Bottiglia rotta
Bottiglia rotta

«Che peccato vedere una città come Barletta prigioniera di inciviltà e arroganza»

La lettera di una giovane mamma

«Gentilissima redazione, chi vi scrive è una giovane mamma.

Dopo un percorso di studio e inizio lavorativo lontano dalla mia amata città di Barletta, ho coronato il mio sogno ovvero quello di ritornare nella mia cara e bella città e dai miei affetti più cari. Con mio marito abbiamo acquistato casa e abbiamo messo su famiglia.

Vi scrivo perché sono davvero dispiaciuta, e spero che le mie righe siano ben comprese da tutti. Fare paragoni mi ha sempre infastidito in qualsiasi campo, e anche questa volta mi reca noie. Ho vissuto e lavorato in molte città d'Italia e alcune europee e davvero ho sempre pensato che la nostra bella Barletta non "potrebbe" mancare di nulla. Se non…

Da mamma, forse ho attenzionato maggiormente le criticità. Con due bimbi piccoli, noto con molto dispiacere, come le aree verdi attrezzate in città dedicate ai nostri pargoli sono scarse e quelle poche tenute in condizioni non soddisfacenti. Prendiamo ad esempio il quartiere borgovilla/patalini. Ci sarebbero degli spazi ampiamente accettabili ma tenuti in pessimo stato. Ad esempio, come non ricordare il parco di Via Ungaretti aperto e abbandonato in pochissimo tempo.

Uno spazio ci sarebbe in questa zona, ovvero il celebre parco dell'Umanità. Ma davvero è umiliante la sporcizia lasciata da scorribande di ragazzacci, il terrore che ti piomba mentre ti sfrecciano con bici ole temutissime bici elettriche. Cosa che avviene anche in altri parchi cittadini.

A proposito di questo ultimo tratto, la città non può essere ostaggio di piccoli teppistelli che dal centro alla periferia, sfrecciano su mezzi a due ruote e con arroganza e prepotenza talvolta cercano lo scontro verbale e fisico.

Non più tardi di qualche giorno fa, con mio marito abbiamo deciso di portare i nostri piccoli lungo la litoranea per far respirare loro un po' di aria sana. Con dispiacere dopo non molto abbiamo desistito poiché ad alcuni mascalzoni arroganti facevamo notare di non lasciare bottiglie di vetro che avrebbero potuto causare danni qualora si fossero rotte. Di tutta risposta da un ragazzino abbiamo ricevuto come risposta un sonoro rutto con gli amici che compiaciuti ridevano. Abbiamo fatto finta di nulla e abbiamo portato i nostri bambini alla meritata passeggiata, ma anche li tra immondizia e slalom di bici, abbiamo tristemente fatto dietrofront.

Che peccato vedere una città come Barletta prigioniera di inciviltà e arroganza. Sono i barlettani, prima che le istituzioni, che devono disapprovare e reagire con fermezza a comportamenti che nulla hanno a che vedere con una società civile. Le istituzioni dalla loro parte devono monitorare questi orde di mascalzoni e nel contempo creare contenitori culturali che combattano la noia che sfocia in villania di queste orde selvagge.

Il cittadino deve inoltre sentirsi sicuro e protetto da chi è proposto al controllo del territorio. E dispiace dirlo tutto questo è scarsamente recepito da tutti i cittadini. Concludo dicendo che alla stragrande maggioranza dei barlettani civili non servono misure tampone, qualche posto di blocco con qualche bicicletta sequestrata o dei posti di blocco una tantum, ma maggiore attenzione a una città che merita rispetto».

Lucia F.
  • inciviltà
Altri contenuti a tema
1 "Toilette" pubblica in via Sant'Andrea, l'arte di strada si fa denuncia "Toilette" pubblica in via Sant'Andrea, l'arte di strada si fa denuncia C'è anche un rotolo di carta igienica per gli avventori: la realizzazione del maestro Giacomo Borgiac
3 «Città senza controllo, siamo al limite del sopportabile» «Città senza controllo, siamo al limite del sopportabile» Lettera di sfogo in un lettore barlettano
1 I due volti di Via Vitrani: tra amore per il verde dei residenti  e cronica inciviltà dei soliti ignoti I due volti di Via Vitrani: tra amore per il verde dei residenti e cronica inciviltà dei soliti ignoti Il gesto da lodare di alcuni cittadini nel quartiere Medaglie d'oro
4 Rifiuti bruciati a Barletta, Cianci: «Video choc dell’inciviltà» Rifiuti bruciati a Barletta, Cianci: «Video choc dell’inciviltà» L'amministratore unico di Bar.S.A. commenta le immagini dell'atto filmate da una fototrappola
3 Rifiuti abbandonati a Barletta: «Stanca di vivere in una città in balia dell’inciviltà» Rifiuti abbandonati a Barletta: «Stanca di vivere in una città in balia dell’inciviltà» La segnalazione di una cittadina
2 I residenti denunciano: «Urla, spinelli e bici elettriche in via Giacomo Corcella» I residenti denunciano: «Urla, spinelli e bici elettriche in via Giacomo Corcella» La segnalazione di un cittadino: «Spero che chi dovere intervenga perché il malumore tra i residenti sta crescendo»
2 Il bello e le “bestie” del centro storico di Barletta Il bello e le “bestie” del centro storico di Barletta Il breve passo tra la narrazione delle bellezze della città e il suo volto peggiore
2 Degrado quotidiano a Barletta: il sacchetto selvaggio e la cittadina incivile Degrado quotidiano a Barletta: il sacchetto selvaggio e la cittadina incivile Il sacchetto dell’immondizia lasciato con nonchalance sul marciapiede
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.