Ex Palazzo delle Poste
Ex Palazzo delle Poste
Politica

Ex Palazzo Poste, «se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini»

Interviene l'esponente di Italia Viva Ruggiero Crudele: «Se la politica non ha lungimiranza,  è sempre la comunità a pagarne le conseguenze»

«Non eravamo intervenuti nel dibattito a senso unico sul Palazzo delle Poste, condividendo gli interventi dei tanti che auspicavano l'esercizio della prelazione da parte dell'amministrazione comunale, nella convinzione, ahinoi, che il Consiglio Comunale non potesse fare diversamente, di fronte al sentire collettivo e a pochi mesi dall'aver esercitato analogo diritto sull'immobile, certo significativo ma meno pregno di vissuto cittadino, di via Cialdini. Oggi, esterrefatti, registriamo un passaggio oscuro per la nostra città, e suonano beffarde e umilianti le rassicurazioni del Primo Cittadino subito dopo il voto in Consiglio per il suo impegno a futura (!) memoria: la massima assise democratica cittadina che deroga al suo dovere istituzionale, consegnando "l'anima" della città a dei privati imprenditori, nascondendosi dietro l'alibi del vincolo che impedirebbe a quegli stessi di procedere secondo i loro legittimi interessi». Scrive così in una nota l'esponente di Italia Viva Ruggiero Crudele.

«Né vale trincerarsi nelle difficoltà di cassa, certo reali, ma che proprio per questo avrebbero dovuto da tempo vedere l'amministrazione attivarsi per reperire i fondi necessari, attingendo a finanziamenti regionali, e soprattutto europei, senza trascurare le risorse del Recovery Fund, che certo avrebbero potuto essere richiesti. Perché qui si tratta di "ripartenza" della comunità, ripartenza che è anche culturale e di rinnovata coesione civica.

Tantomeno si può chiamare in causa l'abbondanza di immobili inutilizzati già di patrimonio comunale. Pertanto, se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini, e tra l'altro con gli stessi proprietari del Palazzo delle Poste si sarebbe potuto intavolare, vista la loro dichiarata disponibilità, un discorso più ampio al riguardo della valorizzazione dell'intero patrimonio pubblico

Purtroppo, se la Politica, dal governo nazionale a quello locale, non ha progettualità, lungimiranza e visione, è sempre la Comunità a pagarne le conseguenze. Chissà se il Nuovo Anno potrà segnare uno scatto d'orgoglio e un ravvedimento quanto mai auspicabile».
  • Palazzo Poste
  • ItaliaViva
Altri contenuti a tema
1 Italia Viva: il 24 ottobre si svolgerà l'assemblea in Via Fieramosca Italia Viva: il 24 ottobre si svolgerà l'assemblea in Via Fieramosca Si svolgerà alle ore 10 presso la sede di Barletta
3 Ex Palazzo delle Poste di Barletta, nasce un comitato: «Facciamone una casa della Memoria» Ex Palazzo delle Poste di Barletta, nasce un comitato: «Facciamone una casa della Memoria» I promotori vogliono «riportare al centro del dibattito cittadino il valore simbolico di quel Palazzo e l’importanza di quegli eventi»
60 Anche Barletta nel piano del Ministero delle Infrastrutture Anche Barletta nel piano del Ministero delle Infrastrutture La nota della sezione cittadina di ItaliaViva
«A Barletta i 5 stelle “salvano” Cannito, ma ne chiedevano le dimissioni» «A Barletta i 5 stelle “salvano” Cannito, ma ne chiedevano le dimissioni» La nota di Italia Viva dopo l’ultimo Consiglio comunale
Italia Viva, anche a Barletta «un albero per ogni iscritto» Italia Viva, anche a Barletta «un albero per ogni iscritto» In via Rossini le prime piantumazioni
1 Supermercato accanto al castello di Barletta, interrogazione a Franceschini Supermercato accanto al castello di Barletta, interrogazione a Franceschini La deputata di Italia Viva Occhionero scrive al ministro
La Puglia e il ritardo nelle vaccinazioni finiscono sul Financial Times La Puglia e il ritardo nelle vaccinazioni finiscono sul Financial Times Interviene ItaliaViva Bat, «l'assoluta priorità è una: dare precedenza a chi, se prende il Covid, muore»
2 Renzi apre la crisi di governo, si dimettono i pugliesi Bellanova e Scalfarotto Renzi apre la crisi di governo, si dimettono i pugliesi Bellanova e Scalfarotto Via anche la ministra Elena Bonetti: l'annuncio di ItaliaViva
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.