Marco Silvestri
Marco Silvestri
Politica

Elezioni politiche 2022, l'appello finale al voto di Marco Silvestri

La nota del candidato di + Europa

«Le ultime strette di mano, gli ultimi confronti, gli ultimi santini elettorali.

Chissà che percorso farà, quella mia foto. Verrà lasciata su un mobile, portata in tasca come promemoria domenica, oppure adesso è già nel bidone blu.

Non lo so, ma mi fido e mi affido.

Questo si fa, in campagna elettorale. Lo si fa vicendevolmente. Tra chi deve scegliere e chi propone una scelta raccontando la sua prospettiva.

Un mese. Ho vissuto 30 giorni in una lavatrice con la centrifuga al massimo, dando del mio meglio sul lavoro fino al primo pomeriggio e poi giù a rotta di collo a incontrare persone, a scrivere contenuti per il web, a raggiungere quante più menti e quanti più cuori il mio tempo e la mia energia mi consentissero di fare.

Chi mi conosce davvero, lo sa. Questa è Politica. E non c'è niente di più entusiasmante che io conosca.

Avere un'idea, poi un progetto. Appassionarsi insieme alle singole persone che poi diventano gruppi e poi, magari, comunità.

Ci si può vedere un gusto di competizione, quasi agonistico, in tutto questo.

C'è molto di più.

Sono Marco, ho 32 anni e sono troppo adulto per dare la colpa a chi c'è stato prima di me, troppo giovane per evitare di impegnarmi al massimo perché si possano cambiare le cose.

E come tutti i miei coetanei mi sento in trincea, in un Paese in perenne crisi ambientale, energetica, occupazionale, economica.

Ancora peggio si sentono quelli più giovani di noi che sentono parlare di crisi da quando son nati e che oggi vedono nell'Italia un Paese che nega loro sogni, opportunità e speranze.

Quelli più grandi, invece, vivono la frustrazione di vedere che le cose giorno per giorno peggiorano.

Questa è una crisi che sembra irreversibile perché è una crisi di contenuti e di valori.

Non ne usciremo se non iniziamo a combattere questo modello di società ingiusto, narcisista e ipocrita.

C'è sempre qualcuno che ha diabolicamente semplificato tutto parlando alle nostre paure e alle nostre insicurezze: ci mettono gli uni contro gli altri per evitare di occuparsi dei problemi drammatici che abbiamo sotto gli occhi da anni e che continuano ad aggravarsi.

Adesso vogliono farci credere che esistono soluzioni semplici a problemi drammaticamente complessi.

Ci prendono in giro, ancora, in modo inaccettabile.

Così come non è accettabile che c'è l'ennesima crisi economica e allora si salvi chi può.

Che c'è bisogno di ordine e allora comprimiamo le libertà.

C'è bisogno di regole imposte sulla pelle di chi è rimasto indietro, escluso, perso.

Io vi chiedo di darci fiducia per scrivere insieme una storia di riscatto del nostro Territorio, la Puglia.

Possiamo farlo scegliendo con cura le persone che ci rappresenteranno nelle Istituzioni.

Possiamo farlo con due semplici tratti di matita votando non chi se ne vuole andare a Roma, ma chi vuole portare a Roma i problemi del Paese.

Posso garantirvi che se quei tratti saranno apposti sul simbolo di Più Europa mi vedrete determinato a dare costantemente il massimo.

Anzi, penso che tanti di voi che mi conoscono questo già lo sanno.

Domenica scegliamo una crescita sostenibile per il Paese, l'innovazione, la lotta alla burocrazia. Scegliamo di difendere il Mezzogiorno. Scegliamo i diritti di tutte e tutti. Scegliamo di essere liberi, fino alla fine.

Ringrazio tutti quelli che sono stati al mio fianco in questo mese. Dal Partito, alla mia famiglia, alle amiche e agli amici che si sono spesi in queste settimane per Più Europa.

Ringrazio anche chi mi è stato di fronte, perché così mi ha offerto due occhi da guardare e qualcosa su cui riflettere.

Domani è più vicino e nonostante tutto è più chiaro, se lo vogliamo.

Cara Italia, domenica 25 settembre resta libera. Vota + Europa».
Altri contenuti a tema
Elezioni, a causa dei riconteggi non scatta il seggio per Marcello Lanotte Elezioni, a causa dei riconteggi non scatta il seggio per Marcello Lanotte Un seggio in meno per il nostro collegio plurinominale alla Camera
29 L’inaspettata (ma neanche tanto) rinascita del M5S a Barletta e in tutto il Sud L’inaspettata (ma neanche tanto) rinascita del M5S a Barletta e in tutto il Sud Rimonta grillina figlia del nuovo corso e della popolarità di Conte, altro che Reddito di Cittadinanza
Barletta avrà due parlamentari: sono Dario Damiani e Marcello Lanotte Barletta avrà due parlamentari: sono Dario Damiani e Marcello Lanotte Damiani riconfermato al Senato, nulla da fare per Stella Mele (Fratelli d'Italia)
Elezioni, conteggi plurinominali: chi saranno i barlettani in Parlamento Elezioni, conteggi plurinominali: chi saranno i barlettani in Parlamento Per Damiani e Lanotte manca solo l'ufficialità, in bilico Stella Mele
Fratelli d'Italia ha vinto: Giorgia Meloni sarà primo premier donna Fratelli d'Italia ha vinto: Giorgia Meloni sarà primo premier donna Il commento della leader dopo il successo elettorale
Elezioni politiche 2022, i risultati dai seggi di Barletta Elezioni politiche 2022, i risultati dai seggi di Barletta Aggiornato alle ore 07.20
Affluenza definitiva, per le elezioni politiche ha votato il 55,58% dei barlettani Affluenza definitiva, per le elezioni politiche ha votato il 55,58% dei barlettani Dato in discesa rispetto al 2018, quando votò il 68,58% degli aventi diritto
Affluenza ore 19, i votanti a Barletta per le politiche sono il 41,22% Affluenza ore 19, i votanti a Barletta per le politiche sono il 41,22% A livello regionale hanno votato il 42,09% dei pugliesi
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.