Influencer
Influencer
In Web Veritas

Da grande voglio fare l'influencer, ma occhio alla pubblicità occulta

L'Autorità Garante della Concorrenza interviene sul fenomeno di web marketing più richiesto del momento

Richiestissimi dal mercato, trendy soprattutto tra i più giovani, con la loro artefatta spontaneità gli influencer sono l'oggetto del desiderio più ambito del mercato. Per chi si occupa di web marketing, è ormai indispensabile veicolare la promozione di un brand attraverso i canali social degli influencer, vere e proprie celebrità nelle loro nicchie di settore. Ma chi controlla gli influencer? In un periodo storico in cui la pubblicità ci circonda a 360 gradi, in Italia è l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che osserva con attenzione il fenomeno.

Dopo un primo intervento nel 2017, l'Autorità si è espressa con una seconda moral suasion (l'invito a modificare e correggere alcuni comportamenti diffusi in un'ottica moralmente corretta) rivolgendosi ai titolari di brand, di prodotti e alle agenzie di comunicazione al fine di evitare che l'influencer marketing possa spingersi oltre il limite della pubblicità occulta. Sebbene non esistano veri e propri regolamenti da rispettare, l'Autorità ha ricordato che "la pubblicità deve essere chiaramente riconoscibile come tale, affinché l'intento commerciale di una comunicazione sia percepibile dal consumatore, e ha evidenziato come il divieto di pubblicità occulta abbia portata generale e debba, dunque, essere applicato anche con riferimento alle comunicazioni diffuse tramite i social network, non potendo gli influencer lasciar credere di agire in modo spontaneo e disinteressato se, in realtà, stanno promuovendo un brand".

Cari influencer, come fare allora? Nei propri post occorre inserire alcuni hashtag che mettendo in evidenza la qualità promozionale del messaggio, come #pubblicità, #sponsorizzato, #advertising, #inserzioneapagamento, oppure #prodottofornitoda (nel caso di fornitura del bene ancorché a titolo gratuito) seguiti dal nome del brand. Non sarà di certo l'elisir per scongiurare abusi, ma sono comunque valide norme di comportamento per rendere trasparente la finalità promozionale dei seguitissimi post.

«È il mercato, bellezza» e quando si parla di social difficilmente è possibile monitorare elementi come tutela dei consumatori o leale concorrenza: tuttavia piccoli suggerimenti di questo tenore possono scongiurare il travolgente spirito di emulazione che porta soprattutto i giovanissimi (e le giovanissime) a seguire le tendenze lanciate dai propri idoli del web, tra fashion blogger e youtubers.
  • Internet
  • Pubblicità
  • Social network
Altri contenuti a tema
20 Stop alle telefonate: come funziona il Registro delle Opposizioni Stop alle telefonate: come funziona il Registro delle Opposizioni Le nuove norme di legge che consentiranno di non essere contattati neanche sui telefoni mobili
MUV’T! È arrivata la fibra ultraveloce di JustSpeed MUV’T! È arrivata la fibra ultraveloce di JustSpeed Fibra veloce, vita veloce
"Domani inizia la nuova regola Facebook/Meta", stop: è solo una catena virale "Domani inizia la nuova regola Facebook/Meta", stop: è solo una catena virale Le condizioni d'uso di Facebook sono online sul sito ufficiale
Internet Day, la rete compie oggi 52 anni Internet Day, la rete compie oggi 52 anni Per la prima volta due dispositivi “parlarono” tra loro: dopo mezzo secolo il web fa parte delle nostre vite
Problemi a Facebook, WhatsApp e Instagram: tutto risolto nella notte Problemi a Facebook, WhatsApp e Instagram: tutto risolto nella notte Per diverse ore off i tre principali social network
WhatsApp rosa? Non cliccate, è un'applicazione pericolosa WhatsApp rosa? Non cliccate, è un'applicazione pericolosa La versione "fake" della famosa app di messaggistica è una truffa per catturare dati sensibili
"Draghi io alle 22...", come i ragazzi di Barletta rispondono al Premier "Draghi io alle 22...", come i ragazzi di Barletta rispondono al Premier La simpatica "protesta" dei giovani contro il coprifuoco estivo passa da Instagram
Sabotavano la DAD, nei guai tre ragazzi beccati dalla Polizia Postale Sabotavano la DAD, nei guai tre ragazzi beccati dalla Polizia Postale Organizzavano interruzioni nelle lezioni online, adesso sono indagati: il fatto accaduto a Genova
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.