Alcool
Alcool

Stop alla vendita di alcool! I giovani non ci stanno

La giunta Maffei dice basta!

Un fenomeno molto preoccupante è quello dell'avvicinamento all'alcool da parte dei più giovani che va inconsapevolmente trasformandosi in una pericolosa dipendenza al pari dell'assuefazione alla droga. Gli effetti dell'alcool sull'organismo umano sono ben noti, ma la sua diffusione rimane costante. Negli ultimi anni il consumo di alcolici è lievitato in maniera vertiginosa; i pub, costantemente affollati da giovani di ogni età fanno affari d'oro. Si va sempre più diffondendo la tipica usanza di riunirsi la sera in tali locali, per discutere del più e del meno mentre si provano sempre nuove marche di birra. Abbassata la soglia di vigilanza, l'incidente è assicurato.

La giunta Maffei dice basta! La seconda ordinanza emanata dalla giunta ha la finalità di allontanare i giovanissimi dall'alcool vietandone la somministrazione, la vendita, la cessione anche a titolo gratuito pena l'applicazione della sanzione fino ad un massimo di 500 euro per il consumatore e per l'esercente la chiusura dell'esercizio fino a tre giorni lavorativi.

I ragazzi, convinti di essere più forti di quel bicchiere non ci stanno, non si lasciano intimorire. Non è semplice cancellare un'abitudine, quantomeno con un divieto. Cercheranno di evaderla ad ogni costo, per loro non rispettare le regole è sinonimo di libertà.

E' il fascino del proibito.

Troveranno ogni escamotage per raggirare l'ordinanza e riusciranno ad arrivare a quell'ambito bicchiere che ancora una volta riuscirà a scatenare una strage.

Non sarà un divieto ad allontanare i ragazzi da quel killer, piuttosto, andrebbe attivata un'azione rieducativa per tutti coloro che sostengono che bere faccia bene, per tutti coloro che credono che in una giornata fredda un buon bicchiere di brandy o della nostra grappa D.O.C. riscaldi il cuore, per tutti coloro che sono abituati a bere degli aperitivi (naturalmente alcolici) durante la giornata così, tanto per gradire. Ci si ritrova alcolizzati senza accorgersene.

Cominciamo a debellare quelle cattive abitudini radicate da tempo nelle famiglie italiane così che le prossime generazioni non siano abituate a bere dalla nascita!
  • InformaGiovani
  • Giovani e adolescenti
Altri contenuti a tema
Stelle cadenti in spiaggia, Barletta pronta per la notte di San Lorenzo Stelle cadenti in spiaggia, Barletta pronta per la notte di San Lorenzo Un anno fa la festa si trasformò in una notte di degrado
Premio America Giovani, riconoscimento per il giovane barlettano Ruggiero Frisardi Premio America Giovani, riconoscimento per il giovane barlettano Ruggiero Frisardi La premiazione ha coinvolto circa 300 talenti provenienti da tutto il territorio nazionale
Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? Violenza e criminalità, cosa ne pensano i giovani barlettani? «Viviamo una vita di timore, ansia e preoccupazione ed abbiamo paura anche ad uscire»
1 Allarme vandalismo a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi Allarme vandalismo a Barletta, interviene l'Ordine degli psicologi I residenti chiedono più sicurezza e controlli da parte delle forze dell'ordine
Scomparso da Barletta, si cerca un ragazzo di 24 anni Scomparso da Barletta, si cerca un ragazzo di 24 anni Si chiama Michele, l'appello diffuso da "Chi l'ha visto"
Firmato il Patto educativo per il territorio Bt: tra laboratori e attività Firmato il Patto educativo per il territorio Bt: tra laboratori e attività Il documento è ispirato ai principi diffusi da Papa Francesco per le giovani generazioni
Accoglienza e sostegno ai ragazzi, alla scoperta del C.A.Gi. di Barletta Accoglienza e sostegno ai ragazzi, alla scoperta del C.A.Gi. di Barletta «Il melograno che abbiamo piantato farà diventare Claudio una presenza costante per i ragazzi, contro ogni oblio»
Non è una provincia per giovani Non è una provincia per giovani Ecco le classifiche del Sole 24 Ore sulla qualità della vita di bambini, giovani e anziani
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.