Adolescente
Adolescente
La città

Allarme vandalismo a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi

I residenti chiedono più sicurezza e controlli da parte delle forze dell'ordine

"Sentimenti di rabbia e impotenza accumulati in anni di restrizioni. C'è necessità di recuperare spazi di condivisione e di ascolto". Il consigliere dell'Ordine degli psicologi di Puglia Geremia Capriuoli interviene in merito all'allarme vandalismo lanciato dai residenti del centro storico di Barletta.

Alle consuete difficoltà adolescenziali si sono abbattute le conseguenze della pandemia che hanno acuito situazioni personali e familiari che già erano fragili. "Gli adolescenti sono i soggetti che hanno subìto le maggiori ripercussioni durante la pandemia e adesso ne stiamo pagando le conseguenze" continua Capriuoli. "La condizione di restrizione ha amplificato uno stato di tensione e stress che da alcuni ragazzi è stato introiettato, procurando un innalzamento esponenziale di situazioni depressive e comportamenti autolesivi, da altri è stato esteriorizzato".

I residenti della zona del centro storico che vedono minacciato il loro spazio vitale pongono l'attenzione sulla questione sicurezza, chiedendo maggiori controlli sul territorio da parte delle forze dell'ordine. Dall'altro gli psicologi sottolineano quanto il disagio psichico e sociale percepito durante la pandemia sia un problema da non poter derubricare e sottovalutare.

"Siamo in una società liquida e le relazioni liquide hanno reso tutti più soli ed isolati, in una sorta di "delirio narcisistico dell'Io" mortificando i sentimenti di appartenenza e di comunità. Quello su cui dobbiamo lavorare è una educazione alla relazionalità e alla socio-affettività. Dobbiamo spingere famiglia, ma soprattutto la scuola, al riconoscimento del valore dell'altro come inalienabile per la propria identità. L'educazione alla relazionalità e alla socio-affettività valorizza l'altro non come un nemico ma come un'opportunità di crescita ed è per questo che questi strumenti devono entrare nell'abito quotidiano di famiglia ma soprattutto nella scuola" conclude Capriuoli.
  • Vandalismo
  • Giovani e adolescenti
Altri contenuti a tema
L'appello Retake: «La città di Barletta non è la vostra lavagna» L'appello Retake: «La città di Barletta non è la vostra lavagna» Le foto degli spazi deturpati da atti di vandalismo
11 Olio nero per vandalizzare un locale nella 167 di Barletta Olio nero per vandalizzare un locale nella 167 di Barletta La denuncia dello chef: «Questo è quello che succede a chi vuole lavorare»
Giovani e politica, voce ai ragazzi di Barletta Giovani e politica, voce ai ragazzi di Barletta Impressioni e pensieri dopo le ultime elezioni politiche
15 Maleducazione e vandalismo a Barletta: quali rimedi? Maleducazione e vandalismo a Barletta: quali rimedi? L’inciviltà di tanti giovani imperversa in città, tra i vuoti normativi e la rabbia dei cittadini
Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani: Cannito incontra la parrocchia Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani: Cannito incontra la parrocchia Incontro tra il sindaco e Don Claudio Gorgoglione circa i recenti episodi di inciviltà
“Barletta odia i giovani”, attivisti a confronto sulle problematiche giovanili “Barletta odia i giovani”, attivisti a confronto sulle problematiche giovanili Un appello alle istituzioni a tutelare la "voce del futuro"
Barletta Odia i Giovani: le nuove generazioni prendono parola Barletta Odia i Giovani: le nuove generazioni prendono parola Assemblea pubblica presso Parco dell'Umanità
Vandalismo in via Vitrani, rifiuti nei pressi della casa canonica Vandalismo in via Vitrani, rifiuti nei pressi della casa canonica Tante le denunce dei residenti: scorribande e insulti da parte di ragazzini
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.