Piarulli
Piarulli
Politica

Violenza di genere: «Il cambiamento deve partire dalle donne e dai ragazzi»

La nota della sen. Piarulli, candidata alla Camera per il M5s

"Negli ultimi cinque anni sono state quasi due milioni e mezzo le donne che hanno subito una qualsiasi forma di violenza di genere eppure sono poche quelle che hanno il coraggio di denunciare i loro aguzzini".

Queste le parole della senatrice Angela Anna Bruna Piarulli, candidata con il M5s alla Camera nel Collegio Uninominale Puglia 3. Nelle scorse ore la stampa ha reso pubblico l'appello di un'avvocata sul basso numero di denunce inerenti le violenze di genere.

"Elevare la figura della donna e tutelarla da eventuali abusi, è uno dei miei obiettivi, nonché oggetto di numerose mie interlocuzioni in parlamento - Il M5s è stato il primo dei fautori della legge 69/2019 ("Codice Rosso"). Per la candidata alla Camera del M5s questo ha costituito una corsia preferenziale per la risoluzione dei procedimenti relativi alle violenze di genere e una vittoria come membro della commissione Giustizia del Senato e relatrice dei provvedimenti. Non basta aumentare il numero dei presidi o leggi ma è necessario iniziare un cambiamento a partire dalle stesse donne che non devono sentirsi sbagliate.

"Chiedere aiuto non è segno di debolezza ma di grande presenza di spirito: vuol dire che abbiamo riconosciuto di trovarci in una situazione sbagliata e che sentiamo il desiderio di liberarci". Per la senatrice Piarulli, il passo successivo è prevenire alla radice, negli adulti di domani, il manifestarsi di questi comportamenti "Bisogna educare i ragazzi, e con loro la società di domani alla legalità e al rispetto reciproco. Dobbiamo entrare nelle scuole, incontrarli e sensibilizzarli circa queste tematiche".

"Uno dei progetti che voglio portare avanti personalmente – conclude la senatrice Piarulli, candidata al Collegio uninominale Puglia 3 della Camera - è quello di istituire delle sezioni distaccate della Procura in strutture confiscate alla mafia. In questo modo si riduce l'impatto emotivo della donna attraverso un ambiente più protetto e accogliente".
Altri contenuti a tema
Elezioni, a causa dei riconteggi non scatta il seggio per Marcello Lanotte Elezioni, a causa dei riconteggi non scatta il seggio per Marcello Lanotte Un seggio in meno per il nostro collegio plurinominale alla Camera
29 L’inaspettata (ma neanche tanto) rinascita del M5S a Barletta e in tutto il Sud L’inaspettata (ma neanche tanto) rinascita del M5S a Barletta e in tutto il Sud Rimonta grillina figlia del nuovo corso e della popolarità di Conte, altro che Reddito di Cittadinanza
Barletta avrà due parlamentari: sono Dario Damiani e Marcello Lanotte Barletta avrà due parlamentari: sono Dario Damiani e Marcello Lanotte Damiani riconfermato al Senato, nulla da fare per Stella Mele (Fratelli d'Italia)
Elezioni, conteggi plurinominali: chi saranno i barlettani in Parlamento Elezioni, conteggi plurinominali: chi saranno i barlettani in Parlamento Per Damiani e Lanotte manca solo l'ufficialità, in bilico Stella Mele
Fratelli d'Italia ha vinto: Giorgia Meloni sarà primo premier donna Fratelli d'Italia ha vinto: Giorgia Meloni sarà primo premier donna Il commento della leader dopo il successo elettorale
Elezioni politiche 2022, i risultati dai seggi di Barletta Elezioni politiche 2022, i risultati dai seggi di Barletta Aggiornato alle ore 07.20
Affluenza definitiva, per le elezioni politiche ha votato il 55,58% dei barlettani Affluenza definitiva, per le elezioni politiche ha votato il 55,58% dei barlettani Dato in discesa rispetto al 2018, quando votò il 68,58% degli aventi diritto
Affluenza ore 19, i votanti a Barletta per le politiche sono il 41,22% Affluenza ore 19, i votanti a Barletta per le politiche sono il 41,22% A livello regionale hanno votato il 42,09% dei pugliesi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.