Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani
Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani
La città

Vandalismo alla casa canonica di via Vitrani: Cannito incontra la parrocchia

Incontro tra il sindaco e Don Claudio Gorgoglione circa i recenti episodi di inciviltà

Alla luce dei sempre più frequenti atti di vandalismo e inciviltà perpetrati ai danni della palazzina oratorio "San Massimiliano Kolbe" di via Vitrani, denunciati a mezzo stampa (e non solo) dai parrocchiani e dai residenti del rione Medaglie d'oro, su invito di Don Claudio Gorgoglione si è svolto ieri un sopralluogo da parte del sindaco Mino Cannito volto sia a prendere atto una volta ancora della condizione di degrado dovuto alle scorribande di torme di adolescenti letteralmente lasciati allo stato brado, sia soprattutto alla ricerca di una soluzione pratica a quello che giorno dopo giorno sta diventando un vero e proprio problema, come tra l'altro si evince da questa e da tante altre immagini da noi pubblicate.

Il sopralluogo ha posto in evidenza innanzitutto il problema dell'illuminazione della zona, oltre che l'esigenza, indispensabile a questo punto, di dotare l'area di sistemi di videosorveglianza.

Oltre a questo, è emersa inoltre la necessità di alcune opere riguardanti la palazzina pastorale che contribuiscano una volta per sempre ad impedire a questi minus habentes ulteriori danneggiamenti a quadri raffiguranti immagini sacre (come nella foto), fioriere, suppellettili e quant'altro.

L'incontro tra il sindaco e Don Claudio si è svolto in un clima sereno e costruttivo, da dove è emersa la chiara volontà di porre una volta per sempre rimedio ad una situazione che negli ultimi mesi si è fatta via via insostenibile per i residenti di via Vitrani, oltre che ovviamente per il decoro e la sacralità del luogo.

Il sindaco ha rassicurato Don Claudio e i cittadini sulla ferma intenzione dell'amministrazione comunale di trovare nei prossimi giorni una soluzione al problema.

Non resta quindi che attendere ulteriori sviluppi di una vicenda che una volta ancora pone tristemente l'accento sulla assoluta mancanza di valori di tanti, troppi ragazzi e ragazzini barlettani.
Vandalismo alla casa canonica di via VitraniVandalismo alla casa canonica di via VitraniVandalismo alla casa canonica di via Vitrani
  • Vandalismo
Altri contenuti a tema
Atti vandalici a Barletta in piazza Federico di Svevia Atti vandalici a Barletta in piazza Federico di Svevia Fioriere sdradicate e distrutte, terriccio e piante per terra: ecco il micro-vandalismo
21 Le bruciano la macchina e rivolge un appello: «Vi prego, aumentate i controlli» Le bruciano la macchina e rivolge un appello: «Vi prego, aumentate i controlli» Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e la Polizia
Carnevale, ogni scherzo vale... ma non il vandalismo! Carnevale, ogni scherzo vale... ma non il vandalismo! La segnalazione di una cittadina
L'appello Retake: «La città di Barletta non è la vostra lavagna» L'appello Retake: «La città di Barletta non è la vostra lavagna» Le foto degli spazi deturpati da atti di vandalismo
11 Olio nero per vandalizzare un locale nella 167 di Barletta Olio nero per vandalizzare un locale nella 167 di Barletta La denuncia dello chef: «Questo è quello che succede a chi vuole lavorare»
15 Maleducazione e vandalismo a Barletta: quali rimedi? Maleducazione e vandalismo a Barletta: quali rimedi? L’inciviltà di tanti giovani imperversa in città, tra i vuoti normativi e la rabbia dei cittadini
Vandalismo in via Vitrani, rifiuti nei pressi della casa canonica Vandalismo in via Vitrani, rifiuti nei pressi della casa canonica Tante le denunce dei residenti: scorribande e insulti da parte di ragazzini
De Nittis imbrattato, vandali in azione di via Sant'Andrea De Nittis imbrattato, vandali in azione di via Sant'Andrea Preso di mira il murale del barlettano Borgiac
© 2001-2023 BarlettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BarlettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.