Fabio Maria Damato
Fabio Maria Damato
Eventi

Sarà il barlettano Fabio Maria Damato a "salvare" Chiara Ferragni?

ll manager vissuto nella Bat viene indicato come capro espiatorio del "Pandorogate" della influencer

Che qualcuno dello staff di Chiara Ferragni sarebbe stato immolato a vittima sacrificale per la salvezza della sua reputazione di benefattrice dei piccoli e degli indifesi, tanto da essere stata degna del prestigioso Ambrogino d'oro in tempi di Covid - era apparsa a molti, dalle prime ore del "Pandorogate" sulle pagine di tutto il mondo, come l'unica strategia possibile. Già, magari dicendo al prescelto/a, come in una appassionante sceneggiatura di film: "Tu ti addossi tutte le colpe, noi ti garantiamo un ambito lavorativo tutto nuovo che faccia dimenticare lo scivolone del marketing improntato sull'amore per i bambini malati", o qualcosa del genere.

Che il capro espiatorio potesse essere colui che è considerato il braccio sia destro che sinistro della bionda influencer, (voce che serpeggia dalle pagine di molti giornali), darebbe certo ancora più peso alla innocenza e alla buona fede della "povera" Chiara in tuta grigia; ma che colpisse indirettamente il nostro territorio invece non lo sanno in molti: perché il suddetto braccio, ossia Fabio Maria Damato, è nato a Barletta, ed è dunque orgoglio, vista la carriera folgorante, del nostro territorio e di tutta la provincia BAT in particolare.

Uno che si è fatto da sé, dal nulla, come è venuto a raccontare nel luglio scorso al TEDx Barletta: una storia nata da sacrifici, impegno, tenacia , forza di volontà e ovviamente un grande talento.

Ora, ognuno salvi chi vuole, certo è che pensare che una donna come Chiara Ferragni adesso, scherzi a parte - non sia al corrente della chiarezza di determinati messaggi - soprattutto perché la fabbrica Ferragnez punta moltissimo del suo marketing sulla azione di solidarietà sociale - riesce sicuramente difficile o quantomeno bizzarro. La bionda influencer, visti gli straordinari successi imprenditoriali, è stata anche invitata infatti in più di una occasione a tenere lectio magistralis in popò di università, tipo Harvard, per dirne una: e come vai a pensare che operazioni del genere non siano da lei controllate meticolosamente?

Lungi da voler difendere il giovane uomo in carriera perché pugliese: non sta a noi, se ne parla tanto, anche troppo, lo stiamo facendo anche adesso. Ma ricordare che un manager è al servizio di un "capo" che non esita a utilizzare i propri figli per incrementare il proprio marketing, in un mondo del web in cui la raccomandazione di non esporre eccessivamente i bambini è diffusa e - ci sarebbe da dire - sempre più necessaria, la storiella della buona fede diciamo che vacilla un po' troppo, ecco, posto che ognuno è libero di crescere i suoi figli come ritiene meglio. "Attacca il ciuccio dove vuole il padrone", in altre parole, come si usa dire da queste parti? È solo un'ipotesi, fatto sta che in tutta questa storia fanno male tante cose, compreso l'odio e il livore che si sono scatenati in men che non si dica, con le aggressioni verbali violente e decisamente deplorevoli di tanti haters che da anni rosicano per il successo, il lusso, la bellezza, persino la salute dei Ferragnez e la possibilità di curarsi. Perché, è da dire e da sottolineare, i Ferragnez di messaggi buoni sono stati generosi e efficaci nel diffonderne: e non è poco la lotta per l'assistenza psicologica soprattutto ai giovani, ma anche l'invito a donare il sangue, gesto che dopo gli appelli di Fedez in particolare ha avuto una notevole amplificazione.

Cosa sarà del nostro Fabio Maria Damato? Sarà davvero scelto come capro espiatorio non di tutti mali del mondo - come nella storia biblica o per il povero Malaussene di Daniel Pennac - ma di tutti i mali di Chiara, che tra uova e pandori sembrano sbucare dalla immensa cabina armadio? Quello che ci si augura da tutta questa storia potrebbe essere che sia ci si augurerebbe, l'inizio sociale, anzi, social, di un ridimensionamento dell'atteggiamento di venerazione di questi Re o regine Mida che qualunque cosa tocchino sfiorino, pronuncino, diventa oro. Perché si capisca che quel che sia oro per loro è perdita per noi, di denaro, di identità, di capacità di scelta, di libertà, senza accorgercene.

Nel frattempo Fabio Maria Damato è riapparso sui social, postando nelle storie di Instagram due passi nel centro storico della sua Barletta. Via dalla pazza folla nella quiete di casa propria scegliendo quel silenzio di cui aveva parlato proprio al TEDx Barletta, "prima di lanciarsi nel buio, prima di lanciarsi in nuove idee".
Fabio Maria DamatoFabio Maria DamatoFabio Maria Damato
  • Social network
Altri contenuti a tema
Come migliorare la comunicazione su Instagram Come migliorare la comunicazione su Instagram È diventato uno strumento indispensabile per brand, influencer e professionisti
Esplorando la creazione di cinemagrafie e l'isolamento del movimento di CapCut per immagini dinamiche Esplorando la creazione di cinemagrafie e l'isolamento del movimento di CapCut per immagini dinamiche L'arte del fotoritocco a portata di smartphone
La forza di volontà oltre l'età: il video di Barletta che ha emozionato i social La forza di volontà oltre l'età: il video di Barletta che ha emozionato i social «Non so se ho mai visto qualcosa che rappresenti meglio l’amore e allo stesso tempo la forza di volontà»
18 Pesanti insulti social contro il sindaco di Barletta, «sarà querelata» Pesanti insulti social contro il sindaco di Barletta, «sarà querelata» Non solo il primo cittadino: sono tanti gli amministratori locali bersaglio di "odio" sul web
1 Cosa ne pensi di…? Partecipa ai sondaggi di BarlettaViva Cosa ne pensi di…? Partecipa ai sondaggi di BarlettaViva Primo argomento: futuro e speranze per il Barletta Calcio
"Signora i limoni signoraaa!", il meme da Barletta alla Barilla "Signora i limoni signoraaa!", il meme da Barletta alla Barilla I cartelloni pubblicitari sono comparsi nella metro di Milano
«In classe porto Vincenzo». L’intervista al prof Schettini «In classe porto Vincenzo». L’intervista al prof Schettini «Anche i social fanno cultura e rispondono al bisogno di tutti di imparare»
19 Vincenzo Schettini, il popolare prof di fisica di TikTok, arriva a Barletta Vincenzo Schettini, il popolare prof di fisica di TikTok, arriva a Barletta I suoi canali social superano un milione e mezzo di follower: domani pomeriggio il firmacopie del suo libro
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.