Cronaca

Barletta, la banca Federiciana restituisce i soldi

I risparmiatori truffati, saranno rimborsati secondo un decreto ingiuntivo. La notizia arriva dall’avvocato Gesuito, legale dei 22 risparmiatori truffati

I fatti risalgono all'anno 2007, quando a Francesco Miani, direttore di un noto istituto di credito pugliese viene proposto di assumere il comando della neonata banca Federiciana. Nel passaggio al nuovo istituto di credito quindi, il direttore Miani porta con sé anche diversi clienti del vecchio istituto di credito presso cui era direttore.

A questi fa firmare documenti in bianco che consentono il trasferimento di denaro da un istituto all'altro. Successivamente, quando i risparmiatori hanno provato a prelevare denaro dagli sportelli, hanno ricevuto la risposta che sui loro conti non c'era neanche un euro, il tutto mentre il direttore Miani era in ferie. Le somme scomparse dai conti dei risparmiatori, corrispondono a 22mila al milione e mezzo di euro a cliente.

Subito seguirono le denuncie presso la Guardia di Finanza , le quali portarono l'arresto del Miani il 14 agosto 2007. Ma le buone notizie per i 22 risparmiatori truffati iniziano ad arrivare solo ora. Infatti il giudice di Trani grazie ad un decreto ingiuntivo, ha disposto il rimborso per almeno undici dei risparmiatori truffati, ai quali nei prossimi dieci giorni potranno essere rimborsati somme di denaro che dovrebbero aggirarsi complessivamente attorno ai due milioni di euro. Ad annunciarlo, l'avvocato Vito Gesuito legale dei 22 risparmiatori truffati. I decreti ingiuntivi, resi provvisoriamente esecutivi, obbliga la banca tramite atti notificati di pagare nei prossimi dieci giorni, subendo in difetto tutte le procedure di espropriazione: il pignoramento dei beni, di fondi di deposito presso Banca d'Italia, o presso gli sportelli della banca, di tutti i fondi disponibili nelle tre sedi di Bari, ad Andria e a Barletta.

In tutti questi anni nonostante il carteggio che è stato fornito e le comunicazioni fatte, nonchè le notifiche giunte all'attenzione del governatore della Banca d'Italia Mario Draghi, scarso è stato l'interessamento verso questi risparmiatori. Mentre oggi, in ragione della possibile chiusura del procedimento penale, essi hanno visto il riconoscimento di tutte le somme di cui sono portatori nei confronti della banca. Il rischio per la Banca Federiciana quindi, in caso di inadempienza, è che vengano pignorati i depositi o si attivi un'altra procedura di recupero.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Truffa
  • Disagio per i cittadini
  • Vantaggio per i cittadini
  • Soldi
Altri contenuti a tema
1 Fingono l’incidente della nipote per truffare un’anziana Fingono l’incidente della nipote per truffare un’anziana Il terribile episodio accaduto questa mattina a Barletta
1 Via Galvani: «Nessuno ha dato spiegazioni sulla situazione vergognosa di questa strada» Via Galvani: «Nessuno ha dato spiegazioni sulla situazione vergognosa di questa strada» Ratti, insetti, scarafaggi, la testimonianza di una cittadina
Caro benzina, prezzo del carburante alle stelle: superati i 2 euro al litro Caro benzina, prezzo del carburante alle stelle: superati i 2 euro al litro L’allarme dei gestori: «Stiamo guardando al futuro con apprensione»
16 Emissioni nella zona industriale di Barletta, allerta per la qualità dell’aria Emissioni nella zona industriale di Barletta, allerta per la qualità dell’aria Cianci, Operazione Aria Pulita: «L’azienda dovrebbe rispondere alle segnalazioni e chiarire la natura di questi fumi»
«Il tuo Green pass è sospeso». Invece è una truffa «Il tuo Green pass è sospeso». Invece è una truffa Il ministero della Salute avverte su questi tentativi di phishing
4 «Bisogna garantire la privacy», segnalazione dall’ex ospedale di Barletta «Bisogna garantire la privacy», segnalazione dall’ex ospedale di Barletta Utenti del Servizio Protesi ricevuti in un corridoio
Crollo di via Curci a Barletta, continuano i disagi per i residenti Crollo di via Curci a Barletta, continuano i disagi per i residenti A quasi 7 mesi dal crollo, nulla sembra essere cambiato. I cittadini chiedono aiuto
Scavi senza fine in via Don Luigi Filannino Scavi senza fine in via Don Luigi Filannino Disagi per i residenti, «si è anche accumulata immondizia»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.