Fiaccolata per Claudio Lasala. <span>Foto Ida Vinella</span>
Fiaccolata per Claudio Lasala. Foto Ida Vinella
Cronaca

Omicidio Lasala, parla l'imputato: «Con la vittima c'erano precedenti attriti»

Ieri udienza a Trani, prossimo appuntamento il 16 giugno

È durata poco più di tre ore l'udienza davanti ai giudici della Corte d'Assise di Trani per l'omicidio di Claudio Lasala, il 24enne ucciso a coltellate la notte fra il 29 e il 30 ottobre 2021 a Barletta. Sul banco degli imputati il 21enne Michele Dibenedetto e Ilyas Abid di 19 anni: sono accusati di omicidio volontario aggravato dai futili motivi. Nel corso del dibattimento è stato ascoltato Dibenedetto che, assistito dall'avvocato Gaetano Sassanelli, si è difeso dall'accusa di omicidio e ha fornito la sua ricostruzione su quanto accaduto nei momenti precedenti l'accoltellamento. Il 21enne - secondo quanto si apprende dalla difesa - ha riferito che con Lasala c'erano «precedenti attriti» e che il 24enne, una settimana prima della sua morte, lo ha affrontato «in modo piuttosto duro».

La sera dell'omicidio i due si sono incrociati all'interno di un locale del centro cittadino. Lì, secondo quanto sostiene Dibenedetto, Lasala avrebbe nuovamente chiesto chiarimenti su un ceffone dato a suo fratello dall'imputato. I due hanno così iniziato a discutere passando dalle parole alle mani. Davanti ai giudici, Dibenedetto ha detto di essersi ferito durante la prima colluttazione avvenuta all'interno del bar e poi di essere stato colpito da un calcio all'esterno del locale da Lasala, che poi si è allontanato. «Non mi sono accorto di quello che era successo perché nessuno ha urlato né ho visto o sentito del coltello. Quindi, quando mi sono rialzato, non sapendo dell'accaduto, ho raggiunto Lasala al castello per proseguire la lite ma poi mi hanno detto che stavano arrivando polizia e carabinieri e sono scappato». Nel corso dell'udienza sono stati mostrati alcuni frame dei filmati registrati dai sistemi di videosorveglianza della zona che mostrano i momenti dell'acceso litigio e del ferimento del 24enne. Non si è sottoposto a esame invece l'altro imputato: il suo difensore ha chiesto di acquisire agli atti le dichiarazioni già rese agli inquirenti. La prossima udienza è stata fissata per il 16 giugno quando saranno ascoltati i consulenti di Dibenedetto.
  • Omicidio
Altri contenuti a tema
Enza Angrisano, il Comune concede loculo gratuito per la sepoltura Enza Angrisano, il Comune concede loculo gratuito per la sepoltura Un gesto di "solidarietà e condivisione del dolore corale" dopo l'atroce femminicidio
Femminicidio nella Bat, ad Andria 42enne uccisa a coltellate dall'ex marito Femminicidio nella Bat, ad Andria 42enne uccisa a coltellate dall'ex marito I due vivevano da separati in casa; lui non accettava la separazione
Omicidio Cilli, si va in appello Omicidio Cilli, si va in appello La difesa ha impugnato la sentenza emessa il 30 marzo scorso
1 Omicidio Tupputi, le tremende immagini dell’omicidio in aula di tribunale Omicidio Tupputi, le tremende immagini dell’omicidio in aula di tribunale Si è conclusa l’udienza odierna del processo: ascoltati i testimoni, tra cui il suocero della vittima
Omicidio Tupputi, parla Rutigliano: «Non avevo intenzione di uccidere, chiedo scusa alla famiglia» Omicidio Tupputi, parla Rutigliano: «Non avevo intenzione di uccidere, chiedo scusa alla famiglia» Il barlettano è accusato di omicidio volontario per la morte di Giuseppe Tupputi
Omicidio Cilli, ecco le motivazioni della sentenza Omicidio Cilli, ecco le motivazioni della sentenza Lo scorso 30 marzo le condanne per Dario Sarcina e Cosimo Damiano Borraccino
9 La vedova del barista Tupputi: "Io dimenticata dalle istituzioni" La vedova del barista Tupputi: "Io dimenticata dalle istituzioni" “Ho dovuto scegliere se far seguire mia figlia o me dalla psicologa"
Omicidio Tupputi: imputato è capace di intendere e di volere Omicidio Tupputi: imputato è capace di intendere e di volere Il 12 maggio al via il processo
© 2001-2024 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.