Giovanni Dibuduo, Ilaria Alicino, Gaetano Bollino
Giovanni Dibuduo, Ilaria Alicino, Gaetano Bollino
Scuola e Lavoro

Affrontare la malattia a scuola, due eventi formativi al “Garrone” di Barletta

Scuola, salute e prevenzione: un protocollo d’intesa tra Regione, Asl e Ufficio Scolastico Regionale

La convivenza con particolari patologie può cambiare la vita di una persona, e in particolare per i più giovani questa situazione può rappresentare un ostacolo anche alla quotidiana vita tra i banchi di scuola. Imparare ad affrontare alcune specifiche situazioni come una crisi epilettica o ipoglicemica a scuola è fondamentale: con questo obiettivo recentemente la Regione Puglia in accordo con la Asl e con l'Ufficio Scolastico Regionale ha firmato un "protocollo d'intesa per un approccio omogeneo ed integrato da attuare in caso di necessità di somministrazione di farmaci in orario e ambito scolastico". In particolare si tratta di farmaci che non necessitano di abilitazioni specialistiche di tipo sanitario così come previsto dalle raccomandazioni del Ministero dell'Istruzione e del Ministero della Salute del 2005.

Nel nostro territorio la Asl BT ha prontamente recepito il protocollo notificandolo ai distretti sociosanitari (così come specificato nell'articolo 5b). Il Distretto Sociosanitario 4 di Barletta ha programmato, su richiesta delle scuole, una serie di eventi con l'obiettivo di informare e formare i docenti e il personale ATA che, in ottemperanza a questo protocollo d'intesa, potranno agire in prima persona nella gestione di situazioni che necessitano di intervento.

Due insegnanti su tre non sanno cosa fare in queste situazioni

Le patologie croniche che possono dare origine a manifestazioni acute per le quali è necessario prevedere interventi pianificati, effettuabili anche da personale non sanitario (stato di necessità), secondo le indicazioni del medico o del pediatra di famiglia (Piano terapeutico) e previa autorizzazione dei genitori/rappresentanti legali sono: la crisi epilettica, la crisi asmatica, la crisi ipoglicemica e la crisi allergica grave (shock anafilattico).

L'epilessia colpisce l'1% della popolazione, nel 50% dei casi esordisce in età pediatrica con conseguenze negative sullo sviluppo psicomotorio e sul piano sociale. Secondo quanto emersa da una recente indagine della Lega Italiana contro l'Epilessia, oltre il 60% degli insegnanti – quindi 2 insegnanti su tre - non sa come intervenire e quali strategie e comportamenti seguire nel caso in cui un bambino sia colpito da una crisi epilettica: da questi dati si intuisce l'importanza di affrontare queste tematiche tra le mura scolastiche.

Per quanto riguarda il diabete invece, in tutta Italia sono 20mila gli studenti che convivono con il Diabete di tipo 1 e che necessitano ogni giorno di attenzioni specifiche tra le quali una esperta e tempestiva gestione di eventuali crisi ipoglicemiche.

Formazione per il personale scolastico all'istituto "Garrone"

A Barletta il progetto comincia dall'istituto "Nicola Garrone": i dirigenti medici Giovanni Dibuduo e Ilaria Alicino coadiuvati dal dott. Gaetano Bollino hanno messo a disposizione le loro competenze gestionali e professionali organizzando una serie di incontri formativi a cominciare dal "Garrone" di Barletta, in prima linea per quanto riguarda l'inclusione di ragazzi con epilessia o con diabete, patologie tutt'oggi ancora oggetto di stigmatizzazione sociale. Grazie all'attiva collaborazione del Dirigente scolastico dott. Francesco Diviccaro e alla copiosa adesione del personale docente e ATA dell'istituto Garrone, nelle giornate del 11 e 18 gennaio si svolgerà un doppio evento formativo riguardante due importanti tematiche, ovvero: "Gestione di una crisi epilettica a scuola" e "Gestione di una crisi ipoglicemica a scuola".

Con l'ausilio di manichini, brochures e materiale informativo, i referenti della Asl BT e del Distretto Socio Sanitario 4 spiegheranno quali sono le procedure comportamentali corrette e sicure per affrontare queste delicate situazioni, rendere la scuola un luogo ancora più sicuro e protetto per tutti gli studenti.
  • I.I.S.S. "N. Garrone"
  • Asl Bt
Altri contenuti a tema
Delle Donne: «Abbiamo chiesto al Comune nuovi spazi in via Zanardelli» Delle Donne: «Abbiamo chiesto al Comune nuovi spazi in via Zanardelli» L'idea è quella di spostare la postazione 118 presso l'ex tribunale
Un punto nascita riservato alle pazienti positive al Covid nella Bat Un punto nascita riservato alle pazienti positive al Covid nella Bat È stato attivato all'ospedale di Bisceglie
Come gestire una crisi epilettica a scuola? L'incontro al "Garrone" di Barletta Come gestire una crisi epilettica a scuola? L'incontro al "Garrone" di Barletta Uno scambio formativo tra esperti e docenti per gestire al meglio la situazione
Il "Garrone" di Barletta si colora con un murale dedicato ai coniugi De Nittis Il "Garrone" di Barletta si colora con un murale dedicato ai coniugi De Nittis Opera d'arte sulla facciata dell'istituto scolastico barlettano
Oltre 5mila bambini tra i 5 e gli 11 anni vaccinati nella Bat Oltre 5mila bambini tra i 5 e gli 11 anni vaccinati nella Bat L'aggiornamento sull'andamento della campagna vaccinale per i più piccoli
I sindacati contestano la struttura dipartimentale decisa dall'Asl Bt I sindacati contestano la struttura dipartimentale decisa dall'Asl Bt Il provvedimento emesso il 31 dicembre dal Commissario Delle Donne
11 Stato di agitazione: la risposta del Commissario dell'Asl Bt Stato di agitazione: la risposta del Commissario dell'Asl Bt Delle Donne convoca le organizzazioni sindacali
Asl Bt: CGIL, CISL e UIL dichiarano lo stato di agitazione Asl Bt: CGIL, CISL e UIL dichiarano lo stato di agitazione Le dichiarazioni dei sindacati
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.