Castello di Barletta. <span>Foto Ida Vinella</span>
Castello di Barletta. Foto Ida Vinella
La città

La rivoluzione gentile di Consulta Ambiente

Tra intensificazione dei controlli e presidio del territorio

«In questi giorni, la cittadinanza tutta ha potuto notare, la tanto attesa e auspicata intensificazione del presidio del nostro territorio da parte delle forze dell'ordine, nonché dei controlli su bici elettriche, motorini e velocipedi. Naturalmente c'è ancora tanto da fare e sicuramente ci saranno state e ci saranno zone meno presidiate di altre; tuttavia, il gruppo spontaneo di forme associative coordinate dalla Consulta Ambiente, che qualche settimana fa sollevava alcune criticità relative alla sicurezza pubblica e al decoro urbano, ritiene che le azioni messe in campo negli ultimi giorni costituiscano un primo ed importante passo in avanti» scrive la Consulta Ambientale.

«Non bisogna però assolutamente mollare la presa e l'attenzione sui certi temi deve restare alta; anzi riteniamo che questo sia il momento giusto per innescare una rivoluzione socioculturale "gentile", rispondendo alle tante richieste di quei cittadini esasperati e preoccupati da ciò che accade nelle nostre strade e contrastando fermamente un degrado che non può e non deve averla vinta sulle bellezze e sul patrimonio della nostra città.

Non possiamo più permettere che fenomeni di inciviltà e delinquenza oscurino ciò che il nostro territorio ha da offrire sia ai propri figli che al turismo nazionale ed internazionale, né che la scarsa percezione di sicurezza pregiudichi le eccellenze locali che abbiamo tra gli esercenti attività commerciali, ricettive, di vendita e di ristorazione e neppure possiamo più accettare che i cittadini più propensi al volontariato e alla partecipazione attiva vengano scoraggiati da chi non ha a cuore la nostra terra. L'intensificazione dei controlli e del presidio del territorio, che ci auguriamo diventino la regola, sono uno degli antidoti al degrado, perché un buon cittadino, se non si sente lasciato solo, acquisisce il coraggio di impegnarsi di più, migliorare ciò che lo circonda, investire, produrre ed anche godere dei frutti del suo lavoro nel luogo in cui vive, anziché "fuggire" altrove.

Barletta merita un posto tra le città scelte come meta turistica, per gli acquisti, per l'arricchimento socioculturale personale e per tante altre ragioni, ma ciò potrà essere possibile solo con l'impegno in primis dei suoi cittadini che dovranno riscoprire e far riscoprire una rinnovata "etica urbana". Nelle scorse settimane avevamo già annunciato di ritenere di buon auspicio la disponibilità delle istituzioni locali ad accettare di incontrarci in più occasioni e sedi e, tuttora, confermiamo che è nostra convinzione che solo un percorso partecipato che parta dall'ascoltare chi vive il territorio può davvero essere la chiave di un cambiamento in positivo.

Alle nostre istanze e alle diverse riunioni in Prefettura ed al Palazzo di Città, poi, sono seguite, almeno per il momento, le azioni di controllo del territorio delle quali le cronache locali ci hanno informato negli ultimi giorni. A tali azioni di parte istituzionale riteniamo sia opportuno affiancare il coinvolgimento della cittadinanza tutta iniziando, quartiere per quartiere e mettendo "in piazza" le criticità percepite, a confrontarsi pubblicamente lì dove quelle stesse criticità vengono percepite e non in stanze chiuse dall'altro lato della città.

In tale ottica abbiamo proposto che si tengano a breve, in alcune zone e piazze della città, "dialoghi di quartiere" in occasione dei quali ci auguriamo che tutti coloro che vivono la quotidianità di tali luoghi si sentano coinvolti e partecipino con un proprio personale punto di vista, suggerimento o comunque contributo fattivo. L'invito ai cittadini resta quello già rivolto in precedenza, cioè ad essere parte del cambiamento che si vuole e non a restare semplici osservatori».
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
4 Mille alberi per Barletta, l'idea di Cgil e Spi per l'ambiente Mille alberi per Barletta, l'idea di Cgil e Spi per l'ambiente La città della Disfida è in fondo alla classifica dei centri più verdi d'Italia
1 Qualità dell’aria, attenzione alta a Barletta: il caso della canna fumaria rimossa Qualità dell’aria, attenzione alta a Barletta: il caso della canna fumaria rimossa Prosegue anche il confronto sull'esito del biomonitoraggio sulle unghie dei bambini
1 Macerie edili sulla costa di Levante a Barletta Macerie edili sulla costa di Levante a Barletta Ritrovato anche amianto: situazione segnalata alle autorità preposte
Assessore Regionale all'Ambiente Maraschio a Barletta il 24 novembre Assessore Regionale all'Ambiente Maraschio a Barletta il 24 novembre L'incontro sul piano regionale dei rifiuti organizzato dal Pes Bat
A Barletta la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti A Barletta la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti Le attività saranno svolte nella settimana dal 20 al 28 novembre 2021
1 Cianci: «Necessità di un intervento delle istituzioni sul biomonitoraggio» Cianci: «Necessità di un intervento delle istituzioni sul biomonitoraggio» «La nostra città “sembra" non comprendere la gravità dello studio del professor Di Ciaula»
Sabato 6 novembre la manifestazione di Uniti x l'Ambiente Sabato 6 novembre la manifestazione di Uniti x l'Ambiente Aggiornamento - Evento annullato per rispettare il lutto cittadino
9 Retake Barletta incontra gli Scaut Assoraider di Barletta Retake Barletta incontra gli Scaut Assoraider di Barletta Una giornata di clean-up per valorizzare il nostro territorio
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.