Massimo Pizzulli allenatore Barletta 1922
Massimo Pizzulli allenatore Barletta 1922
Calcio

Mister Pizzulli: «Tre punti fondamentali per il Barletta, a Gravina per riaprire il campionato»

L’allenatore biancorosso commenta la vittoria contro l’Otranto

Torna il sorriso in casa Barletta. L'1-0 con cui i biancorossi superano l'Otranto è firmato da Fabiano, e consente ai biancorossi di salire a quota 40 in classifica e di superare un Vieste sempre più afflitto da pareggite. Zingrillo e compagni recuperano il terreno perso con il pari in trasferta della scorsa settimana, e si preparano al meglio alla sfida contro la capolista Gravina in programma domenica prossima. Una vittoria fondamentale per mister Massimo Pizzulli, che esprime tutta la propria soddisfazione nonostante le sofferenze del secondo tempo: «È stata una vittoria sofferta, perché come al solito quando non chiudi le partite e quando hai l'obbligo di muovere la classifica in modo importante ci capita di soffrire. Purtroppo è un vizio che ci portiamo dall'inizio quello di non chiudere le partite e di portarle fino alla fine con l'1-0 che è un risultato pericolosissimo. Merito anche del portiere dell'Otranto, soprattutto nel primo tempo. Devo fare i complimenti all'Otranto, che ha dimostrato di essere una squadra ben allenata e ben messa in campo. Sapevamo di incontrare una squadra ostica, contro cui tutte le grandi avevano avuto difficoltà. Anche noi ne abbiamo avute, soprattutto nella ripresa. Bene nel primo tempo, il risultato forse è bugiardo per la nostra prestazione dei primi 45' minuti dopo ci può anche scappare la rete dell'1-1».

Come spesso accade, un Barletta a due volti: gioco e occasioni non sono mancati nel primo tempo, come conferma Pizzulli, ma nella ripresa la partita è rimasta in bilico, favorendo un eventuale ritorno dei salentini che poi non è arrivato: «Nel calcio basta poco a cambiare le partite. Nel primo tempo abbiamo collezionato occasioni da gol, nella ripresa bastava un episodio a metterci in difficoltà. Sono soddisfatto anche per le prove di chi, come Sguera e Lacarra è subentrato e ha dato il proprio contributo. Peccato per il secondo gol che non è arrivato e che sarebbe stato meritato. Tutto sommato, però, oggi era importante vincere. Il risultato di oggi è importante e ci proietta a quota 40 punti in una posizione di classifica rilevante».

Archiviata la sofferta vittoria contro l'Otranto, ora il Barletta dovrà tornare in campo per preparare alla perfezione il match di domenica prossima contro la capolista Gravina. Non certo una partita qualsiasi per mister Pizzulli, che crede nella possibilità del colpaccio e di riaprire, forse definitivamente, il campionato: «Andremo a giocarci questa partita a Gravina con il morale alto, ma con grande umiltà. Senza la partita persa era del tutto aperto il discorso per il primo posto, anche perché il Gravina avrebbe avuto maggiori pressioni. È chiaro che il vantaggio è importante, io preferisco guardare chi mi sta davanti in questo momento. Ci precedono Altamura e Casarano che affronteremo in casa. C'è il Trani dietro che corre tanto, noi dobbiamo continuare a fare risultato. Proveremo a riaprire il campionato e a renderlo ancora più bello. Il distacco dal Gravina è difficile da colmare, però andiamo lì per giocarci la partita. Fuori casa abbiamo pareggiato solo una volta, ma ce la siamo giocata contro tutte le squadre. Sappiamo che il Gravina dopo questa sconfitta a Casarano potrebbe avere un po' di nervosismo. Giovedì loro giocheranno anche la finale di Coppa Italia. Cercheremo di essere concentrati: proveremo a colpirli».
  • Calcio
  • Campionato
  • Asd Barletta 1922
Altri contenuti a tema
Il Barletta fa "dodici" Il Barletta fa "dodici" Lavopa e super-Pignataro stendono un buon Team Orta Nova
Michele Chiariello: «Vi racconto come ho incontrato Gattuso, vorrei portarlo a Barletta» Michele Chiariello: «Vi racconto come ho incontrato Gattuso, vorrei portarlo a Barletta» Parla il 42enne barlettano diventato un simbolo di forza d’animo e spirito di rivalsa
Dal crollo alla rinascita: Michele Chiariello, il barlettano con Gattuso nel cuore Dal crollo alla rinascita: Michele Chiariello, il barlettano con Gattuso nel cuore Nel 2006 scopre di avere la sclerosi multipla e di doversi curare. A distanza di 15 anni è un modello per chiunque lo conosca
1 Barletta 1922:  adesso è fuga vera Barletta 1922: adesso è fuga vera I biancorossi vincono anche lo scontro diretto contro il Corato e prendono il largo in classifica
Eccellenza Puglia: e venne il giorno della supersfida fra Barletta e Corato Eccellenza Puglia: e venne il giorno della supersfida fra Barletta e Corato Al “San Sabino” si gioca domenica il big match che potrebbe già decidere le sorti del Girone A
Eccellenza Puglia: Barletta da 10 e lode in attesa del Corato Eccellenza Puglia: Barletta da 10 e lode in attesa del Corato I biancorossi prima soffrono, poi superano per 2-1 il Trinitapoli
Il Futsal barlettano si stringe attorno al dolore di Claudio Lasala Il Futsal barlettano si stringe attorno al dolore di Claudio Lasala Barletta Calcio a 5, Eraclio Calcio a 5 e Futsal Barletta hanno osservato un minuto di silenzio prima delle loro partite di ieri pomeriggio
Coppa Italia Eccellenza: il Barletta strapazza il San Severo e vede la finale Coppa Italia Eccellenza: il Barletta strapazza il San Severo e vede la finale I biancorossi si impongono per 5-1 nella prima gara del triangolare di semifinale regionale
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.