assenza. Esse si fanno metafora della drammaticità strutturale di un territorio denso di elementi di pregio, ma carente di una progettualità organica.

L'istallazione è dunque un gesto che vuole sottolineare l'urgente necessità di una riqualificazione territoriale che parta in primo luogo dal recupero e dalla riconnessione di alcuni luoghi ed elementi di pregio esistenti nel "Parco Paesaggistico di Canne".

Laboratorio di Immaginazione Urbana, Massimiliano Cafagna, Francesco Delrosso, Marco Lacerenza, Saverio Rociola, Giuseppe Tupputi
Installazione temporanea e indipendente - Menhir di Canne

[1] Luigi Moretti (2019), "Discontinuità dello spazio in Caravaggio", in "Spazio", a. II, n. 5, luglio-agosto 1951. Ora in "Spazio". Gli editoriali e altri scritti (a cura di Pierini O. S.), Milano: Christian Marinotti Edizioni, p. 89.
  • Canne della battaglia
Altri contenuti a tema
1 Occupata abusivamente l'ex casa cantoniera di Canne della Battaglia Occupata abusivamente l'ex casa cantoniera di Canne della Battaglia «Struttura in stato di abbandono», dovrebbe diventare un "albergabici" ma le procedure sono ferme
Canne della Battaglia, apertura straordinaria nella giornata di sabato 11 dicembre Canne della Battaglia, apertura straordinaria nella giornata di sabato 11 dicembre Dalle 18 alle 21 aperti antiquarium e parco archeologico
Riconoscimento storico per Canne della Battaglia durante il congresso a Roma Riconoscimento storico per Canne della Battaglia durante il congresso a Roma Si è svolto venerdì 22 ottobre presso l'Università La Sapienza
“Sviluppi Turistici tra Barletta e l’Ofanto passando da Canne” “Sviluppi Turistici tra Barletta e l’Ofanto passando da Canne” Una lettera a firma del perito agrario Giuseppe Dargenio
Storia e natura a Canne della Battaglia Storia e natura a Canne della Battaglia Uva e fichi d'India in assaggio durante l'evento proposto dall’Associazione culturale Wolakota
1 Barletta torna su Rai 1, oggi appuntamento con il programma "Linea Verde Estate" Barletta torna su Rai 1, oggi appuntamento con il programma "Linea Verde Estate" La nota di Comitato Italiano Pro Canne della Battaglia e Archeoclub
Parco Naturale Regionale del Fiume Ofanto, un progetto per Canne della Battaglia Parco Naturale Regionale del Fiume Ofanto, un progetto per Canne della Battaglia Lettera del perito agrario Giuseppe Dargenio
Continuano gli incendi a Canne della Battaglia: ulivi in fiamme Continuano gli incendi a Canne della Battaglia: ulivi in fiamme La Prefettura dichiara massima attenzione
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.