Fiaccolata per Claudio
Fiaccolata per Claudio
Cara Barletta ti scrivo

Una mamma barlettana dopo la morte di Claudio: «Menefreghismo dietro la tragedia»

«Alla famiglia di Claudio chiedo di combattere e di essere forte nell'esigere giustizia»

«Sono una mamma che ha un grande dolore e solo chi ha perso un figlio può capire. Il mio senso di vuoto, di amarezza e impotenza che ogni giorno mi attraversa, cercando di indossare sempre una nuova maschera per nascondere i segni del dolore che stanno lacerando il viso e soprattutto il cuore Sicuramente circostanze diverse, ma con un unico denominatore: la morte che solo pronunciarla come parola mette paura.

Ma non sono qua a giudicare, o a puntare il dito verso nessuno, non conosco né i ragazzi in stato di fermo, come non conoscevo Claudio, ma con molta umiltà e semplicità, vi apro la metà del mio cuore e vi esorto a non essere giudici e a riflettere e a capire che dietro questo gesto c'è un grande menefreghismo. Possiamo assistere a qualsiasi episodio e rimanere completamente impassibili (tanto che c'è ne importa non è successo a noi), ma non dobbiamo prendere sempre a modello i ragazzi perché il tutto parte da noi adulti che siamo cattivi, presuntuosi e arroganti con una consapevolezza così grande da sapere tutto e poi la domenica andiamo come bravi cristiani a messa per sentirci con la coscienza a posto, ma il Signore non ci insegna questo...

Abbiamo trasmesso noi adulti ai nostri figli con la fatidica frase "fatti i fatti tuoi" il senso di menefreghismo che si respira, provocando l'ennesima tragedia. Forse tante tragedie si potevano evitare, siamo noi che dobbiamo cercare di aiutare e capire chi si trova in difficoltà, sicuramente non facendo gli eroi, ma chiedendo aiuto forse qualcuno ci sentirà.

Alla famiglia di Claudio chiedo di combattere, perché fra qualche giorno i riflettori si spegneranno su questa tragedia e di essere forte nell'esigere giustizia. La strada sarà lunga, buia e piena di ostacoli, ma non perdete mai la forza di chiedere che giustizia sia fatta.

Non giudicate i genitori dei due ragazzi, perché i nostri figli una volta che chiudono la porta, non sai mai fino in fondo cosa combinano in giro, dobbiamo solo pregare che la riaprono ogni giorno quella porta e che diano ascolto ai nostri insegnamenti. Una mamma dal cuore a metà».

Lucia Manna
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Enza Angrisano, il Comune concede loculo gratuito per la sepoltura Enza Angrisano, il Comune concede loculo gratuito per la sepoltura Un gesto di "solidarietà e condivisione del dolore corale" dopo l'atroce femminicidio
Femminicidio nella Bat, ad Andria 42enne uccisa a coltellate dall'ex marito Femminicidio nella Bat, ad Andria 42enne uccisa a coltellate dall'ex marito I due vivevano da separati in casa; lui non accettava la separazione
Omicidio Cilli, si va in appello Omicidio Cilli, si va in appello La difesa ha impugnato la sentenza emessa il 30 marzo scorso
1 Omicidio Tupputi, le tremende immagini dell’omicidio in aula di tribunale Omicidio Tupputi, le tremende immagini dell’omicidio in aula di tribunale Si è conclusa l’udienza odierna del processo: ascoltati i testimoni, tra cui il suocero della vittima
Omicidio Lasala, parla l'imputato: «Con la vittima c'erano precedenti attriti» Omicidio Lasala, parla l'imputato: «Con la vittima c'erano precedenti attriti» Ieri udienza a Trani, prossimo appuntamento il 16 giugno
Omicidio Tupputi, parla Rutigliano: «Non avevo intenzione di uccidere, chiedo scusa alla famiglia» Omicidio Tupputi, parla Rutigliano: «Non avevo intenzione di uccidere, chiedo scusa alla famiglia» Il barlettano è accusato di omicidio volontario per la morte di Giuseppe Tupputi
Omicidio Cilli, ecco le motivazioni della sentenza Omicidio Cilli, ecco le motivazioni della sentenza Lo scorso 30 marzo le condanne per Dario Sarcina e Cosimo Damiano Borraccino
9 La vedova del barista Tupputi: "Io dimenticata dalle istituzioni" La vedova del barista Tupputi: "Io dimenticata dalle istituzioni" “Ho dovuto scegliere se far seguire mia figlia o me dalla psicologa"
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.