Ex Palazzo delle Poste
Ex Palazzo delle Poste
La città

Ex Palazzo delle Poste di Barletta, nasce un comitato: «Facciamone una casa della Memoria»

I promotori vogliono «riportare al centro del dibattito cittadino il valore simbolico di quel Palazzo e l’importanza di quegli eventi»

Si è costituito, a Barletta, il Comitato ex Palazzo delle Poste che «raccoglie e rappresenta i tanti cittadini che auspicano e sostengono un uso pubblico dello storico edificio e che hanno aderito al Comitato». A comunicarlo sono gli stessi promotori Filomena Rita Farano, Luigia Filannino, Riccardo Losappio, Raffaele Patella e Roberto Tarantino.

«Sono a tutti note - proseguono - le vicende relative all'ex Palazzo delle Poste: la lunga controversia legale circa la proprietà dell'immobile; il vincolo apposto dalla Soprintendenza; la decisione, a maggioranza, del Consiglio comunale di non esercitare il diritto di prelazione e di non acquisire al patrimonio comunale il palazzo; l'acquisto da parte di privati; gli impegni dell'Amministrazione di tentare ogni altra strada che garantisse la fruibilità pubblica dell'edificio. Trascorsi mesi, nulla più si è saputo.

Da ciò la necessità e l'urgenza di richiamare l'attenzione della cittadinanza e dell'Amministrazione comunale sulla vicenda. Il Comitato, con l'ausilio e la collaborazione di esperti del settore, ha elaborato una proposta sull'auspicabile destinazione dell'ex Palazzo delle Poste a "Casa della Memoria" che, oltre a raccogliere e far conoscere al grande pubblico il patrimonio storico e culturale che il nostro territorio vanta, darebbe nuovo impulso e organicità alla ricerca storica, con particolare riferimento alla partecipazione della città di Barletta e dell'intero territorio, alla Resistenza e alla Lotta di Liberazione, nonché agli anni dal 1920 sino al dopoguerra.

La decisione di presentare ufficialmente il Comitato alla città nel mese di settembre, a 78 anni dalla battaglia di Barletta e dall'occupazione tedesca, vuole riportare al centro del dibattito cittadino il valore simbolico di quel Palazzo e l'importanza di quegli eventi che devono essere ricordati al di là della sterile, rituale celebrazione e sulla necessità di tutelare la memoria delle donne e degli uomini che, travolti dalla grande Storia, in momenti tragici e difficili, rifiutarono ogni scelta opportunistica e seppero da che parte schierarsi».
  • Palazzo Poste
Altri contenuti a tema
4 Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta Ex Palazzo Poste, intervista esclusiva all'avvocato Maurizio Savasta «Nessuno scandalo in un progetto concertato sull’intera piazza che unisca la ristrutturazione del fabbricato alla valorizzazione ed alla memoria»
1 Palazzo delle Poste, «offensivo che il sindaco invochi a posteriori aiuti esterni per acquistarlo» Palazzo delle Poste, «offensivo che il sindaco invochi a posteriori aiuti esterni per acquistarlo» La nota della segreteria cittadina di Forza Italia: «Acclarata superficialità amministrativa»
2 Ex Palazzo Poste, «se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini» Ex Palazzo Poste, «se errare è umano, il perseverare diventa offensivo per i cittadini» Interviene l'esponente di Italia Viva Ruggiero Crudele: «Se la politica non ha lungimiranza,  è sempre la comunità a pagarne le conseguenze»
2 Ex Palazzo delle Poste, «l'amministrazione Cannito cancella la storia» Ex Palazzo delle Poste, «l'amministrazione Cannito cancella la storia» La nota a firma del gruppo consiliare del Partito democratico 
1 Ex Palazzo delle Poste, ANPI: «Le promesse del sindaco si trasformino in atti concreti» Ex Palazzo delle Poste, ANPI: «Le promesse del sindaco si trasformino in atti concreti» L'intervento di Roberto Tarantino, presidente dell'ANPI BAT
1 Ex palazzo delle poste, Cannito: «Percorreremo tutte le vie possibili» Ex palazzo delle poste, Cannito: «Percorreremo tutte le vie possibili» Il sindaco dopo il "No" alla prelazione: «L’Amministrazione comunale intende tutelare, valorizzare e fruire del bene»
Il Comune di Barletta non acquista l'ex Palazzo delle Poste, ma non finisce qui Il Comune di Barletta non acquista l'ex Palazzo delle Poste, ma non finisce qui Il Consiglio comunale si è espresso contrariamente all'esercizio del diritto di prelazione
La memoria storica ad intermittenza della città di Barletta La memoria storica ad intermittenza della città di Barletta L'intervento di Michele Grimaldi, Direttore dell'Archivio di Stato di Bari, Barletta e Trani
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.