Consiglio comunale
Consiglio comunale
Politica

Cosa serve adesso all’amministrazione di Barletta per arrivare al 2023

Il sindaco Cannito dovrà trovare una nuova maggioranza e forse anche un presidente del Consiglio

«La città merita di conoscere la verità». Il gruppo consiliare Cantiere Barletta annuncia così la conferenza stampa in cui, domani pomeriggio, spiegherà «le ragioni che hanno determinato la presa di distanza dall'amministrazione Cannito e, quindi, dalla maggioranza».

«I cittadini – aggiungono – hanno il diritto di sapere come stanno davvero le cose. Ecco perché noi forniremo le risposte che l'amministrazione continua a ignorare». Possibile che facciano riferimento alle mancate riunioni di maggioranza richieste al sindaco nei mesi passati, come già detto venerdì in aula dal consigliere Ruggiero Dicorato.

Nell'attesa di saperlo, una cosa è certa: sei consiglieri comunali non sosterranno più Cannito. Passeranno ad occupare i banchi dell'opposizione Giuseppe Rizzi, Ruggiero Dicorato, Luigi Dimonte, Massimo Spinazzola, Adelaide Spinazzola e Vincenzo Laforgia.

Il presidente del Consiglio

Questo significa che il sindaco dovrà occupare le prossime settimane a ricostruire una maggioranza. E, probabilmente, anche a cercare un nuovo candidato alla presidenza del Consiglio. Il voto contrario al rendiconto di Sabino Dicataldo, infatti, ha reso palese la sua posizione. «Lei non è più il mio sindaco», ha detto dal suo scranno in replica alle dichiarazioni di Cannito.

Tuttavia, a meno che Dicataldo non si dimetta dal ruolo di presidente, non basteranno motivazioni politiche a revocarlo. La mozione di sfiducia nei suoi confronti, annunciata dal sindaco, dovrà basarsi solo su motivazioni istituzionali come

la ripetuta e ingiustificata omissione della convocazione del Consiglio o le ripetute violazioni dello statuto o dei regolamenti comunali" (Cons. Stato, sez. V, 18.1.2006, n. 114).

I numeri

A giudicare dall'esito della votazione sul rendiconto, sono 14 i consiglieri su cui il sindaco Cannito può contare. Tra loro ci sono Pier Paolo Grimaldi e Salvatore Lionetti. Il loro voto favorevole al rendiconto, tra l'altro, potrebbe essere premiato con una nuova rappresentanza in giunta, assente dai tempi degli ex assessori Lasala e Lanotte. Ma c'è anche Flavio Basile, il vice presidente vicario del consiglio ed ex candidato sindaco della Lega passato dall'opposizione al gruppo misto.

Meglio non riporre troppa fiducia, invece, nel sostegno di Giuseppe Dipaola, firmatario del documento con cui, insieme ai colleghi di Cantiere Barletta (il gruppo a cui non ha preso parte), annunciava appoggio esterno all'amministrazione. Lo ha ribadito venerdì, astenendosi dal voto. Lui era il consigliere sul quale c'era più incertezza: conteso da Cantiere Barletta, ma recuperato da Cannito.

Un'incertezza forse maggiore di quella che ha condotto il collega di opposizione Ruggiero Mennea a votare a favore. D'altronde, già il giorno prima era emerso che Mennea non avrebbe condiviso l'indirizzo del suo gruppo consiliare (Pd). Forse, in caso di difficoltà, il consigliere dem potrà tendere ancora la mano a Cannito. Ma non è su di lui che può contare una nuova maggioranza. Servono 17 consiglieri per ripristinare quella assoluta ed evitare di arrivare al 2023 rinviando i provvedimenti in seconda convocazione (12 i voti sufficienti in quella sede).

La terza via

E allora il primo cittadino dovrà dar nuovamente prova delle sue capacità di mediazione per intercettare il sostegno di almeno tre consiglieri. Ecco che i tre portavoce del Movimento 5 stelle potrebbero fare la differenza nei prossimi equilibri amministrativi.

Stiamo all'opposizione e resteremo all'opposizione

Lo hanno detto e ripetuto in Consiglio. Per evitare che la loro astensione fosse fraintesa hanno anche chiarito che non accetteranno né chiederanno assessorati. Insomma, non è loro compito ricomporre la maggioranza. Ma potrebbe esistere una terza via, quella citata dal pentastellato Antonio Coriolano nel suo intervento. È la scelta di «non stare né con gli uni né con gli altri – ha detto in aula – ma cercare di valutare una posizione terza, libera, imparziale e lontana da padroni e padrini».
  • Amministrazione Comunale
  • Consiglio comunale
  • Cosimo Cannito
Altri contenuti a tema
19 Il sindaco Cannito sul Jova Beach: «Evento che resterà scolpito nei nostri occhi» Il sindaco Cannito sul Jova Beach: «Evento che resterà scolpito nei nostri occhi» I ringraziamenti del primo cittadino
3 Antonello Damato sulle dimissioni di Gianfrancesco: «Non appare un auspicio particolarmente roseo» Antonello Damato sulle dimissioni di Gianfrancesco: «Non appare un auspicio particolarmente roseo» «La Città è in attesa di governo e il treno deve partire»
Antonella Crescente neo assessore nella giunta Cannito, il commento di Forza Italia Antonella Crescente neo assessore nella giunta Cannito, il commento di Forza Italia «Siamo certi che la competenza e la passione che accompagnano Antonella saranno di supporto a tutta la macchina amministrativa»
Nonna Ninetta festeggia cento anni, presenti la famiglia e il sindaco Cannito Nonna Ninetta festeggia cento anni, presenti la famiglia e il sindaco Cannito La cittadina, classe 1922, ha festeggiato questo traguardo importante presso la "Casa Irene"
1 Le associazioni di Barletta: «Il sindaco Cannito conferma gli impegni presi» Le associazioni di Barletta: «Il sindaco Cannito conferma gli impegni presi» Ieri si è tenuto l'incontro tra il primo cittadino e la rete delle associazioni
ZES: il convegno con il Commissario Straordinario Guadagnuolo ZES: il convegno con il Commissario Straordinario Guadagnuolo L’incontro odierno è servito per creare un clima di fiducia intorno alle Zone Economiche Speciali
«Accordi sottobanco con parte del centrosinistra, cominciamo con il piede sbagliato» «Accordi sottobanco con parte del centrosinistra, cominciamo con il piede sbagliato» Dura accusa del capogruppo regionale di Con Emiliano, Giuseppe Tupputi
Marcello Lanotte eletto presidente del consiglio comunale Marcello Lanotte eletto presidente del consiglio comunale La nomina dopo solo una votazione, con 29 voti favorevoli e 3 schede bianche
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.