Studenti
Studenti
Scuola e Lavoro

Si torna in classe, famiglie in subbuglio alla scuola "Girondi"

I chiarimenti del dirigente, prof. Antonio Diviccaro

Il nuovo anno scolastico non è iniziato in totale serenità al Circolo Didattico "Girondi" di Barletta. A sole poche ore dal ritorno tra i banchi di scuola per i bambini della scuola primaria è stata divulgata, e inviata anche alla nostra redazione, una lettera da cui traspare il malanimo di alcune famiglie sull'organizzazione degli orari nel calendario del nuovo anno.

Riportiamo il testo della missiva:

Apertura d'anno scolastico piuttosto turbolenta per le famiglie della scuola primaria R. Girondi di Barletta che interpellate, a maggio scorso, sull'opzione di scelta della settimana corta, accettata a fronte di una proposta 8.00 - 13.30 dal lunedì al venerdì, si sono trovati di fronte ad una delibera del consiglio di circolo, in cui, presenti i rappresentanti dei genitori, è stata approvata all'unanimità una differente organizzazione oraria che prevede il lunedì mercoledì e venerdì ingresso alle 8.00 ed uscita alle 13.00 e il martedì e giovedì ingresso alle 8.00 ed uscita alle 14.00.

Le famiglie si stanno muovendo per manifestare il loro disappunto e le modalità per cambiare l'assetto orario; le risorse e le strutture del territorio non consentono tale organizzazione che risulta troppo impegnativa e poco proficua per i bambini della scuola primaria che inoltre devono indossare i dpi e permanere nella struttura scolastica per 6 ore e destabilizzante per la logistica quotidiana delle famiglie. [...]

Le famiglie non si sono sentite rappresentate e tutelate e si aspettano un cambio di assetto che rispetti quanto stato chiesto e approvato in sede di collegio docenti e comunicato dalle insegnanti in sede di consiglio di interclasse (Circolare n. 304 del 18 maggio).

Per chiarire la vicenda abbiamo ascoltato il dirigente scolastico, che dal primo settembre è il prof. Antonio Francesco Diviccaro, già dirigente presso l'IISS "Garrone", che quest'anno sarà in reggenza alla scuola "Girondi". Ribadita la scelta del calendario - approvata all'unanimità nel consiglio di circolo che si è svolto venerdì scorso 17 settembre - anche in osservanza della decisione presa già a maggio scorso della cosiddetta settimana corta, lasciando libero il sabato, essenzialmente ha spiegato le ragioni della decisione, con una doppia finalità: evitare di rimodulare gli orari passando dall'attuale organizzazione su base oraria (60 minuti) in una basata invece su 30 minuti, e soprattutto garantire ai ragazzi un migliore ottimizzazione del tempo in classe, visto che le ultime ore sono sempre momenti più distesi, di decompressione rispetto all'attività didattica delle prime ore in aula.

Il dirigente, che da pochi giorni si sta integrando nella nuova realtà scolastica, ha infine invitato a iniziare a vivere questo nuovo anno scolastico ed eventualmente migliorare passo dopo passo, anche in virtù della particolare situazione storica. Dopo un anno e mezzo combattuto tra chiusure forzate, didattica a distanza e ansie legate all'emergenza sanitaria, sicuramente il mondo della scuola va vissuto con maggiore comprensione.

L'auspicio è di poter riconquistare un clima disteso con la migliore soluzione possibile per bambini, famiglie e personale scolastico.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Opportunità PNRR per le scuole di Barletta Opportunità PNRR per le scuole di Barletta Gli interrogativi di Grazia Desario, presidente provinciale Bat di Italia In comune
«Se la scuola va avanti, è anche grazie all'impegno dei dirigenti scolastici» «Se la scuola va avanti, è anche grazie all'impegno dei dirigenti scolastici» Gli istituti pugliesi hanno retto il colpo dopo le vacanze natalizie
22 Ristorazione scolastica: rimborso per l'anno 2020 - 2021 Ristorazione scolastica: rimborso per l'anno 2020 - 2021 La procedura per le famiglie interessate
Sciopero degli studenti: la dichiarazione dei rappresentanti d'istituto Sciopero degli studenti: la dichiarazione dei rappresentanti d'istituto Hanno deciso di non scendere in piazza per evitare ulteriori contagi
Emiliano rompe il silenzio sulla scuola: «Impossibile fare un'ordinanza» Emiliano rompe il silenzio sulla scuola: «Impossibile fare un'ordinanza» Il presidente spiega: «Possibile intervenire solo in zona rossa, la Puglia è in zona bianca»
1 Ufficio scolastico provinciale, ci siamo Ufficio scolastico provinciale, ci siamo Al netto delle distinzioni sul metodo, l'istituzione appare molto vicina
1 La provincia Bat avrà il suo Ufficio scolastico provinciale La provincia Bat avrà il suo Ufficio scolastico provinciale Il senatore Damiani commenta l'approvazione avvenuta in commissione bilancio
Obbligo vaccinale a scuola dal 15 dicembre: chi riguarda e chi è escluso Obbligo vaccinale a scuola dal 15 dicembre: chi riguarda e chi è escluso Docenti e personale ATA dovranno essere muniti di super Green pass per lavorare
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.