Cantiere Lidl
Cantiere Lidl
La città

Questione Lidl, l'intervento di Francesco Mazzola di Italia Nostra Onlus

«Il cantiere della Lidl rappresenta una vera e propria discarica di “rifiuti da costruzione e demolizione»

L' avvocato Francesco Mazzola, socio della sezione locale di Italia Nostra ha così riportato: «In attesa di conoscere le determinazioni del Comune di Barletta in merito al ricorso straordinario al Capo dello Sato notificato ad istanza di Italia Nostra Onlus avverso i titoli abilitativi rilasciati in favore della Lidl Italia s.r.l., apprendiamo con favore e con qualche perplessità, che l'ente comunale ha provveduto all'annullamento in autotutela sia del PAU n. 01/2020 e relativa voltura prot.18127 del 10.03.2021, sia dell'atto endoprocedimentale edilizio n. 18/2020, sia del Pd.C. in sanatoria n. 39/2018 (annullato parzialmente).

La soddisfazione deriva, comprensibilmente, dal fatto che lo sfregio dell'area interessata dall'intervento edilizio e commerciale e, ovviamente, del Castello, almeno per il momento, è stato scongiurato grazie alla fondamentale e determinante iniziativa del comitato spontaneo Salviamo il Castello ed alla meritevole e coraggiosa iniziativa giudiziaria di Italia Nostra Onlus – sede di Barletta, particolarmente attenta – a differenza di altri soggetti – alla tutela del patrimonio storico, ambientale ed architettonico locale. Le perplessità, invece, discendono alla sciagurata decisione dei due settori competenti (SUED e SUAP) di ignorare letteralmente, in sede di annullamento, le gravissime criticità ed i profili di illiceità/illegittimità contenuti nel ricorso straordinario al Capo dello Sato che, a mio sommesso parere, rappresentano anche notitia criminis da rimettere direttamente alla Procura della Repubblica per le valutazioni del caso.

Ma di tale omissione e disinteresse, chi di competenza dovrà dare adeguate spiegazioni nelle sedi competenti. Allo stato constatiamo che la Lidl s.r.l., nella assoluta indifferenza del Comune di Barletta, della ASL competente e del N.O.E. – almeno per quanto noto a chi scrive – ha abbandonato cumuli di macerie nell'area di cantiere, con quanto ne consegue sia per i fenomeni di dilavazione determinati dalle piogge, sia per lo spandimento delle relative polveri in tutta l'area circostante, a causa del forte vento.

Ora, indipendentemente dai rischi di inquinamento (anche visivo), che vanno a sommarsi agli orrori di cui la Città e la cittadinanza sono vittime da tempo, ritengo che, con l'annullamento dei titoli abilitativi, il cantiere della Lidl rappresenti una vera e propria discarica di "rifiuti da costruzione e demolizione", in violazione del D.lgs 152/2006 come modificato dal d.lgs. 116/2020. In ragione di ciò, ci aspettiamo un immediato intervento dell'ente comunale mediante ordinanza di rimozione delle macerie e pulizia del sito e, se del caso, degli altri organi preposti alla vigilanza ed al controllo nella specifica materia. Per questo motivo invito tutti coloro che leggeranno, ad avviare tutte le iniziative utili a compulsare il nostro Sindaco ad adottare i provvedimenti necessari ad evitare questo ulteriore scempio.

E ciò, aggiungo, anche in considerazione della circostanza - evidentemente non nota né al Sindaco, né ai politici e dirigenti che pontificano anche pubblicamente in materia di turismo – per cui la città brulica di turisti italiani e stranieri, cui andrebbe evitata l'orrenda visione.»
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
Strisce blu, a Barletta prorogato l'esonero dal pagamento per auto elettriche e ibride Strisce blu, a Barletta prorogato l'esonero dal pagamento per auto elettriche e ibride Il termine è stato fissato al 31 dicembre
«Obiettivo P.U.G. prossimo al traguardo» interviene il sindaco Cannito «Obiettivo P.U.G. prossimo al traguardo» interviene il sindaco Cannito È stata pubblicata la bozza, preceduta dal dialogo con la cittadinanza
Per la Disfida nuova regolamentazione della circolazione dei veicoli Per la Disfida nuova regolamentazione della circolazione dei veicoli Nei tre giorni è stato disposto il divieto di sosta e la chiusura temporanea al traffico in diverse zone della città
18 Lavori per l'impianto di illuminazione sul tratto del cavalcaferrovia Lavori per l'impianto di illuminazione sul tratto del cavalcaferrovia Verrà sostituito l'impianto di vecchia generazione con quello a Led
2 Viale Regina Elena, a Barletta un caso di «miopia urbanistica» Viale Regina Elena, a Barletta un caso di «miopia urbanistica» La nota della sezione cittadina di ArcheoClub
3 Senso unico di marcia in via Luigi Dicuonzo da venerdì 20 agosto Senso unico di marcia in via Luigi Dicuonzo da venerdì 20 agosto La richiesta partita dai residenti, automobilisti e pedoni
Lo strano caso barlettano della pista ciclabile di via Alvisi Lo strano caso barlettano della pista ciclabile di via Alvisi Quello che sulla carta dovrebbe essere un tratto di pista ciclabile, ma che in concreto è un marciapiede
1 Vicenda Lidl, arriva l'annullamento in autotutela dal Comune di Barletta Vicenda Lidl, arriva l'annullamento in autotutela dal Comune di Barletta Ritirato il provvedimento autorizzativo unico
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.