Giuseppe De Nittis nella ricostruzione di Clara Esposito
Giuseppe De Nittis nella ricostruzione di Clara Esposito
Cara Barletta ti scrivo

Il ricordo di Giuseppe De Nittis e l'eredità della sua arte

La battaglia legale tra il Comune di Barletta e i suoi eredi per la collezione

Nel 137° anniversario della morte di Giuseppe De Nittis (Saint-Germain-en-Laye 21 agosto 1884, a soli trentotto anni come ci mostra nella sua rielaborazione visiva la bravissima Clara Esposito) e ben oltre le parole di circostanza che sicuramente leggeremo da Palazzo di Città e dintorni anche in questo clima estivo di ripartenza per luoghi e personaggi fra Storia, Cultura e turismo, fa notizia rendere giustizia a quanto accadde per la donazione De Nittis al Comune di Barletta: nella sua piccola ma esaltante storia (annessi e connessi) c'è infatti un capitolo dimenticato. Quando cioè mezza eredità di quel famoso parente, scrissero i discendenti, spettava a loro, cioè ai familiari in linea retta.

Curiosando in quella parte di memoria denittisiana sfuggente ai bla-bla-bla di sindaci vari, assessori in prestito e dirigenti factotum, fu così che, oltre cinquant'anni fa, la municipalità barlettana (destinataria del prezioso lascito dalla vedova Lèontine Gruvelle, determinata anche nelle sue documentate condizioni di grave disagio economico quando avrebbe potuto vivere di rendita vendendo un quadro all'anno…) dovette difendere la collezione, fra quadreria e biblioteca, in un prolungato contenzioso legale. Autentica battaglia a colpi di carte bollate e di sentenze di cui oggi tentiamo di colmare un ingeneroso vuoto di memoria collettiva quale atto postumo ma onorevolmente ricompensativo verso chi se ne rese protagonista per senso civico e dovere professionale. Analogamente alla successiva. e dunque contemporanea fino a noi, opera di valorizzazione continua.

DALL'ARCHIVIO - Ma andiamo con ordine partendo da quell'unico documento rintracciato finora, ovvero la copia - richiesta da parte dell'avvocato Raimondo Doronzo quale legale del Comune - della sentenza (emessa in tredici pagine dalla prima sezione civile della Corte di appello di Bari) dove vengono puntualmente ricostruite le fasi del processo e dove si legge: "Con atto di citazione del 30 agosto 1967 il pronipote Vincenzo esponeva che il 21 dicembre 1907 moriva a Cannes (Francia) Giacomo De Nittis, figlio unico del celebre pittore barlettano Giuseppe e cittadino francese sin dall'8 luglio 1896. L'eredità del predetto fu illegittimamente acquistata per intero dalla madre Léontine Lucile Gruvelle (anch'ella di nazionalità francese), mentre ai sensi degli artt. 733 e 753 del codice civile francese la metà dell'eredità sarebbe spettata ai parenti della linea paterna, essendo Giacomo De Nittis morto celibe e senza testamento. Nel 1913 moriva la predetta Léontine Lucile Gruvelle, che aveva nominato erede universale la sua governante Marie Prelat Nandot, assegnando in legato al Comune di Barletta l'intero patrimonio artistico e culturale del marito e cioè centoquarantaquattro quadri e l'intera biblioteca".

Fin qui la storia è arcinota ed è stata più volte narrata. Il colpo di scena avveniva quando "tutto ciò premesso, Vincenzo De Nittis, agendo come pronipote del celebre pittore, con il summenzionato atto conveniva in giudizio davanti al Tribunale di Trani il Comune di Barletta per sentir dichiarare esso istante erede legittimo di Giacomo De Nittis ed in conseguenza illegittimo il possesso, da parte del convenuto, dei beni costituenti il suddetto legato, condannando lo stesso Comune alla restituzione dei quadri e della biblioteca di Giuseppe De Nittis. Il Comune di Barletta, costituitosi, contestava l'asserita cittadinanza francese di Giacomo De Nittis e quindi l'applicabilità al caso in esame della relativa legislazione; eccepiva poi, tra l'altro, sia la prescrizione del diritto dell'attore di accettare l'eredità in contestazione, sia l'usucapione verificatasi in suo favore per aver posseduto sin dal 1914 i beni a lui assegnati con il summenzionato legato, debitamente a suo tempo accettato".

DE NITTIS: ITALIANO O FRANCESE? - Era francese o rimasto sempre italiano Jacques/Giacomo De Nittis figlio di Giuseppe? Su questo punto il dibattimento processuale sembrava giungere ad una svolta: "Nell'udienza del 21 maggio 1968 intervenivano nel giudizio Gaetano, Ivan, Luciano e Romolo De Nittis, altri pretesi coeredi di Giacomo De Nittis, i quali facevano propria la domanda dell'attore Vincenzo De Nittis. A fondamento dei rispettivi assunti le parti procedevano in giudizio vari documenti. L'adito Tribunale quindi con sentenza del 30/12/1969-29/1/1970 riteneva non provata la cittadinanza francese del de cuius e rigettava le domande dell'attore e degli intervenuti, condannandoli tutti in solido a rimborsare al Comune di Barletta le relative spese processuali". Il percorso processuale, liberato da ingombri procedurali di altro genere, proseguiva per confutare od accertare la nazionalità francese del figlio Jacques/Giacomo rispetto a quella italiana del padre Giuseppe.
Nelle conclusioni della sentenza si può leggere: "Gaetano De Nittis si duole perché il Tribunale ha rigettato la sua domanda, ritenendo non provata la cittadinanza francese del de cuius Giacomo De Nittis e ritenendo per conseguenza inapplicabile al caso in esame le norme successorie del codice civile francese, secondo il quale se una persona muore senza figli e senza testamento l'eedità si divide in parti uguali tra i parenti della linea paterna e della linea materna.

La doglianza è fondata, avendo l'appellante prodotto in questo grado del giudizio un certificato del Comune di Ercolano da cui risulta che il predetto Giacomo De Nittis acquistò la cittadinanza francese sin dall'8/7/1896. La successione in contestazione è perciò regolata secondo le norme del codice civile francese vigenti al momento dell'apertura della successione, che avvenne il 21/2/1907. In base quindi all'art. 753 del codice Napoleone una metà dell'eredità di Giacomo De Nittis fu devoluta ai parenti della linea paterna".

COMUNE DI BARLETTA SCONFITTO? - Niente affatto. Ecco il beffardo finale per gli eredi: "A tale devoluzione però non seguì l'accettazione da parte di nessuno dei De Nittis, dei quali l'appellante è un discendente. Essendo quindi passati circa sessanta anni tra il momento dell'apertura della successione e la domanda introduttiva del presente giudizio è evidentemente estinto per prescrizione il diritto dei De Nittis di accettare l'eredità in contestazione, essendo fissato in trenta anni il relativo termine dall'art. 789 Codice Napoleone. L'eredità invece di Giacomo De Nittis alla morte di quest'ultimo fu interamente acquistata dalla madre Léontine Lucile Gruvelle, mentre il Comune di Barletta sin dal 1914 vene in possesso dei quadri e della biblioteca in contestazione, lasciatigli in legato dalla predetta Léontine Lucile Gruvelle, deceduta il 17/8/1913 (deliberazione emessa dal Commissario Prefettizio del detto Comune l'8/11/1913 e relativa autorizzazione data dal Prefetto di Bari il 4/1/1914).

E' pertanto evidente che la domanda di Gaetano De Nittis è infondata, oltre che per la predetta estinzione per prescrizione del suo diritto di accettare l'eredità di Giacomo De Nittis, anche per l'usucapione verificatasi rispetto ai beni in contestazione, a favore del Comune di Barletta poiché questi ha ininterrottamente posseduto tali beni sin dal 1914: senza considerare che al predetto lungo periodo del possesso dovrebbe anche sommarsi quello della dante causa del Comune di Barletta e cioè della Léontine Lucile Gruvelle.

Dalle considerazioni che precedono risulta l'evidente infondatezza della pretesa di Gaetano De Nittis e pertanto l'appellata sentenza va confermata. LA CORTE pronunziando sull'appello proposto con atto dell'11 marzo 1970 da Gaetano De Nittis nei confronti del Comune di Barletta avverso la sentenza emessa tra le stesse parti dal Tribunale di Trani il 30/12/1969-29/1/1970, rigetta l'appello di Gaetano De Nitts e condanna lo stesso a pagare al Comune di Barletta anche le spese processuali di questo grado, liquidate in lit. 1.091.325 (unmilionenovantunomilatrecentoventicinque), in esse comprese lit. 700.000 (settecentomila) per onorari di avvocato. Così deciso in Bari, nella Camera di Consiglio della Prima Sezione Civile della Corte di Appello addì 16 gennaio millenovecentosettantaquattro dai sottoscritti Magistrati dott. Antonio Bertoli, Presidente; dott. Gennaro Ferorelli, Consigliere Relatore; dott. Ugo Magarelli – id.; Giovanni Sammartano – id.; Francesco Paolo Lerario id.

ULTIMO VERDETTO BEFFARDO CONTRO IL RICORSO DEGLI EREDI - Avverso tale sentenza Gaetano De Nittis proponeva tempestivo appello con atto dell'11 marzo 1970 per i motivi che saranno in seguito esaminati. L'appellato, costituitosi, contestava il fondamento dell'impugnazione, di cui chiedeva il rigetto, deducendo l'esattezza della sentenza del Tribunale.

Non essendo state chiamate in questa fase del giudizio le altre parti presenti nel primo grado, il Consigliere istruttore ordinava con provvedimento del 6-8 luglio 1970 l'integrazione del contraddittorio, ritenendo la causa inscindibile".

Nino Vinella, giornalista
  • Giuseppe De Nittis
Altri contenuti a tema
La regina del Belgio ammira le opere di De Nittis La regina del Belgio ammira le opere di De Nittis Un'occasione per portare le opere della Pinacoteca al livello internazionale
Un omaggio alla Puglia e al barlettano De Nittis nel nuovo album di Giuseppe Massarelli Un omaggio alla Puglia e al barlettano De Nittis nel nuovo album di Giuseppe Massarelli Tra le note dell'album "Quinto Piano" c'è anche l'ispirazione del pittore barlettano
Trovata a Portici la tomba di Raffaele De Nittis, il terzo figlio del pittore barlettano Trovata a Portici la tomba di Raffaele De Nittis, il terzo figlio del pittore barlettano La notizia nelle parole del presidente dell’ArcheoBarletta Pietro Doronzo
Il nuovo allestimento della pinacoteca di Barletta e la passione per De Nittis Il nuovo allestimento della pinacoteca di Barletta e la passione per De Nittis L'incontro con il curatore Renato Miracco
7 Quadri di De Nittis sui palazzi della periferia di Barletta, arriva la proposta Quadri di De Nittis sui palazzi della periferia di Barletta, arriva la proposta L'iniziativa del Laboratorio di immaginazione urbana
De Nittis 1846-2021, Barletta si prepara al 175° anniversario della nascita De Nittis 1846-2021, Barletta si prepara al 175° anniversario della nascita Ecco le iniziative dell’associazionismo culturale
175 anni dalla nascita di De Nittis, le sue origini negli atti dell'epoca 175 anni dalla nascita di De Nittis, le sue origini negli atti dell'epoca Il contributo del Direttore dell'Archivio di Stato di Bari, Barletta e Trani, Michele Grimaldi
De Nittis, ingresso gratuito nella Pinacoteca per il 175° anniversario dalla nascita De Nittis, ingresso gratuito nella Pinacoteca per il 175° anniversario dalla nascita L'accesso a Palazzo della Marra sarà consentito dalle ore 9 alle 19
© 2001-2021 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.