Il sindaco Cannito davanti alla folla per la proclamazione. <span>Foto Mario Sculco</span>
Il sindaco Cannito davanti alla folla per la proclamazione. Foto Mario Sculco
Politica

Il rebus della giunta, restano alcuni incastri da risolvere

Lanotte in ballo per la presidenza del consiglio, e Cannito insiste su quote rosa e qualità

Come in un cruciverba, in cui il gioco funziona solo riempiendo precisamente tutte le caselle dello schema, gli equilibri della prossima giunta comunale di Barletta si basano su spinte divergenti e intricati incastri, che infine dovranno pur giungere a una quadra esatta.

Cannito non vuole giocare il ruolo di spettatore ai margini della partita, lui che pronunciò testuali parole «non sarò servo, suddito, schiavo di nessuno» già nel primo consiglio comunale della precedente consiliatura nel 2018, quando si votava per l'allora presidente del consiglio.

Anche questa volta però, nonostante la vittoria schiacciante e il riscatto personale al ballottaggio, dopo il clamore e l'ardimento della sfida elettorale quasi da finale dei mondiali, nell'uno contro uno che le urne hanno consegnato a Cannito, le dinamiche in corso non garantiscono al sindaco un totale diritto di veto. Nel rebus della giunta, sono tante le forze che impugnano la penna dalla parte del manico.

Innanzitutto, si tratta di una questione numerica, poiché l'indirizzo che sembra ormai confermato per la composizione della giunta sarebbe quello di natura politica. Nonostante questo, ci sarebbero due importanti condizioni richieste dal sindaco: la presenza di quattro donne in giunta sin da subito, per garantire il rispetto delle quote rosa, e un profilo di alta qualità per chi sarà scelto tra gli assessori.

Tornando ai numeri, sarebbero due gli assessorati che spettano alle principali liste della coalizione, quelle più suffragate durante il primo turno elettorale: due per Forza Italia, due per la lista civica Mino Cannito Sindaco, e due per Fratelli d'Italia. I tre posti rimanenti andrebbero a tre delle quattro liste residue della coalizione: Barletta nel cuore, Barletta al centro, AMICO. e Lega.

Non è scontato che a sedere in giunta saranno direttamente i consiglieri eletti e più suffragati nelle rispettive liste: a partire da Oronzo Cilli, non eletto in consiglio ma già in lizza per una riconferma quasi certa in giunta, sembra che anche gli assessori di riferimento della lista Mino Cannito Sindaco saranno personalità esterne, di fiducia e di alto profilo.

E la presidenza del consiglio? Nessuna conferma né smentita, ma voci di Palazzo di Città puntano insistentemente su Marcello Lanotte, in quota Forza Italia: l'ex vicesindaco di Cannito, nonché consigliere di maggioranza con il maggior numero di preferenze, si sarebbe candidato per il ruolo ottenendo l'assenso della maggioranza. Spetterà poi alla massima assise cittadina ufficializzare eventualmente l'incarico.

Resta solo da capire chi siederà al fianco del sindaco ricoprendo l'incarico di vicesindaco: se i due ruoli più prestigiosi fossero direttamente assegnati alle due liste più suffragate della maggioranza, logicamente spetterà alla lista Mino Cannito Sindaco l'indicazione per il ruolo di vicesindaco. Nessuna indiscrezione sul nome al momento, evidentemente ci vorrà ancora qualche confronto prima di ultimare l'ultimo incastro del cruciverba.
  • Giunta comunale
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
«La lista AMICO e l'omonimo movimento sono due entità distinte e separate» «La lista AMICO e l'omonimo movimento sono due entità distinte e separate» La precisazione del consigliere comunale Ruggiero Fiorella dopo le recenti polemiche legate al rimpasto di giunta
Allerta tsunami, nottata di emergenza a Barletta: le parole del sindaco Cannito Allerta tsunami, nottata di emergenza a Barletta: le parole del sindaco Cannito «È stata una specie di prova generale che ci ha visti uniti, pronti e pienamente operativi»
Sisma in Turchia, cessato allarme tsunami: il punto da Palazzo di Città Sisma in Turchia, cessato allarme tsunami: il punto da Palazzo di Città In mattinata il sindaco Cannito aveva convocato il C.O.C. per monitorare l'andamento della situazione
3 «Scelta operata senza confronto», il movimento AMICO disconosce il consigliere Fiorella «Scelta operata senza confronto», il movimento AMICO disconosce il consigliere Fiorella Scrive Oronzo Carli, segretario del movimento, dopo il rimpasto di giunta
9 La giunta Cannito si rinnova: ecco i nuovi assessori La giunta Cannito si rinnova: ecco i nuovi assessori Quattro i volti nuovi nella squadra di governo
Nuovi assessorati in giunta Cannito: ecco le deleghe Nuovi assessorati in giunta Cannito: ecco le deleghe Domani mattina a Palazzo di Città la presentazione ufficiale della nuova squadra di giunta
Il rimpasto è cosa fatta, la nuova giunta Cannito pronta ad insediarsi Il rimpasto è cosa fatta, la nuova giunta Cannito pronta ad insediarsi Firmata la revoca di Antonella Crescente e Francesca Piccolo. Anna Maria Scommegna per "Amico"
Questione Giunta comunale, «lo stallo non dipende da Forza Italia» Questione Giunta comunale, «lo stallo non dipende da Forza Italia» La replica di Comitangelo (capogruppo FI) e Ceto (segretario cittadino FI)
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.