Cocaina
Cocaina
Cronaca

"Colosseum", un uomo e una donna di Barletta al centro dell'organizzazione

Tutti i nomi e tutti i particolari della vasta operazione antidroga. Indagata anche una commessa di un negozio di telefonia, che intestava sim telefoniche ad ignari utenti

Continuiamo ad aggiornare relativamente a quanto successo stanotte, nella vasta operazione antidroga denominata "Colosseum".

Il Commissariato di Barletta ha intensificato l'azione di contrasto al locale spaccio di sostanze stupefacenti al fine stroncarne la diffusione e recidere i canali di approvvigionamento. Difatti dopo numerose indagini, osservazioni ed appostamenti del personale della Squadra Investigativa del Commissariato ha acquisito prove concrete in merito ad uno spaccio di sostanze stupefacenti gestito da Porcella Giuseppe nato a Barletta il 08.03.1979 e la sua convivente Daloiso Antonietta nata a Barletta il 11.02.1988.

Le successive indagini tecniche hanno evidenziato la sussistenza di una articolata organizzazione che accanto al duo Porcella – Daloiso ha visto recitare un ruolo attivo altri pregiudicati alcuni dei quali in veste di spacciatori, altri incaricati di custodire la droga presso le rispettive abitazioni, altri ancora di mettere a disposizione unità immobiliari nelle quali confezionare le dosi destinate allo spaccio. E' necessario evidenziare che le intercettazioni telefoniche hanno interessato diversi telefoni "cellulari" intestati o comunque in uso a Porcella; costui era solito prestare gli apparecchi (completi di schede pulite intestate a persone ignare e fornite dalla commessa di un negozio di telefonia che figura tra gli indagati) ai vari pusher che si alternavano nella illecita attività.

Le attività tecniche sono iniziate il 13.11.2008 durando fino al 22.01.2009. Durante questo lasso di tempo, gli investigatori hanno ottenuto molteplici riscontri alla attività illecita portata avanti dal gruppo attenzionato. Fornitore della droga spacciata è risultato essere Marchisella Luigi, già affiliato al pericoloso clan Cannito di Barletta. Marchisella ha dimostrato non solo abilità organizzative rimarchevoli, ma anche capacità di dotarsi di tutti gli accorgimenti tecnici (come, ad esempio, le telecamere con sistema di brandeggio e zoom poste sul portone di ingresso dell'abitazione e sulla rampa di accesso ai box condominiali) necessari ad intercettare chiunque si avvicinasse alla sua abitazione e ciò nell'intento di vanificare blitz mirati delle Forze di Polizia.

In ogni caso, dai riscontri telefonici e dall'attività investigativa, è emerso che Marchisella - "Lo zio" come era solito chiamarlo Porcella - vendeva la "merce" principalmente a Porcella stesso e, in altre occasioni, a fiduciari espressamente delegati. Inoltre, le indagini hanno evidenziato il ruolo attivo svolto dalle donne inserite nell'organizzazione: Daloiso Antonietta affiancava e all'occorrenza sostituiva il convivente Porcella Giuseppe in tutti gli aspetti dell'attività criminosa; Porcelluzzi Luciana era custode della sostanza stupefacente e del materiale confezionamento, mettendo a disposizione la propria abitazione e altro locale per il confezionamento delle dosi; Rociola Diana, oltre a spacciare, ha trasportato sostanza stupefacente occultandola sulla propria persona e all'interno della abitazione assieme al materiale atto al confezionamento delle dosi; Lavecchia Anna, alias "Annetta", anche lei custode della droga e locatrice di una abitazione in cui venivano confezionate e custodite le dosi di droga destinate allo spaccio.

Le indagini tecniche sono state suffragate da riscontri oggettivi consistenti nel sequestro ripetuto di dosi trovate in possesso di acquirenti a loro volta arrestati e\o denunciati per i reati emersi a loro carico. Il volume d'affari giornaliero del gruppo delinquenziale si aggirava intorno alle 100 dosi di cocaina con un introito medio giornaliero di 2.000 euro, con punte di 4.000\5.000 euro in occasione di alcune giornate festive.

L'età media degli assuntori di droga si aggira attorno ai 22 anni. Gli indagati sono stati ben 29 ( tra cui il figlio di uno dei Boss storici della mala barlettana) e tra questi 15 sono destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere in esecuzione di provvedimento emesso dal GIP Dr. Francesco Zecchillo (nr. 2408\10 RG GIP del 27.05.2010). Le indagini sono state dirette dal Sost. Proc. della Repubblica presso il Tribunale di Trani D.ssa Bruna Manganelli cui è stato assegnato il procedimento nr. 6891\08 RG Mod.21 .

Con il provvedimento in questione il GIP ha autorizzato il sequestro preventivo di autovetture utilizzate dagli indagati per l'attività criminosa in esame.
Il blitz ha visto impegnati 100 uomini dei Commissariati e della Squadra Mobile, del Reparto Prevenzione Crimine e del Reparto Volo di Bari, supportati da unità cinofile antidroga.

Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Persone attinte da ordinanza di custodia cautelare in carcere:

1. PORCELLA Giuseppe, nato a Barletta il 08.03.1979;
2. CORVASCE Francesco Paolo, nato a Barletta il 09.12.1988 ;
3. MARCHISELLA Luigi, nato a Barletta il 03.11.1971;
4. PORCELLUZZI Luciana, nata a Barletta il 11.05.1988;
5. LAVECCHIA Anna, nata a Barletta il 20.08.1970;
6. RICATTI Raffaele, nato a Trani il 29.03.1980;
7. SALLUSTIO Marco, nato a Bisceglie il 31.03.1979, res. Molfetta;
8. SIGNORE Alessandra, nata a Bari il 03.01.1979;
9. GARRAPETTA Michelangela, nata a Terlizzi il 15.11.1989;
10. SCIASCIA Antonio, nato a Barletta il 07.11.1982;
11. ROCIOLA Diana, nata a Barletta il 14.05.1986;
12. BIZZOCA Giuseppe, nato a Barletta il 02.02.1988;

Persone attinte da ordinanza di custodia cautelare di arresti domiciliari:

13. DALOISO Antonietta, nata a Barletta il 11.02.1988;
14. IMBRIOLA Savino, nato a Barletta 20.11.1984;
  • Polizia di Stato
  • Arresto
  • Droga
  • Indagini
Altri contenuti a tema
Maxi sequestro di droga a Barletta grazie ad un "carabiniere a quattro zampe" Maxi sequestro di droga a Barletta grazie ad un "carabiniere a quattro zampe" Il cane Zilo del Nucleo Cinofili ha aiuto a scoprire 8 kg di marijuana in un condominio di Borgovilla
Incendio in casa, l'eroico gesto di un poliziotto per salvare una donna Incendio in casa, l'eroico gesto di un poliziotto per salvare una donna L'episodio è avvenuto ieri mattina: attimi concitati in corso Cavour, sul posto anche i Vigili del Fuoco
1 Sottovia Pertini, scontro frontale fra due auto: traffico bloccato Sottovia Pertini, scontro frontale fra due auto: traffico bloccato Sul posto sono intervenuti Polizia locale e Vigili del Fuoco
Al volante senza patente, la polizia di Barletta arresta un 50enne dopo un inseguimento Al volante senza patente, la polizia di Barletta arresta un 50enne dopo un inseguimento L'uomo non si era fermato alla richiesta degli agenti, iniziando a fuggire dagli uomini della Polizia. L'auto era sprovvista di assicurazione
Furti di rame e di cavi elettrici, si rafforza la vigilanza nella Bat Furti di rame e di cavi elettrici, si rafforza la vigilanza nella Bat Riunione tecnica negli Uffici della Questura
Weekend di controlli nel centro storico, Polizia di Stato presente con un ufficio mobile Weekend di controlli nel centro storico, Polizia di Stato presente con un ufficio mobile Svolti controlli amministrativi sulla sicurezza della “movida”
Movida: controlli straordinari nel weekend Movida: controlli straordinari nel weekend Ha operato la Polizia di Stato, con l’ausilio delle Polizia Locale
Sicurezza, giorni oscuri per Barletta: «Serve educazione alle regole» Sicurezza, giorni oscuri per Barletta: «Serve educazione alle regole» Interviene l'ANPS - AssoPolizia di Barletta: «Il momento di particolare degrado richiede un forte intervento dello Stato»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.