Strada dissestata
Strada dissestata

Buche e voragini coperte, ma solo per il Giro d'Italia

Le lamentele dei cittadini continuano: situazione tragica in periferie

«La gente è stanca di sfasciarsi la macchina per colpa delle buche. Se i nostri amministratori non sanno neppure sistemare le strade, come possono sistemare i problemi del paese? Le buche sulle strade barlettane, in effetti, indignano. Perché? Qualcuno dà la colpa al traffico eccessivo, altri alla neve o alla pioggia eccessiva. Mai una volta che un amministratore si assuma la responsabilità di un lavoro fatto con i piedi (per essere buoni).

Eppure la realtà è questa: le buche sono il prodotto di una manutenzione ordinaria fatta male e di una straordinaria manutenzione evitata negli ultimi trent'anni. Così le vie sono ridotte al collasso con gravi ripercussioni sulla viabilità, la sicurezza e l'incolumità stessa dei cittadini. In pratica bisogna tirarsi su le maniche e dire meno balle alla gente. Che subisce le voragini ma non sa perché si formano.

L'80% delle buche è provocato dai sottofondi dissestati a cui nessuno pensa da almeno 20 anni. I comuni fanno appalti solo per sistemare la parte superficiale dell'asfalto ma che dovrebbe essere sistemato solo se il sottofondo è compatto e uniforme. E i rattoppi? Si dovrebbe usare il bitume modificato per fare un lavoro ben fatto ma siamo sempre alle solite: se il sottofondo è andato, chiusa una buca se ne apre un'altra a poca distanza. Ormai non basta più dare una lisciata, tutto il manto stradale è ammalato». Dunque i nostri amministratori, che dovrebbero dedicare alla manutenzione strade la metà di quanto incassano dalle contravvenzioni, fanno i furbetti. E anziché scavare a fondo e fare un lavoro per bene, livellano la superficie per rimettere a nuovo più metri quadrati di asfalto scegliendo le imprese che offrono il prezzo più basso senza badare alla qualità. Così la situazione peggiora. In Svizzera, invece, patria del formaggio con i buchi, ma senza buche sulle strade, l'ente pubblico pretende requisiti specifici, dai carotaggi allo spessore del bitume.

Ora in prossimità della manifestazione sportiva del Giro d'Italia per fare bella figura stanno provvedendo alla sistemazione dell'asfalto solo ed esclusivamente nella zona percorsa dagli atleti, mentre basta farsi un giro nella Zona 167 in prossimità dell'uscita Patalini della SS16bis e troviamo voragini e buche che non vengono nemmeno sistemate».

Antonio
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • buche
Altri contenuti a tema
Bar.S.A. in azione per sanare le buche stradali Bar.S.A. in azione per sanare le buche stradali Eseguiti interventi in via Canosa, via Foggia, via Ponchielli, via Donizetti, zona industriale via Trani
Adotta anche tu una buca nel parcheggio dell'ospedale "Dimiccoli" Adotta anche tu una buca nel parcheggio dell'ospedale "Dimiccoli" La provocatoria iniziativa di CasaPound contro il degrado
Quel fosso in via Barberini che compare e scompare Quel fosso in via Barberini che compare e scompare «E se rimanesse sempre così invece?»
Periferie di Barletta senza asfalto, «rischioso per chi guida» Periferie di Barletta senza asfalto, «rischioso per chi guida» La denuncia di una lettrice, «le strade sono piene di buche»
Barletta, città piena di buche: «chiesti interventi urgenti» Barletta, città piena di buche: «chiesti interventi urgenti» Pessimo stato delle strade nella 167
Buche o voragini? Disagi anche per i pedoni sui marciapiedi Buche o voragini? Disagi anche per i pedoni sui marciapiedi «E' un serio problema di sicurezza»
Strade dissestate all'ospedale "Dimiccoli", le opposizioni coprono le buche Strade dissestate all'ospedale "Dimiccoli", le opposizioni coprono le buche Atto simbolico per un problema irrisolto, «l'amministrazione dorme»
© 2001-2022 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.