Mimosa Rosa
Mimosa Rosa
Servizi sociali

8 marzo, tra emancipazione e degrado

Quando le donne sono protagoniste di un incubo

Sorge spontaneo, alla luce di quanto avvenuto il 6 marzo a Barletta, mettere a confronto l'accaduto con l'odierna "festa della donna". Mi domando come sia possibile in una società evoluta, emancipata, che crede nelle pari opportunità … che si possano verificare ancora violenze di genere.

La cosa che più mi spaventata è che a perpetrare l'ignobile violenza sia stato un 24enne, non un anziano, non un 50enne, non un uomo che è il risultato di una cultura gretta e arretrata, ma un giovane. È come affermare che la parola "emancipazione", per la donna, non è altro che un grosso palloncino gonfiato non annodato. Come fa a sopravvivere ancora nelle giovani menti la relazione: donna = sesso debole, ergo io comando, tu mia serva? È come affermare: «Io Tarzan, tu Jane». Ma soprattutto la cosa che più volte mi domando è come mai a compiere l'aggressione possa essere il proprio partner, il proprio compagno di vita che da difensore si trasforma in Mr Hide.

È dagli anni 70 che le donne hanno messo in discussione la famiglia patriarcale e il ruolo dell'uomo nella sua funzione di "marito/padre-padrone", non volendo più accettare alcuna forma di violenza esercitata su di loro fuori o dentro la famiglia. Per questo le donne hanno creato i primi Centri Antiviolenza e le Case delle Donne per ospitare tutte coloro che subivano violenze e che potevano trovare ospitalità nelle case rifugio gestite dalle associazioni di donne. Nel 2008, in Italia, è nata una federazione nazionale che riunisce 54 Centri antiviolenza dal nome D.i.Re: Donne in Rete contro le violenze alle donne.

La violenza di genere non è più definita solamente dalla Costituzione italiana come "reato contro la morale", ma è classificata come un crimine contro la persona (Legge n. 66/96). In ultimo, va segnalata la Legge n. 154/01 che ha aperto una nuova prospettiva di tutela verso la persona convivente che subisce abusi, riconoscendo l'applicazione di misure cautelari, come l'allontanamento dalla casa familiare di chi compie abusi anche in caso di convivenza di fatto. Non solo, questa norma introduce nuove misure per contrastare in maniera più incisiva i casi di violenza tra le mura domestiche. Il giudice, inoltre, può sollecitare in maniera rapida l'intervento dei servizi sociali e imporre all'imputato, allontanato dal nucleo familiare, il pagamento di un assegno per il mantenimento al familiare. È triste sentir parlare ancora di abusi e violenze sul "gentil sesso", ed è proprio in questa occasione quindi che lancio un appello a tutte coloro che si vergognano di vivere situazioni del genere e che a causa di ciò non denunciano tali fatti, incoraggiandole a denunciare queste violenze perché la legge le tutela e le protegge.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Festa della donna
  • Violenza sessuale
Altri contenuti a tema
Violenze domestiche, l'app Youpol della Polizia si aggiorna per denunciarle Violenze domestiche, l'app Youpol della Polizia si aggiorna per denunciarle In questo periodo in cui si è costretti alla forzata permanenza in casa, potrebbe registrarsi un incremento
3 Auguri alle donne, alle dottoresse, alle mamme, alle figlie Auguri alle donne, alle dottoresse, alle mamme, alle figlie Oggi per BarlettaViva le parole della ricercatrice Cinzia Conteduca
Molestata in treno, Lega: «Solidarietà alla ragazza» Molestata in treno, Lega: «Solidarietà alla ragazza» Francesco Doronzo: «Mi congratulo con la Polfer che ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente»
Com'eri vestita? Presentata la mostra a Barletta: «Alla violenza non ci si abitua mai» Com'eri vestita? Presentata la mostra a Barletta: «Alla violenza non ci si abitua mai» L'evento itinerante, dopo aver fatto tappa in diverse città italiane e pugliesi, arriva a Barletta
6 Violenza sessuale su una studentessa di Barletta, arrestato l'aggressore Violenza sessuale su una studentessa di Barletta, arrestato l'aggressore Identificato il marocchino senza fissa dimora che aveva aggredito una 20enne sul treno per Bari
All'ombra del castello di Barletta una panchina rossa per le donne All'ombra del castello di Barletta una panchina rossa per le donne "Chi è nell'errore compensa con la violenza ciò che gli manca in verità e forza"
“Dalla violenza sessuale al femminicidio”, intervista al coautore Mascolo “Dalla violenza sessuale al femminicidio”, intervista al coautore Mascolo Un exursus legislativo, giurisprudenziale e psicologico al fine di sensibilizzare il lettore
41 Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro Rumeno di 29 anni in carcere per tentato stupro La vittima era appena entrata nell'androne del portone che conduce alla sua abitazione
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.