Progetto Parco Mura San Cataldo
Progetto Parco Mura San Cataldo
La città

Fa discutere il parcheggio in via Cafiero: se invece lì ci fosse un parco?

La proposta di alcuni giovani professionisti barlettani per il "Parco delle Mura di San Cataldo"

Ha tenuto banco nei giorni scorsi il dibattito dopo la diffusione di una nota a firma del sindaco Cosimo Cannito: in via Cafiero, nelle vicinanze del centro storico di Barletta e delle due litoranee, potrà sorgere un nuovo maxi parcheggio in quello che era un terreno adibito a deposito dell'ENI, dismesso da tempo.
Sebbene la problematica della mobilità urbana, legata soprattutto alla congestione del traffico a ridosso del centro, sia di stretta attualità, molti si sono scagliati contro l'idea di questo parcheggio, in una visione in cui dovrebbero invece prevalere sostenibilità e nuovi spazi verdi.

«Dopo la demolizione dei vecchi serbatoi di carburante ENI, inizialmente avviata per restituire questo spazio alla città nell'ottica di trasformarlo in un parco pubblico, oggi, aumenta sempre di più il rischio di realizzarvi un grande parcheggio a raso. Questa direzione intrapresa dalla neonata amministrazione comunale (ma già avviata dalla precedente) si dimostra anacronistica e sconfortante per diverse ragioni». Scrivono così in una nota congiunta i componenti del Laboratorio di Immaginazione Urbana: Arch. Massimiliano Cafagna, Arch. Giuseppe Tupputi, Arch. Alessandra Rutigliano, Arch. Michele Porcelluzzi, Marco Bruno, Saverio Rociola.

Di seguito le loro riflessioni.

«In un momento storico in cui molti comuni europei si preparano ad eliminare definitivamente le automobili dalle città, in cui molti centri medio-grandi, anche a noi vicine (come Bari, per esempio), si dotano di un sistema valido ed efficiente di park & ride pubblici (parcheggi con bus navetta gratuiti) e mobilità sostenibile; a Barletta, invece, si progetta la costruzione di un parcheggio accanto al fossato del castello: l'ennesima separazione tra le mura del centro storico e il mare. Siamo convinti che questo modo di pensare sia insostenibile, retrogrado e privo di lungimiranza. Considerando, inoltre, la relativa vicinanza al centro cittadino del grande parcheggio dell'Ipercoop, che in orario serale è inutilizzato, si potrebbero ipotizzare forme di convenzione pubblico/privato con i gestori di tale parcheggio, per sfruttarne l'ingente capacità di posti auto (non solo il piano interrato, privo di circuiti di sorveglianza) anche durante le ore della movida serale e notturna.

Ecco perché torniamo ancora una volta a ripetere che, per quest'area, bisognerebbe sforzarsi di pensare a progetti migliori, ascoltando in primis le volontà della cittadinanza, dialogando con le associazioni e con i residenti.

Qualche tempo fa abbiamo proposto, per esempio, un'idea già peraltro nata qualche decennio fa per mano dell'architetto Ambasz sotto l'amministrazione Salerno, relativa alla realizzazione di un "Parco delle Mura di San Cataldo", inteso come un primo tassello della realizzazione del grande Parco Litorale di Barletta. D'altronde, l'allarme sulla mancanza di verde, sulla presenza di smog e sull'aumento delle temperature nelle città pugliesi è già stato lanciato da Coldiretti. E Barletta è tristemente maglia nera tra tutti i capoluoghi italiani per quantità di verde per abitante (solo 3, 9 mq, la più bassa in Puglia e quasi dieci volte al di sotto della media nazionale). Questi dati sono gravissimi e sconfortanti. Ciononostante la politica locale sembra restare insensibile al problema e si continuano a progettare colate di asfalto e cemento nei punti paesaggisticamente più rilevanti della città. Il progetto elaborato dal Comune per l'area, infatti, prevede la realizzazione di un teatro all'aperto con una piazza pavimentata di centinaia di metri quadri, oltre al parcheggio in questione.

Questo progetto è qualitativamente inadeguato a un'area di tale valore per la città, e presenta maggiori analogie con la visione della città della seconda metà del Novecento che con le idee di spazio e qualità ambientale della progettazione architettonica contemporanea. Si tratta di scelte che - ne siamo sicuri - danneggeranno il nostro territorio, che invece necessità di un radicale cambiamento del punto di vista con cui si affrontano le questioni ambientali.

Ciò che preoccupa, oltre agli aspetti ambientali, inoltre, è la mancanza di una visione comunitaria nella definizione di Linee Guida in grado di proiettare la città verso il più prossimo futuro. La realizzazione di un parco appare sicuramente come una sfida importante. I costi di gestione ed il ritorno economico di una operazione del genere non appaiono, a primo acchito, semplici ed interessanti. Possiamo affermare però che l'incremento di aree destinate al verde nella nostra città potrebbe rappresentare un importante primo passo verso un reale e radicale cambiamento. L'approccio con cui affrontare le problematiche della città dovrebbe guardare lontano, dovrebbe fornire delle linee guida per il futuro. C'è bisogno di rimettere insieme i pezzi del puzzle. E sicuramente, senza avere in mente l'immagine generale, difficilmente si potrà giungere a conclusioni costruttive. L'area su cui insisterà il nuovo progetto promosso dalla neo insediata amministrazione ricopre il ruolo di cerniera a livello urbano.

La realizzazione di un progetto privo di connessioni con il contesto rappresenta una cesura (l'ennesima) tra il tessuto storico ed il mare, tra le emergenze di valore storico-architettonico e le esigenze degli odierni cittadini. Riconnettere è il tema centrale su cui riflettere. Risolvere puntualmente le discontinuità non farà altro che generare ulteriori contraddizioni e privare i cittadini della possibilità di immaginare una Barletta nuova, diversa, contemporanea.

Molti sono gli esempi che ci mostrano come poter sfruttare le vecchie mura urbiche e i luoghi adiacenti al castello per realizzare grandi parchi urbani – veri e propri polmoni verdi che abbracciano la città. Basti pensare a Lucca o Ferrara. Oppure, per restare in Puglia, basti pensare a quanto accaduto a Lecce, con la riqualificazione del fossato del castello realizzato da Carlo V, o ad Otranto, con il recupero dell'intero percorso dei fossati cittadini per realizzare spazi destinabili alla pubblica fruizione. Queste città hanno riconosciuto le potenzialità che i nostri territori offrono, riuscendo a rigenerare i luoghi nell'obiettivo di incrementare i flussi turistici, ma anche e soprattutto di migliorare la qualità di vita dei cittadini.

La speranza è quella che molti cittadini si uniscano per far sentire la propria voce su questo importante tema che coinvolge la collettività. Si tratta, perciò, di smuovere le coscienze, di stimolare il dibattito, di lavorare per sviluppare un processo partecipativo continuo (soprattutto in fase di redazione di PUG e PUMS) che porti a definire una visione strategica d'insieme, strutturale, unitaria ed organica, elaborata collettivamente, senza credere che sia utopia ma confidando che, se vogliamo, cambiando rotta, questo potrà essere il domani della nostra città».
  • Verde pubblico
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
1 Parco sì, parcheggio no? «Occorre una visione più ampia» Parco sì, parcheggio no? «Occorre una visione più ampia» Una riflessione del perito agrario Dargenio
25 Via Carlo Alberto dalla Chiesa, la segnalazione: «Erbacce al posto di un giardino» Via Carlo Alberto dalla Chiesa, la segnalazione: «Erbacce al posto di un giardino» La segnalazione di un residente
20 «A Barletta occorre una nuova e moderna Pianificazione Urbanistica» «A Barletta occorre una nuova e moderna Pianificazione Urbanistica» La nota del perito agrario Giuseppe Dargenio
ZTL: la nota di  A.P.E. e Barletta Ricettiva ZTL: la nota di A.P.E. e Barletta Ricettiva Il commissario straordinario Alecci ha permesso un incontro con il Comandante della polizia municipale Savino Filannino,l
Patrimonio arboreo di Barletta, dal 3 giugno riparte il trattamento fitosanitario Patrimonio arboreo di Barletta, dal 3 giugno riparte il trattamento fitosanitario Gli interventi inizieranno venerdì nelle ore notturne
ZTL a Barletta: ecco le vie interessate ZTL a Barletta: ecco le vie interessate I varchi saranno attivi dal lunedì al venerdì, dalle ore 18 alle 2 di notte; il sabato dalle ore 12 alle 24
3 Rimosse le macerie del cantiere Lidl, ma dove eravamo rimasti? Rimosse le macerie del cantiere Lidl, ma dove eravamo rimasti? A distanza di un anno dall'inizio della vicenda si cerca ancora una soluzione perequativa
Interventi di manutenzione tra Via Canosa e Via Imbriani Interventi di manutenzione tra Via Canosa e Via Imbriani I lavori verranno svolti ai parapetti del cavalcavia comunale
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.