Francesco Ferrante
Francesco Ferrante
Religioni

Dal mixer al pulpito, il pallavolista Francesco Ferrante ordinato sacerdote

Atleta a Barletta, riceverà stasera il Sacramento

Martedì 6 aprile, nella Cattedrale di Trani, alle ore 19.30, l'Arcivescovo di Trani, Monsignor Giovanni Battista Pichierri ordinerà diaconi tre seminaristi accoliti: Giorgio Del Vecchio, Francesco Ferrante e Nicola Maria Napolitano. Molto probabilmente alla fine dell'anno o nei primi mesi del 2011 diventeranno sacerdoti.

Il profilo più interessante dei tre futuri sacerdoti è quello di Francesco Ferrante, che molti ricorderanno ben attivo sulle spiagge barlettane nei campi di beach volley. Francesco Ferrante ha anche militato nella nostra città in importanti squadre di volley nel ruolo di schiacciatore. Molti dei suoi colleghi di squadra, ricordano la sua grande allegria e affabilità. A Trani il 16 luglio 1972, dal 1986 al 1991 ha frequentato l'istituto tecnico commerciale Aldo Moro di Trani, dove ha conseguito il diploma di perito commerciale e informatico. Dal 1991 al 1993 ha frequentato la facoltà di Giurisprudenza di Bari. Ha svolto il servizio militare (1993-1994) e varie attività lavorative: grafico e assistente per il periodico Il Tranesiere di Trani (1992), giornalista sportivo per La Diretta di Bisceglie (1995-1996), titolare a Trani di un negozio di dischi nonché di una ditta di spettacolo (2001-2003) che lo ha portato a lavorare come deejay nei locali del nord barese con qualche breve esperienza a Londra e Ipsos (Grecia). Nel frattempo, e per ben 17 anni, ha giocato a pallavolo.

Dal punto di vista della fede, è stato per oltre di dodici anni un cattolico non praticante, lontano dalla Chiesa. Ma, a seguito, dell'ascolto delle esperienze vocazionali di alcuni seminaristi e di Don Gaetano Lops, parroco di Santa Maria delle Grazie in Trani, ha vissuto come una conversione che lo ha condotto, dal novembre 2003 al maggio 2004, a frequentare l'anno propedeutico presso il Pontificio seminario regionale di Molfetta, entrandovi successivamente fino al 2009 per effettuare la formazione filosofico-teologica. Attualmente sta studiando per conseguire la licenza in antropologia teologica.

E' nato a Trani (ma risiede a Trinitapoli) anche Nicola Maria Napolitano, 30 anni. Diplomato presso l'istituto di arte, artigianato e restauro di Roma in restauro e conservazione dei beni culturali, successivamente, presso l'istituto Ars Labor della Capitale, ha conseguito le specializzazioni in restauro di dipinti murali (a secco e ad affresco) e in restauro di materiali lapidei e litoidi (ceramiche archeologiche). Dal 2002 ha iniziato il percorso di discernimento vocazionale con Don Vincenzo Misuriello e con Don Matteo Martire presso il seminario arcivescovile di Bisceglie. L'anno seguente ha frequentato l'anno propedeutico presso il Pontificio Seminario di Molfetta, entrandovi nel 2003 per proseguire nella formazione in vista del presbiterato. Attualmente sta frequentando il VI anno, sempre a Molfetta. Mons. Pichierri lo ha inserito come collaboratore nella parrocchia di San Francesco a Trani e nell'ufficio diocesano dei beni culturali, sotto la guida di Monsignor Saverio Pellegrino che è parroco della prima e direttore del secondo.

Il terzo diacono è Giorgio Del Vecchio, foggiano, 26 anni, collaboratore presso la parrocchia Santa Maria Madre della Misericordia di Bisceglie e di don Mauro Sarno nel servizio diocesano per la pastorale a favore delle persone sorde.

  • Arcivescovo Giambattista Pichierri
  • Sacerdozio
Altri contenuti a tema
Un anno fa l'addio di Pichierri, la diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie lo ricorda Un anno fa l'addio di Pichierri, la diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie lo ricorda Le parole e la preghiera dell'arcivescovo Leonardo D'Ascenzo
La diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie ricorda Giovan Battista Pichierri La diocesi di Trani-Barletta-Bisceglie ricorda Giovan Battista Pichierri Martedì 31 luglio una solenne celebrazione a Trani con l'arcivescovo D'Ascenzo
Verso il trigesimo dell’arcivescovo Giovan Battista Pichierri Verso il trigesimo dell’arcivescovo Giovan Battista Pichierri A Trani la benedizione del dormitorio a lui intitolato
Giovan Battista Pichierri: un Vescovo di Parola Giovan Battista Pichierri: un Vescovo di Parola Il ricordo del Centro studi "La cittadella Innova"
La comunità battista di Barletta ricorda monsignor Pichierri La comunità battista di Barletta ricorda monsignor Pichierri Il messaggio del pastore Nunzio Loiudice
La Diocesi esprime il suo commiato per la scomparsa dell'arcivescovo Pichierri La Diocesi esprime il suo commiato per la scomparsa dell'arcivescovo Pichierri Il percorso della sua vita, dalla formazione teologica al ruolo di Pastore
Addio al vescovo Pichierri, i funerali si svolgeranno venerdì pomeriggio Addio al vescovo Pichierri, i funerali si svolgeranno venerdì pomeriggio Allestita la camera ardente nel Palazzo Arcivescovile a Trani
2 Il cordoglio della città di Barletta per Pichierri Il cordoglio della città di Barletta per Pichierri L'amministrazione ha promosso un manifesto dedicato alla memoria dell'arcivescovo
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.